“A una passante”, di Charles Baudelaire

“A una passante”, di Charles Baudelaire

Feb 24, 2011

“A una passante”

 

 

In traduzione italiana

La via assordante strepitava intorno a me.
Una donna alta, sottile, a lutto, in un dolore
immenso, passò sollevando e agitando
con mano fastosa il pizzo e l’orlo della gonna

Agile e nobile con la sua gamba di statua.
Ed io, proteso come folle, bevevo
la dolcezza affascinante e il piacere che uccide
nel suo occhio, livido cielo dove cova l’uragano.

Un lampo, poi la notte! – Bellezza fuggitiva
dallo sguardo che m’ha fatto subito rinascere,
ti rivedrò solo nell’eternità?

Altrove, assai lontano di qui! Troppo tardi! Forse mai!
Perché ignoro dove fuggi, né tu sai dove io vado,
tu che avrei amata, tu che lo sapevi!

 

 

In originale
“À une passante”

La rue assourdissante autour de moi hurlait.
Longue, mince, en grand deuil, douleur majestueuse,
Une femme passa, d’une main fastueuse.
Soulevant, balançant le feston et l’ourlet.

Agile et noble, avec sa jambe de statue.
Moi, je buvais, crispé comme un extravagant,
Dans son oeil, ciel livide où germe l’ouràgan,
La douceur qui fascine et le plaisir qui tue.

Un éclair… puis la nuit! – Fugitive beauté
Dont le regard m’a fait soudainement renaître,
Ne te verrai-je plus que dans l’éternité?

Ailleurs, bien loin d’ici! trop tard jamais peut-être!
çar j’ignore où tu fuis, tu ne sais où je vais,
Ô toi que j’eusse aimée, ô toi qui le savais!

 

In lingua inglese

To a Woman Passing By

The deafening road around me roared.
Tall, slim, in deep mourning, making majestic grief,
A woman passed, lifting and swinging
With a pompous gesture the ornamental hem of her garment,

Swift and noble, with statuesque limb.
As for me, I drank, twitching like an old roué,
From her eye, livid sky where the hurricane is born,
The softness that fascinates and the pleasure that kills,

A gleam. then night! O fleeting beauty,
Your glance has given me sudden rebirth,
Shall I see you again only in eternity?

Somewhere else, very far from here! Too late! Perhaps never!
For I do not know where you flee, nor you where I am going,
O you whom I would have loved, O you who knew it!

— traduzione: Geoffrey Wagner

 

Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 – Parigi, 31 agosto 1867) è stato un poeta, scrittore, critico letterario, critico d’arte, giornalista,aforista, saggista e traduttore francese. È considerato uno dei più importanti poeti del XIX secolo, esponente chiave del Simbolismo, affiliato delParnassianesimo e grande innovatore del genere lirico, nonché anticipatore del Decadentismo. I fiori del male, la sua opera maggiore, è considerata uno dei classici della letteratura francese e mondiale.

Il pensiero e la biografia di Baudelaire hanno influenzato molti autori successivi a lui (ad es. i “poeti maledetti” di Verlaine, Marcel Proust, Alfred de Vigny, Edmund Wilson ed in particolar modo Paul Valéry), appartenenti anche a correnti letterarie e vissuti in periodi storici differenti, e viene ancor oggi considerato non solo come uno dei precursori del Decadentismo, ma anche di quella poetica e di quella filosofia nei confronti della società, dell’arte, dell’essenza dei rapporti tra esseri umani, dell’emotività, dell’amore e della vita che lui stesso aveva definito come “Modernismo”.

 

Altre opere di Charles Baudelaire presenti in OublietteMagazine:

La disperazione della vecchia

L’albatro

L’orologio

“Ubriacatevi”

Una carogna

Un burlone

La minestra e le nuvole

5 comments

  1. Nino Fazio /

    Al solito, per quanto possa essere fedele la traduzione, il risultato è una nuova composizione, simile ma differente nelle sfaccettature. Tradurre la poesia a mio avviso è scriverne un’altra tematicamente affine.

    • Concordiamo, concordiamo!

    • Questione di di suoni…e il suono anche per Baudelaire…contrariamente a quanto in troppi pensano (sbagliando, a mio avviso, oggi)…ha una fondamentale importanza.
      Non decisamente altra cosa in francese…
      Una sola volta in vita mia ho trovato delle traduzioni piuttosto accettabili…era un Libro di Poesia di Antonio Machado… “Las Orillas del Duero”… mi pare fosse questo il titolo…
      ma lo comprai in Spagna…

  2. Bel post!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. L’albatro di Charles Baudelaire « oubliettemagazine - [...] “A una passante” [...]
  2. “La disperazione della vecchia” di Charles Baudelaire, tratto da “Lo spleen di Parigi” « oubliettemagazine - [...] “A una passante” [...]
  3. Ubriacatevi di Charles Baudelaire, tratto da Lo spleen di Parigi XXXIII « oubliettemagazine - [...] “A una passante“ [...]
  4. “Una carogna” di Charles Baudelaire « oubliettemagazine - [...] “A una passante“ [...]
  5. “L’orologio” di Charles Baudelaire « oubliettemagazine - [...] “A una passante“ [...]
  6. Un burlone, poema in prosa di Charles Baudelaire da Lo Spleen di Parigi « oubliettemagazine - [...] “A una passante“ [...]
  7. “La minestra e le nuvole”, poema di Charles Baudelaire tratto da “Lo spleen di Parigi” | oubliettemagazine - [...] “A una passante“ [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: