“Sei mia. Un amore violento” di Eleonora de Nardis: una storia come tante sulla violenza di genere fra le mura domestiche

“Sei mia. Un amore violento” di Eleonora de Nardis: una storia come tante sulla violenza di genere fra le mura domestiche

Ott 3, 2018

Sei mia. Un amore violento è un romanzo in forma di diario scritto da Eleonora de Nardis e edito da Bordeaux Edizioni nel 2018.

Sei mia – Un amore violento

Eleonora de Nardis è una giornalista, autrice di saggi e inchieste e conduttrice televisiva coinvolta in brutto episodio di cronaca: il romanzo “Sei mia. Un amore violento” è ispirato a fatti realmente accaduti e c’è molto del sentire dell’autrice, di cosa l’autrice pensa del tema.

Questa è una storia come tante.

Lei è una donna in un momento di difficoltà economica e di instabilità affettiva, condizione successiva alla sua separazione dal marito, che trova uno “scoglio” a cui aggrapparsi nel mare aperto della vita in un uomo alto, prestante, ricco e con una posizione sociale solida.

Questa è una storia come tante.

Lui non è solo il trionfale principe del foro: è un uomo insicuro, timoroso di lasciare la moglie, anaffettivo, narcisista, incapace di empatia e di autocontrollo, in bilico fra due “famiglie”, fedifrago e divorato da una gelosia ossessiva.

Questa è una storia come tante.

La loro relazione non si configura come un rapporto d’amore. Dove c’è violenza, sia psicologica che fisica, non c’è amore: punto. Dopo un primo schiaffo, ad ogni presunta colpa di lei, si scatena un’escalation di insulti, di botte, di sequestri in casa, di minacce di morte perfino ai suoi tre bambini, l’ultima dei quali avuta con lui. Seguono chiamate alla polizia e periodici trasferimenti successivamente ai quali lei capitola, impietosita dalle lacrime e dalle richieste di perdono di lui.

Questa è una storia come tante.

Lei si vergogna di essere vittima di violenza, come se tale condizione fosse esito di un suo fallimento come donna, e nasconde le ombre dell’incubo dietro una maschera di compagna felice e mamma amorevole. Consapevole del proprio valore di persona, della propria intelligenza, eleganza e resilienza, impone a se stessa l’impossibile sfida che lui le propone: renderlo un uomo migliore.

Eleonora de Nardis

Questa è una storia come tante.

Purtroppo lo è.

Orrendamente lo è.

Questa storia ha un epilogo drammatico, colmo di sangue, di dolore, di umiliazioni, di attese, di logorii, ma lei è viva e può raccontare.

Questa è una storia di violenza domestica, come tante, che avrebbe potuto essere una storia di femminicidio, come tante altre.

 

Written by Emma Fenu

 

 

Info

Rubrica Donne contro il Femminicidio

Rubrica Uomini contro il Femminicidio

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: