Nexo Plus: il calendario di tutti i film trasmessi in streaming a luglio ed agosto 2021

Luglio ed agosto 2021: due mesi estivi con tantissime novità in streaming su Nexo Plus: la piattaforma streaming on demand, progetto di Nexo Digital sostenuto dai media partner Radio DEEJAY, Radio Capital, Classic Voice, Danza&Danza: arte, musica rock, pop e classica, opera, balletto, grandi eventi live, film premiati ed i migliori documentari!

Nexo Plus - piattaforma streaming
Nexo Plus – piattaforma streaming

Per i due mesi di luglio e agosto sono tantissimi nuovi titoli su Nexo Plus: la classica con Mozart, Herbert von Karajan, Daniel Barenboim, Leonard Bernstein, Los Angeles Philarmonic; il cinema di Ingmar Bergman, Robin Williams, Steven Spielberg, John Williams, Marco Bertozzi, il Far East Film Festival; la danza con Lindsay Kemp e il Romeo e Giulietta di Mats Ek; la musica con Ennio Morricone, Louis Armstrong, 2Cellos, Amy Winehouse e il Bestiario d’amore di Vinicio Capossela e Alessandro Barbero; l’arte con Botero, Vermeer, Modigliani, Vezzoli; la fotografia con Elliott Erwitt e Robert Mapplethorpe; i documentari sulla natura, l’astronomia, il problema ecologico, la storia della musica, le grandi dittature, il Vietnam, Gianni Rodari, Indro Montanelli e Albert Einstein.

Fino all’11 luglio è disponibile l’offerta Nexo+ Summer Days: utilizzando il codice promozionale SUMMERDAYS è possibile abbonarsi per 3 mesi a Nexo+ a soli 3,99 al mese anziché 9,99 € al mese.

Segue nel dettaglio il calendario dei film.

Dal 1° luglio: i giovedì del Far East Film Festival

Semplicità poetica, il microcosmo di Okita Shuichi

Continua l’appuntamento settimanale alla scoperta del cinema d’autore orientale. Qualche giorno nella vita del novantaquattrenne Morikazu Kumagai, tra i massimi pittori del Novecento giapponese, che negli ultimi anni della sua vita non lasciò mai il giardino-giungla che aveva fatto crescere attorno alla sua casa e che contemplava per ore, in osservazione della minuscola natura che vi prendeva vita. Mori, The Artist’s Habitat è la sintesi perfetta della visione del regista Shuichi Okita, uno sguardo lirico sulle piccole cose che eleva la semplicità a poesia ma che sa rispondere a domande universali come “che cosa significano veramente le nostre vite per chi ci sta intorno?”. E la stralunata commedia A Story of Yonosuke di Shuichi Okita vi risponde eloquentemente. Nel 1987 Yonosuke, adolescente maldestro e buffo, arriva a Tokyo per frequentare l’università. Qui conosce Yoko del cui interesse non sembra accorgersi, infatuato com’è di una donna più grande. 16 anni dopo, le vite di coloro che hanno conosciuto Yonosuke sono cambiate ma di Yonosuke, non vi è traccia. Può una persona così fondamentale per gli altri scomparire senza lasciar traccia?

“Bestiario d’amore – Vinicio Capossela incontra Alessandro Barbero” – Regia di Alberto Nerazzini

Una conversazione musicata intorno al Bestiario d’amore di Richart de Fornival, componimento letterario dal quale Capossela ha attinto per realizzare il suo ultimo EP omonimo, illustrato dall’artwork di un’artista d’eccezione, Elisa Setzinger. Il Bestiario di de Fornival è un trattato sull’amore, l’estremo bando di un innamorato che convocando le leggi stesse della natura cerca di convincere l’amata dell’unicità e della forza del suo sentimento. È un concertato che parla a tutte le cinque porte dei sensi, in maniera assolutamente attuale, forse perché l’amore è l’unico tema sul quale non siamo mai davvero cambiati e in nome del quale continuiamo a ragliare, covare, volare, fornirci di unghia, di corna e di coda, e siamo corvo, cigno e balena. Per parlare d’amore, ai tempi del grande distanziamento, Vinicio Capossela parla con lo storico Alessandro Barbero di immagine e testo, di medioevo e postmodernismo, di scienza e credenza, di poesia e di storia e in generale di tutto lo zoo interiore che l’inebriamento amoroso mette in libertà.

Dal 2 luglio

“Mozart Superstar – Ritratto di un’icona” – Regia di Mathias Goudeau

Non c’è dubbio: la prima pop star della storia è stata Wolfgang Amadeus Mozart. 626 opere, oltre 200 ore di musica, 12.000 biografie, 100 milioni di copie delle sue opere complete vendute in tutto il mondo. Due secoli dopo la sua morte, Mozart guida ancora tutte le classifiche. L’uscita di Mozart Superstar – Ritratto di un’icona è l’occasione per scoprire la playlist “Così fa Mozart” di Nexo+, che raccoglie opere concerti musica e documentari dedicati al grande compositore salisburghese.

Dal 4 luglio

“John Williams e Steven Spielberg – L’avventura continua” – Regia di Laurent Bouzereau

John Williams e Steven Spielberg – L’avventura continua
John Williams e Steven Spielberg – L’avventura continua

Nella storia del cinema ci sono stati alcuni casi in cui un regista e un compositore hanno formato una partnership di lunga data, creando musica che resiste alla prova del tempo. Nessuna, tuttavia, è stata così lunga o fruttuosa come i 43 anni di collaborazione di Steven Spielberg e John Williams. Nessuno ha abbracciato una così vasta gamma di argomenti o, meglio, ha avuto un impatto così enorme sulla cultura popolare mondiale. Dalla minacciosa nota di Lo squalo al saluto alieno a cinque note di Incontri ravvicinati del terzo tipo; dall’eroica marcia di I predatori dell’arca perduta ai temi commoventi per Schindler’s List, la musica che Williams ha scritto per più di due dozzine di progetti di Spielberg non solo li ha brillantemente serviti, ma è entrata nella più ampia cultura popolare internazionale.

Dal 5 luglio

“Cinema grattacielo” – Regia di Marco Bertozzi

Gli interni pop, le derive psichiche, i miti della vacanza di massa visti dal Grattacielo di Rimini, uno degli edifici simbolo della città. Alto 100 metri, inaugurato nel 1959 quale icona di una cittadina che si stava trasformando in metropoli balneare, considerato da alcuni un ecomostro e da altri un paradiso tecnologico, oggi è un quartierone verticale abitato da persone di una ventina di nazionalità differenti. La sua umanità e i suoi paesaggi sono scrutati in prima persona da uno dei suoi abitanti, in dialogo aperto con il grattacielo stesso (cui dà voce Ermanno Cavazzoni, ultimo sceneggiatore di Federico Fellini). Una riflessione autobiografica che si interroga sulle forme del documentario contemporaneo. Un nuovo titolo per la Costellazione di AAMOD, l’Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico.

Dal 6 luglio, a un anno dalla scomparsa di Ennio Morricone

“Morricone segreto – Celebrating Ennio Morricone” – Regia di Ruggero Longoni – Una produzione CAM Sugar

Per commemorare quello che sarebbe stato, lo scorso novembre, il 92º compleanno di Ennio Morricone, cinque dei suoi più stretti collaboratori e il figlio Marco Morricone si sono riuniti nello studio del Maestro a Roma – lo storico Forum Studios, fondato nel 1970 dallo stesso Ennio Morricone insieme ad Armando Trovajoli, Luis Bacalov e Piero Piccioni. Una vera famiglia e casa, dove il compositore ha registrato la maggior parte dei suoi capolavori. Ancora oggi i Forum Studios sono considerati un vero e proprio “tempio della colonna sonora” e hanno caratterizzato il leggendario sound del Maestro negli ultimi 50 anni e quello di molti altri artisti di fama internazionale. I cinque celebri musicisti, che hanno lavorato al fianco del compositore su alcune delle sue partiture più iconiche, condividono ricordi e storie su di lui e rievocano la sua brillante carriera durata più di sei decenni, ispirati dall’ascolto del primo capitolo di “Morricone Segreto”, la serie discografica dedicata alle colonne sonore meno celebri del Maestro edita da CAM Sugar, storica etichetta italiana di musica da film.

Dal 6 luglio, a 50 anni dalla morte di Louis Armstrong

“Louis Armstrong – Good Evening Everybody” – Regia di George Wein e Sidney J. Stiber

Una celebrazione musicale difficile da dimenticar, Good Evening Everybody riunisce Louis Armstrong e gli ospiti musicali per un concerto in onore del 70° compleanno di Armstrong al Newport Jazz Festival 1970. Good Evening Everybody documenta questo storico evento, raccogliendo il racconto di Louis Armstrong, i filmati delle prove nel backstage e gli spettacoli. Il restauro digitale ad alta definizione degli elementi originali del film dà vita a un tesoro musicale con un finale entusiasmante e commovente ispirato al gospel.

Dal 7 luglio

“Botero – Una ricerca senza fine” – Regia di Don Millar

Botero – Una ricerca senza fine
Botero – Una ricerca senza fine

Il documentario, diretto da Don Millar, è il ritratto profondo e stimolante di un artista letteralmente monumentale.

Il regista ha coinvolto curatori, storici e accademici per rivelare la creatività e la poetica di una delle personalità più considerevoli del mondo dell’arte contemporanea: Fernando Botero. Una nuova chicca della Costellazione che Nexo+ dedica a Feltrinelli Real Cinema.

Dall’8 luglio

“Cinemania – La serie – I musical, le grandi storie d’amore, l’horror, i film di Natale” – Regia di Lyndy Saville

Ian Nathan – autore di Stephen King at the Movies – Neil Norman – critico cinematografico e scrittore – Stephen Armstrong – scrittore e critico cinematografico per The Sunday Times – Bonnie Greer – scrittrice e critica – ripercorrono la storia del cinema attraverso quattro categorie scelte per l’occasione. Si parte dai musical, genere in grande ascesa all’inizio del XX secolo grazie a star in grado di creare relazione speciale con il pubblico del cinema, come la coppia Fred Astaire e Ginger Rogers, Gene Kelly, ma anche grazie a capolavori quali West Side Story, Blues Brothers, Dirty Dancing e La La Land. Si passa poi al genere horror e a quello romantico, con una selezione dei film preferiti dai quattro critici cinematografici. E per finire, il meglio dei film di Natale di tutti i tempi: da S.O.S fantasmi con Bill Murray a La vita è Meravigliosa con James Stewart, da Fanny & Alexander di Bergman al memorabile Trappola di cristallo di Bruce Willis.

I giovedì del Far East Film Festival

Tanada Yuki, un regista da un milione di talenti

Quello di Tanada Yuki è un cinema delicato e discreto, un cinema sulla vita con le sue delusioni e speranze, con le sue derive e i suoi approdi, con le traiettorie che si incrociano per poi divergere. One Million Yen Girl, Round Trip Heart e Romance Doll ne sono tre fulgidi esempi. Condannata ingiustamente, dopo aver fatto rientro dalla galera in famiglia, Suzuko decide di andarsene di casa. I genitori non fanno che rimproverarla, il fratello minore è ancora meno tollerante e i vicini non sono disponibili a reintegrarla. Hachiko, invece, vende cibo e bevande da un carrello sulla linea ferroviaria “Romance Car”. Quando un passeggero le ruba una scatola di snack, lei si lancia in un vivace inseguimento. Inseguitrice e inseguito, stremati, si concedono una tregua e partono insieme per un viaggio alla ricerca della madre di Hachiko. Infine, c’è Tetsuo che lavora in fabbrica di sex dolls con l’ambizione di realizzare la bambola perfetta. Per farlo realizza un calco del seno di una donna vera, la giovane Sonoko che accetta pensando di posare per protesi mediche, ma Tetsuo non le rivela la verità, neanche dopo che si sono sposati.

Dal 9 luglio

2Cellos – 2 Faces | 2Cellos – Live at Arena Pula | 2Cellos – Live at Arena Zagreb

 Tre titoli per celebrare l’emozionante musica dei 2Cellos. I giovani violoncellisti Luka Šulić e Stjepan Hauser, noti come 2Cellos, hanno ottenuto un successo sensazionale portando il violoncello a un nuovo livello e rompendo i confini tra generi musicali diversi. La loro versione per violoncello di Smooth Criminal di Michael Jackson ha ottenuto un successo internazionale: nel giro di una sola settimana, il video su Youtube è diventato virale, tanto che Elton John ha invitato i due musicisti a unirsi al suo tour mondiale. Il documentario 2Cellos – 2Faces ripercorre le tappe di questo successo, che li ha portati a esibirsi davanti platee ricolme, come accaduto all’Arena Pula e all’Arena Zagreb.

Dal 12 luglio, in occasione dell’anniversario della nascita dell’artista

“Modigliani –Principe Bohémien” – Regia di Jacques Lœuille

L’opera di Modigliani è tra le più riconoscibili dell’arte moderna. Basato su uno studio scientifico in corso, il film rivela i segreti dietro i miti che circondano questo artista bohémien, a un anno dal centenario della morte, avvenuta nel 1920.

Dal 14 luglio, in occasione dell’anniversario della nascita del regista

Playlist Ingmar Bergman – Persona, Liv e Ingmar – A love story

 Nel 1965, Ingmar Bergman realizza Persona, film cult che riassume da solo tutte le ossessioni del maestro svedese. Attraverso le sue parole e testimonianze, un’immersione nella sua straordinaria ebollizione creativa. Questo racconto è anche illuminato da personalità che sono state segnate dalla sua opera, come Arnaud Desplechin, Darius Khondji, ma soprattutto Liv Ullmann, il cui sodalizio con il regista divenne leggendario.

Dal 14 luglio, nel giorno della Presa della Bastiglia

“Freedom – Il suono della libertà” – Regia di Ulrike Neubecker e Chrysanthi Goula

La musica può emozionare e incoraggiare come nessun altro mezzo. Sconvolgimenti sociali e canzoni politiche hanno marciato mano nella mano sin dalla Rivoluzione francese, ma probabilmente anche prima di allora. La musica è uno strumento di mobilitazione. È l’incarnazione degli ideali e la speranza di una vita migliore. Galvanizza gli oppressi, sprona la resistenza e spara ai rivoluzionari. Il documentario in due parti Freedom – Il suono libertà risale alle radici di questa musica di speranza e ribellione, la musica dei non conformisti e degli oppressi. Questa è la prima volta che il suono della libertà e della protesta viene considerato nel suo pieno contesto storico; non solo all’interno del microcosmo degli anni Sessanta e del movimento per i diritti civili, ma lungo l’intero arco narrativo che va dal Settecento ai giorni nostri.

Dal 15 luglio

“Il cappello di Vermeer – Il mondo in un dipinto” – Regia di Nicolas Autheman

Il cappello di Vermeer – Il mondo in un dipinto
Il cappello di Vermeer – Il mondo in un dipinto

Questo film documentario – liberamente ispirato al famoso libro dello scrittore canadese Timothy Brook, Il cappello di Vermeer – offre un nuovo modo di comprendere il mondo globale in cui viviamo grazie a un dipinto del XVII secolo. Un dipinto semplice, apparentemente aneddotico, lungi dall’essere uno dei più famosi del pittore olandese, intitolato “Soldato con ragazza sorridente”, realizzato nel 1650. Una scena affascinante in cui un ufficiale, che indossa un cappello a tesa larga, parla con una giovane donna che tiene un bicchiere di vino in mano. La scena è ambientata in uno degli interni domestici a cui Vermeer era particolarmente affezionato.

I giovedì del Far East Film Festival

Il futuro è ora: Last child, un esordio folgorante

Quando il figlio adolescente annega per salvare la vita di un amico, Seong-cheol e Mi-sook, i genitori della vittima, si offrono di accoglierlo in casa. Quale può essere il rapporto con il ragazzo che è sopravvissuto al proprio figlio? Seong-cheol sente il bisogno di aiutarlo prendendolo sotto la sua cura e insegnandoli un lavoro. Nel frattempo, Mi-sook tenta, senza riuscirvi, di rimanere incinta per soddisfare il desiderio di suo figlio di avere un fratello. La donna allora trova il solo conforto nell’amico del figlio e gli si avvicina sempre più. Pian piano, i tre inizieranno a vivere come una famiglia. Last Child di Shin Dong-seok è un film che si guarda col cuore in gola per tutta la sua durata. I tre protagonisti sono fragili e sofferenti, ognuno a modo suo, e ciascuno è mosso da un dolore e un vuoto interiore insostenibili. La domanda è: il fatto di stare insieme li aiuterà a guarire o non farà altro che intensificare lo strazio? Gelso Bianco come migliore opera prima al Far East Film festival di Udine.

Dal 16 luglio

“Ossessione Vezzoli” – Regia di Alessandra Galletta

Due anni nella vita di Francesco Vezzoli, artista italiano ormai senza confini, mentre prepara le proprie mostre in alcuni dei musei più famosi del mondo e nel contesto delle maggiori istituzioni della scena artistica internazionale: il museo MAXXI a Roma, il MoCA a Los Angeles, la Biennale di Architettura a Venezia, Pitti Immagine a Firenze, il Doha Qatar Museum of Modern Art, il MoMA PS1 a New York e l’Aurora Museum a Shanghai. Gli spettatori sono accompagnati attraverso i diversi progetti, ripercorrendo la genesi dell’idea fino alla realizzazione delle opere stesse e all’apertura delle esposizioni.

Dal 19 luglio

“Soldi sporchi SPA”, Serie in 4 episodi – Regia di Sylvain Braun

Il traffico illegale non ha limiti per i criminali che lo praticano. Questa serie investigativa svela gli schemi internazionali che operano e proliferano proprio davanti ai nostri occhi, nonostante norme sempre più severe. Dal traffico di armi a quello della cocaina, passando attraverso i traffici più subdoli ma anche, purtroppo, più redditizi: quello dei medicinali contraffatti e dei migranti.

Dal 20 luglio

“Romeo e Giulietta” – coreografato da Mats Ek

Romeo e Giulietta diventano “Julia & Romeo” quando il coreografo di fama mondiale Mats Ek presenta il suo lungometraggio sulla musica di Čajkovskij, con la sua prima esibizione del Royal Swedish Ballet alla Royal Opera House. “È ora di cambiare le cose”, dice Mats Ek. Anche l’utilizzo della musica di Čajkovskij, invece di quella di Prokof’ev, è un segnale di cambiamento. Eppure, il dramma di un giovane amore in conflitto col mondo esterno è ancora lì. È ancora la stessa tragedia in cui l’amore trionfa pur nella disfatta.

Dal 21 luglio, una playlist con tanti titoli “Da guardare in famiglia”

“One life – Il film” – Regia di Michael Gunton e Martha Holmes

One life – Il film
One life – Il film

In oltre 5 miliardi di anni, la vita sulla Terra si è evoluta nell’incredibile ricchezza e varietà che oggi possiamo osservare. One Life – Il film è la celebrazione delle storie di sopravvivenza più fantastiche e fantasiose provenienti dal mondo della natura. Le più evolute tecniche cinematografiche catturano i comportamenti e le ingenuità degli animali in sequenze senza precedenti e straordinariamente belle. La storia di One Life ci conduce per mano dalla nascita fino all’arrivo della nuova generazione e poi ci porta ancora un passo più in là, rivelandoci che, ali o pinne, quattro zampe oppure due, il racconto della vita ci unisce tutti. A raccontarci questo straordinario viaggio che si chiama vita l’inconfondibile voce di Mario Biondi.

“La terra degli orsi” – Regia di Giullaime Vincent

Girato all’estremo confine del mondo, tra le nevi e i vulcani fumanti della Kamčatka, La terra degli Orsi rappresenta il documentario definitivo sull’orso bruno. Viene seguita la vita di cinque esemplari: una madre con i suoi due piccoli, un maschio “adolescente”, che sta sperimentando per la prima volta le durezze della vita, e un maschio adulto determinato a difendere la propria leadership. Ognuno di loro combatte la propria battaglia, sullo sfondo di uno scenario unico. Con la voce narrante di Flavio Insinna.

“Tarzan – Il richiamo della giungla” – Regia di Priscilla Pizzato

Un richiamo dal cuore della giungla, le inimitabili liane, il coltello… Tarzan ha viaggiato in tutto il mondo. È stato adattato in innumerevoli libri, fumetti, film, canzoni, avatar… È stato anche censurato, vestito di nuovo, trasformato in merce, deriso. Unico, immemorabile e sempre mutevole, Tarzan è uno dei grandi miti del XX secolo. Come se fosse uno specchio per ogni epoca per vedere e mettere in discussione ogni frontiera in movimento tra natura e cultura, il selvaggio e il civilizzato, uomo e animale. E anche se i miti possono essere eterni, hanno comunque una storia.

“Rodari 2.0 – Spazio alla parola” – Regia di Valeria Parisi

Accompagnati da Frankie Hi Nrg, ripercorriamo la storia dello scrittore Gianni Rodari andando a scoprire cos’è e cosa è stata la fantasia nel corso del tempo: da fuga dalla realtà a ingrediente necessario per l’educazione dei bambini. Cosa è restato del potere visionario della parola e dell’utopia in un’epoca sovraccarica di immagini? Citando Rodari “un giorno il senso dell’utopia sarà riconosciuto come uno dei sensi umani. Fino ad allora tocca alle favole mantenerlo vivo…”. Un’altra perla da aggiungere alla Costellazione Feltrinelli Real Cinema.

Dal 21 luglio, in occasione dell’anniversario di nascita di Robin Williams

“Boulevard” – Regia di Dito Montiel

Un matrimonio lungo una vita, una vita di bugie. Nolan Mack (Robin Williams) è vicino alla pensione e riceve una promozione come premio per il suo costante impegno nel lavoro. È un marito devoto, intrappolato in un matrimonio di convenienza, fino a quando incontra per strada un giovane… e Nolan sarà obbligato a fare i conti con se stesso.

Dal 22 luglio

“Zero Waste” – Regia di Raffaele Brunetti

Un viaggio tragicomico attraverso Napoli. Tra le meraviglie del golfo più bello del mondo, i frutti di mare più buoni e le surreali piramidi di spazzatura. Un viaggio in compagnia di preti, camorristi, attivisti, santi, magistrati, poliziotti, giornalisti, baristi. Con due interventi d’eccezione: quello del Sindaco di Napoli e quello del professore americano, Paul Connett, guru della teoria Zero Waste, che sostiene possibile azzerare i rifiuti, non solo a San Francisco ma anche a Napoli.

Dal 22 luglio, a 20 anni dalla morte di Indro Montanelli

“Indro – L’uomo che scriveva sull’acqua” – Regia di Samuele Rossi

Indro – L’uomo che scriveva sull’acqua
Indro – L’uomo che scriveva sull’acqua

Il documentario racconta la vita di una delle voci più autorevoli e discusse del giornalismo italiano, Indro Montanelli, colui che ha raccontato instancabilmente il tormentato secolo scorso, dagli anni ’30 fino alla morte nel luglio 2001.

Uomo dalla personalità complessa, che ha sempre preferito la propria libertà e rifiutato qualunque compromesso con il potere, Indro Montanelli è stato spesso al centro di animate discussioni che lo hanno portato a essere messo ai margini in un’Italia in cui, verso la fine della propria vita, non si riconosceva più.

Dal 23 luglio, in occasione dei 10 anni dalla scomparsa della cantante Amy Winehouse

“Amy” – Regia di Asif Kapadia

Un ritratto intimo e delicato della vita e della carriera di Amy Winehouse, morta a Londra a soli 27 anni. La storia drammatica della cantante, la sua personalità fragile, il rapporto con la famiglia, la fama, la dipendenza e, soprattutto, il suo talento. Premio Oscar come Miglior Documentario nel 2016. Il regista Asif Kapadia ha diretto anche i documentari Senna (2010) e Diego Maradona (2019).

Dal 26 luglio, in occasione del compleanno del fotografo Elliott Erwitt

“Elliott Erwitt – Silence Sounds Good” – Regia di Adriana Lopez Sanfeliu

Elliott Erwitt è una leggenda che ha segnato la storia della fotografia. Ha immortalato stelle del cinema, presidenti, papi, ma anche persone normali e i loro animali domestici… Se le sue foto sono mitiche, lo sono anche il suo umorismo e la sua autoironia. Questo documentario è un ritratto tranquillo e intimo di un artista al lavoro attraverso gli occhi dell’amica fotografa Adriana Lopez Sanfeliu.

Dal 27 luglio

“100 anni di Los Angeles Philarmonic”

Un secolo dopo il primo concerto dell’orchestra del 24 ottobre 1919, la stagione del centenario culmina in una “vistosa serata di gala” (San Francisco Classical Voice) presso la Walt Disney Concert Hall con gli attuali ed ex direttori principali Gustavo Dudamel, Zubin Mehta e Esa-Pekka Salonen a condividere il podio. Il repertorio è un riflesso del DNA che rende LA Phil la LA Phil: “il fattore determinante di questa orchestra è la sua capacità di fondere generi e stili per creare interpretazioni totalmente nuove di opere classiche”.

Dal 28 luglio

“Vietnam – La sporca guerra” – Serie di 3 episodi – Regia di Lyndy Saville

Una nuova serie in tre episodi che racconta la storia del Vietnam: la terribile guerra, naturalmente, ma anche la storia della dinastia del paese, l’impatto dei missionari cristiani, il colonialismo francese, l’invasione del Giappone durante la Seconda guerra mondiale e l’ascesa di Ho Chi Minh.

Dal 2 agosto

“Come diventare un dittatore – L’arte del colpo di Stato tra Giulio Cesare e Yeltsin” – Regia di Cal Seville

Come diventare un dittatore – L’arte del colpo di Stato tra Giulio Cesare e Yeltsin
Come diventare un dittatore – L’arte del colpo di Stato tra Giulio Cesare e Yeltsin

Una guida alla storia umana attraverso il suo aspetto più audace: il potere.

Da Giulio Cesare a Napoleone; da Mussolini alle roccaforti del presente.

Per capire come il mondo che conosciamo è stato modellato dai tiranni che hanno abusato del potere.

 

Dal 2 agosto, in occasione della vittoria di Pantani del Tour de France nel 1998

“Pantani” – Regia di James Erskine

Marco Pantani vinse il Tour de France e il Giro d’Italia, un’impresa che nessun altro corridore ha più ripetuto. Meno di otto anni dopo, all’età di 34 anni, morì da solo. La battaglia tragica combattuta dal più importante ciclista italiano della sua generazione: l’uomo contro la montagna, Marco Pantani contro se stesso.

Dal 3 agosto

“L’altra rivoluzione – Gorkij e Lenin a Capri” – Regia di Raffaele Brunetti e Piergiorgio Curzi

Circondati dal mare cristallino della più mondana tra le isole, Gorkij e Lenin si confrontano sulla preparazione della Rivoluzione Russa. Una storia decisiva per il futuro dell’umanità destinata a rimanere nascosta per molti anni.

Dal 4 agosto, in occasione del Festival di Salisburgo, edizione 2021

“Karajan e Mutter – L’inizio di una straordinaria intesa artistica” – Regia di Eric Schulz

Questo documentario racconta la straordinaria intesa musicale tra il maestro Herbert von Karajan e la giovane e talentuosa violinista Anne-Sophie Mutter. La loro versione del Concerto per violino di Beethoven è considerata come uno degli eventi musicali più memorabili, che hanno affascinato il mondo intero e sono rimasti indimenticabili fino ad oggi. Interviste con Anne-Sophie Mutter, Lisa Batiashvili, Robin Ticciati, Wilfried Strehle.

Dal 10 agosto, in occasione della notte di San Lorenzo

“Autostrada per le stelle” – Regia di François-Xavier Vives

Una squadra internazionale di astrofisici e cosmografi guidata dalla francese Hélène Courtois, si lancia in una bella e folle impresa: cartografare l’universo. Nel 2014, riescono a mappare per la prima volta il super ammasso galattico, Laniakea, in cui si trova la nostra galassia: la Via Lattea, rivelando così con una precisione senza precedenti il nostro indirizzo nel cosmo. Man mano che questa esplorazione progredisce, si delinea una nuova comprensione della dinamica e dell’architettura delle grandi strutture del nostro universo.

Dal 12 agosto

“Chitarra – Un’arma a sei corde” – Regia di Pierre-Paul Pujiz

La chitarra come arma di protesta e ribellione. Una storia, dal blues delle origini all’avvento del rock’n’roll, raccontata attraverso le voci di personaggi come Wayne Kramer, John Kay, Judy Collins o Lee Ranaldo. Questo è il racconto di come sei semplici corde sono riuscite a scuotere il pianeta.

Dal 13 agosto, a 60 anni dalla costruzione del muro di Berlino

“Daniel Barenboim – Concerto per il muro di Berlino” – Regia di Eric Schulz

Questo documentario presenta il leggendario concerto del Muro di Berlino dell’Orchestra filarmonica di Berlino sotto la direzione di Daniel Barenboim nel novembre 1989. Per entrare, i cittadini della Germania dell’Est dovevano solo mostrare la loro carta d’identità. La coda fuori dalla Filarmonica si è formata alle cinque del mattino, molti hanno trascorso la notte nel parcheggio con le loro Trabant. Interviste con Daniel Barenboim, Walter Momper e molti altri.

Dal 17 agosto

“Il gabbiano” – Regia di Michael Mayer

Il gabbiano – Regia di Michael Mayer
Il gabbiano – Regia di Michael Mayer

Tratto dall’opera Il gabbiano di Anton Cechov. L’ex attrice Irina si reca con il suo amante, lo scrittore Boris, e il figlio Konstantin nella casa estiva del vecchio Sorin.

Konstantin è innamorato della giovane vicina di casa Nina, la quale è però attratta da Boris. Si solleverà un turbine di passioni, fragilità e tormenti.

Uno splendido cast femminile: Annette Bening, Saoirse Ronan e Elisabeth Moss.

Dal 18 agosto

“Pop Scandals” – Serie di 2 episodi – Regia di Nicole Kraack e Sonja Collinson

Pop Scandals presenta una cronaca colorita degli scandali pop più succosi e piccanti! Allo stesso tempo, i singoli episodi delineano un quadro critico di questo genere alla luce dello zeitgeist morale e mediatico degli ultimi 6 decenni: dalle finte pretese borghesi degli anni Cinquanta, in cui bastava solo un’oscillazione dei fianchi o il lampo di un seno per innescare un terremoto, passando per il “tutto è permesso” e il “politicamente corretto” nell’odierna “economia dell’attenzione”. Guardando alle grandi pop star, Pop Scandals descrive ciò che, in momenti diversi, ha innescato scandali leggendari.

Dal 19 agosto, in occasione della Giornata Mondiale della Fotografia

“Mapplethorpe” – Regia di Fenton Bailey, Randy Barbato

Il racconto del fotografo più controverso del XX secolo, colui che è riuscito a trasformare la fotografia in arte contemporanea. Robert Mapplethorpe ha ritratto il sesso maschile, la nudità e il fetish agli estremi, portando il suo lavoro a essere etichettato da alcuni come “pornografia mascherata da arte”. Troviamo nel film anche Patti Smith, che di lui scriverà: “Su Robert è stato detto molto e molto altro si dirà. Verrà condannato e venerato, i suoi eccessi biasimati o romanzati. Alla fine, la verità potrà essere ritrovata solo nella sua opera. Essa non svanirà.” Un’altra perla della Costellazione Feltrinelli Real Cinema.

Dal 23 agosto

“Ciò che mi nutre mi distrugge” – Regia di Raffaele Brunetti e Ilaria De Laurentiis

Per la prima volta si aprono le porte di un centro per la cura dei disturbi del comportamento alimentare e si accede alle sedute di psicoterapia. Storie di disagio, sofferenza, senso di inadeguatezza, ma anche di speranza, che si esprimono attraverso il tragico tentativo di dominare il proprio corpo.

Dal 24 agosto, a 4 anni dalla scomparsa del coreografo Lindsay Kemp

“Kemp – My Best Dance is yet to come” – Regia di Edoardo Gabbriellini

Lindsay Kemp, ballerino, mimo, coreografo, regista, recentemente scomparso, è stato un’icona della danza contemporanea; sperimentatore eccentrico e provocatorio, fonte d’ispirazione per altrettante grandi personalità, che vanno ben oltre i suoi campi d’azione, come la sua influenza nella musica di David Bowie e Kate Bush e anche nel cinema con l’amico e genio dell’avanguardia inglese, Derek Jarman. Il documentario racconta l’ultimo anno di vita di Lindsay Kemp a Livorno, tra memorie e tentativi di mettere in scena il suo ultimo spettacolo dedicato a Nosferatu.

Dal 25 agosto, nel giorno dell’anniversario di nascita del maestro Leonard Bernstein

“Leonard Bernstein – Un artista fuori dall’ordinario” – Regia di Georg Wübbolt

Leonard Bernstein – Le due anime del genio
Leonard Bernstein – Le due anime del genio

Leonard Bernstein (1918-1990) era l’ambasciatore musicale americano nel mondo. Questo affascinante documentario mostra perché Bernstein è stato uno dei musicisti classici più influenti del secolo scorso. Era un insegnante stimolante, un brillante direttore d’orchestra, un bravo compositore e un abile pianista. Ha potuto colmare le lacune e abbattere le barriere in modo straordinariamente abile e tuttavia accessibile, raggiungendo un vasto pubblico in tutto il mondo. Il film include interviste con i figli di Leonard Bernstein, Jamie, Alexander e Nina Bernstein, e con Gustavo Dudamel, Stephen Sondheim, Kent Nagano, Marin Alsop, Sir Peter Jonas, Christoph Eschenbach, Norman Lebrecht, membri della Filarmonica di Vienna, Craig Urquhart…

“Leonard Bernstein – Le due anime del genio” – Regia di Thomas von Steinaecker

Un genio indiscusso della musica, uno dei compositori e direttori d’orchestra più innovativi e travolgenti del ventesimo secolo: questo fu Leonard Bernstein. Riscopriamo qui la sua carriera di compositore, dai capolavori come West Side Story e Kaddish alle sue ultime composizioni meno note, come il musical 1600 Pennsylvania Avenue e l’opera A Quiet Place. Ma “Lenny” fu anche un fervente paladino dei diritti civili e dell’uguaglianza degli afroamericani, sempre coerente con la vocazione umanitaria che sostanziava la sua vita consacrata alla musica e sempre impegnato a favore dei giovani, a cui dedicò centinaia di ascolti, lezioni, concerti (i famosissimi Young People’s Concerts), in un costante e trascinante coinvolgimento che ammalia ancora oggi.

Dal 29 agosto, in occasione del Carnevale di Notthing Hill

“London Calling” – Serie di 4 episodi – Regia di Simon Witter e Hannes Rossacher

London Calling racconta l’incredibile storia del pop britannico attraverso il prisma di forme d’arte correlate, rivelando come l’immaginario fotografico definiva il medium, l’influenza fenomenale delle scuole d’arte e della moda, l’amore/odio per la scena con il cinema e il ruolo centrale dei produttori di stelle e dei guru che hanno inventato le regole della moderna industria musicale. London Calling rompe il codice creativo alla base dell’irresistibile ascesa del pop britannico. La serie in 4 parti riporta interviste a pluripremiati veterani della TV musicale come Hannes Rossacher e Simon Witter.

Dal 31 agosto, in occasione dei 100 anni dalla vittoria del Nobel per la fisica

“Einstein e la relatività – una storia singolare” – Regia di Quentin Lazarotto

Non c’è dubbio che la teoria della relatività ha lanciato Einstein alla celebrità internazionale. Eppure, poche persone sanno che non ha ottenuto l’indiscutibile riconoscimento prima degli anni ’70. Un cosmologo fisico e uno storico delle scienze ci coinvolgeranno alla scoperta dei luoghi in cui la teoria è stata sviluppata e sperimentata. Incontreremo gli esperti che testimonieranno, attraverso esperimenti mai visti prima, come la teoria di Einstein ancora oggi mette in discussione la nostra percezione del tempo e dello spazio.

 

Info

Sito NexoPlus – guarda i film in programma

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: