AdBlock Detected

Stai usando AdBlock

Per continuare a leggere l'articolo è necessario disattivare l'AdBlock installato nel tuo computer. Oubliette Magazine è un sito certificato e sicuro per i naviganti.

“Darke” di Rick Gekoski: non ho un lavoro e non ho una vita, nessuna occupazione, solo preoccupazione

Avete presente quando vi mettete comodi a leggere un nuovo libro e, dopo poche pagine, quasi saltate su dalla poltrona, perché vi rendete conto di essere di fronte a una scrittura geniale? Ecco, questo è quanto è accaduto a me leggendo questo romanzo.

Darke di Rick Gekoski
Darke di Rick Gekoski

Darke è il signor James Darke (che non a caso vuol dire scuro), e lo scritto è il suo diario.

Scritto in maniera irriverente, irrispettosa, antipatica tanto quanto lo è il protagonista. Eppure, dopo le prime pagine, l’antipatia si fa da parte, perché ci si trova a concordare con alcune delle cose che scrive. Non tutte, ad esempio il suo odio per i cani non lo accetterò mai, eppure, persino mentre descrive il suo astio per le povere bestiole, lo fa in modo da mostrare un lato di una personalità eclettica e unica: possiede una sorta di cinismo a tratti divertente che è davvero difficile da descrivere.

Penso a quanto ne sia stato catturato lo scrittore! Per sua stessa ammissione, alla fine del libro, dice che Darke gli è entrato dentro in un modo assurdo! Quasi trasformando lo stesso scrittore nel protagonista!

Solo chi scrive comprende cosa intenda dire. Spesso, scrivendo, non è lo scrittore a decidere, ma lo stesso protagonista ad accompagnare, quasi si varcasse un altro mondo.

Dicevo che Darke ha un brutto carattere. Lo dimostra fin dalla prima pagina, quando ci spiega che è alla ricerca di qualcuno che gli monti una porta all’ingresso: “Un tuttofare che non può parlare? Una benedizione. Qualcuno dovrebbe aprire una ditta che li fornisca. Strappare loro la lingua o cucirgli le labbra, questo ci vorrebbe”.

Le sue descrizioni sono precise, tagliate con l’accetta e, a volte, assolutamente spudorate: “Gli angeli hanno il buco del culo?”

Non ha vergogna, parla di ogni faccenda con assoluta onestà.

Darke è un insegnante, o perlomeno, lo era, prima di ritirarsi nella sua casa, come una vecchia tartaruga che si rintani nel proprio guscio, escludendo tutto il mondo esterno.

Rifiuta la posta, i contatti, le mail, le telefonate. Tutto quello che gli serve se lo fa portare e assume una donna per le pulizie; ma tentando di avere anche con lei il minimo contatto possibile.

Perché?

Ce lo spiegherà proseguendo nella scrittura, non prima di aver distrutto qualche mito come Gibran, Virginia Woolf o altri.

La moglie, Suzy, è mancata dopo lunga malattia e lui sta semplicemente proteggendosi dal lutto.

Nel suo diario c’è la verità, c’è la vita, la morte, le riflessioni, frasi originali: “Sono una doppia elica formata da emozione e dall’assenza della stessa”.

Molte frasi sono “rubate” dai grandi della letteratura, dai filosofi, e vengono riportate in fondo al libro per eludere una qualsivoglia accusa di plagio!

Rick Gekoski
Rick Gekoski

La sua sincerità non giunge al lettore per vie placide, anzi, ci colpisce, a volte ci ferisce pure; eppure, anche in questo è geniale il modo di scrivere di Rick Gekoski.

Ci sono descrizioni che sfiorano il poetico, come questa dei libri: “Logori mazzolini di saggezza da annusare quando il puzzo della vita diventa opprimente”.

Quando il suo isolamento pare ingoiarlo, interviene la figlia e, tra litigi e abbracci, piano piano Darke lascia l’oscurità per tornare alla vita. Più di tutti ad aiutarlo è il nipotino, una giovane vita in cambio di quella della moglie che l’ha lasciato.

Le emozioni espresse sono così intense, mai banali, originali e condivisibili da ogni lettore che, bene o male, le ha provate sulla propria pelle.

Anche quando parla dell’agonia della moglie, mostra una gamma di emozioni sorprendenti, così umane: dal ribrezzo alla paura, dalla vicinanza alla vera pietas.

Eppure, ecco insorgere ancora la sua onestà: “I ricordi ci rendono tutti romanzieri, e di seconda categoria”.

Un libro che ho amato, che mi ha scrollato dal mio posto a sedere, mi ha concesso vedute nuove su scene già viste.

Una scrittura che ho ammirato e che, più volte, mi ha sorpresa mentre esclamavo: che “genialata”!

 

© 2021 Bompiani

ISBN 978-88-301-0565-2

Pag. 323 € 4,95

 

Written by Miriam Ballerini

 

Un pensiero su ““Darke” di Rick Gekoski: non ho un lavoro e non ho una vita, nessuna occupazione, solo preoccupazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: