Papiri di Ercolano: svelato il mistero delle griglie per delimitare lo specchio di scrittura

“Il Vesuvio urlava nella notte, sputando sangue e fuoco. Dal giorno che vide l’ultima rovina di Ercolano e di Pompei, sepolte vive nella tomba di cenere e di lapilli, non s’era mai udita in cielo una così orrenda voce. Un gigantesco albero di fuoco sorgeva altissimo fuor dalla bocca del vulcano: era un’immensa, meravigliosa colonna di fumo e di fiamme, che affondava nel firmamento fino a toccare i pallidi astri.” – Curzio Malaparte

Papiri di Ercolano - griglie - credito fotografico Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, Napoli
Papiri di Ercolano – griglie – credito fotografico Biblioteca Nazionale Vittorio Emanuele III, Napoli

Furono degli operai della famiglia reale dei Borbone, nel 1752, a ritrovare la Villa dei Papiri con al suo interno 1814 rotoli e frammenti (1756 scoperti nel 1855, mentre l’inventario ufficiale è di 1826) dei quali 500 si presentano come frammenti carbonizzati e dunque non leggibili, 340 sono completi e 970 sono per metà leggibili.

Un tesoro senza precedenti preservato dalla distruzione del clima mediterraneo. Non è possibile stimare il numero preciso dei papiri conservati nella cosiddetta Villa dei Papiri: molti furono distrutti nel lavoro di recupero dagli operai e dagli studiosi.

È l’unica biblioteca semi-intatta dell’antichità arrivata ai nostri giorni contenente soprattutto i testi dei filosofi greci, con un gran numero di opere del filosofo Epicuro (e dei suoi seguaci) e del poeta Filodemo di Gadara.

Una recente ricerca condotta da Università di Pisa, CNR e INFN e pubblicata in “Scientific Reports” ha confermato ciò che si sospettava: anche gli scribi antichi che esercitavano la loro arte sui papiri di Ercolano utilizzavano diversi tipi di griglie per delimitare lo specchio di scrittura.

La prima conferma scientifica di questa consuetudine, di cui gli autori classici ci avevano tramandato notizia, si deve ai risultati del gruppo di lavoro del Progetto ERC Advanced Grant 885222-GreekSchools, coordinato dal professor Graziano Ranocchia del Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa, e dedicato all’analisi con tecniche avanzate dei papiri carbonizzati di Ercolano, custoditi presso la Biblioteca Nazionale “Vittorio Emanuele III” di Napoli. Lo studio che ha portato a questa importante scoperta è presentato sulla rivista “Scientific Reports”, pubblicata da “Nature portfolio”.

Il professor Graziano Ranocchia afferma: “Si tratta di una scoperta sensazionale per la papirologia, ora abbiamo conferma di quanto prima potevamo solo immaginare. È inoltre finalmente dimostrato che la sistematica inclinazione delle colonne di scrittura nei rotoli letterari, la cosiddetta Legge di Maas, era un fatto estetico intenzionale degli scribi antichi, e non un segno di mancata accuratezza grafica, come è stato da alcuni ipotizzato”.

La pubblicazione, frutto della collaborazione di fisici, chimici e papirologi, ha evidenziato per la prima volta la presenza di vari tipi di griglie nei rotoli librari greci dell’antichità. Era già noto dagli autori classici che gli scribi antichi utilizzavano a questo scopo un righello e una rondella di piombo, la quale strofinata sulla superficie del papiro lasciava un’esile traccia appena visibile, che serviva a tracciare i confini dello specchio di scrittura.

Mai finora ne era stata evinta traccia nei numerosissimi papiri a noi pervenuti dall’antichità, al punto che i moderni studiosi si sono arrovellati per decenni sul significato di tali testimonianze. Gli esperimenti di macro-fluorescenza a raggi X a scansione eseguiti su papiri ercolanesi della Biblioteca Nazionale di Napoli dal team del dottor Paolo Romano, dell’Istituto di scienze del patrimonio culturale del Cnr (Cnr-Ispc) di Catania, e dei Laboratori Nazionali del Sud dell’INFN Istituto Nazionale di Fisica Nucleare hanno fornito la prova sperimentale della correttezza di queste informazioni. Grazie alla strumentazione portatile sviluppata in Cnr-Ispc con il progetto MUR PON IR SHINE, sono stati rivelati per la prima volta diversi tipi di griglie costituite da linee di piombo disposte in senso ortogonale al fine evidente di delimitare spazi intercolonnari, colonne, intercolunni e singole linee di scrittura.

La dottoressa Costanza Miliani, direttrice del Cnr-Ispc, afferma: “Lo sviluppo di strumentazioni e metodi non invasivi per l’analisi in situ sta portando importanti avanzamenti nella diagnostica dei beni culturali, in particolare lo scanner XRF sviluppato da Ispc-Cnr per la piattaforma di accesso MOLAB dell’infrastruttura di ricerca E-RIHS permette di rivelare informazioni preziose sulla composizione chimica e la distribuzione degli elementi grazie a sensibilità e risoluzione spaziale senza pari, come per le ultra-tracce di piombo residuale delle line di scrittura dei papiri di Ercolano”.

La dottoressa Maria Iannotti, direttrice della Biblioteca Nazionale di Napoli, ha manifestato grande soddisfazione: “Questo è un nuovo inizio per gli studi concernenti le nostre collezioni e un modello di cooperazione istituzionale da estendere ad altri casi dello stesso genere. A mio giudizio, la conservazione e la ricerca devono andare di pari passo e devono comunicare tra di loro a vantaggio sia dell’una che dell’altra”.

Maria Iannotti, fin dall’inizio del suo mandato, ha fortemente creduto nella necessità di stringere collaborazioni con università ed enti di ricerca per la valorizzazione dell’ingente patrimonio dell’Istituto da lei guidato, il quale comprende, oltre ai papiri, un’importante collezione di manoscritti antichi e incunaboli e, tra gli altri, importanti autografi di Giacomo Leopardi e Benedetto Croce:

Scanner MA-XRF durante l'indagine sui papiri di Ercolano
Scanner MA-XRF durante l’indagine sui papiri di Ercolano

Questa collaborazione, che vede la Biblioteca Nazionale di Napoli per la prima volta cobeneficiaria di un progetto finanziato dalla Commissione Europea, è rafforzata anche dalla recente sottoscrizione di apposite convezioni sia con il Cnr-Ispc, sia con l’Università di Pisa.

La professoressa Roberta Ferrari, direttrice del Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica, afferma: “Da quando il Dipartimento da me guidato ha deciso di ospitare il Progetto GreekSchools le occasioni di collaborazione istituzionale e di visibilità pubblica delle nostre attività di ricerca sono notevolmente aumentate, anche con l’attrazione di altri progetti finanziati e il recente importante riconoscimento ministeriale del Dipartimento di Eccellenza 2023-2027, che con il Progetto CECIL si propone come avanguardia nel contrasto all’impoverimento linguistico”.

 

Info

Sito Biblioteca Nazionale di Napoli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *