“Anelli di Quercia”, libro di Cristina Bergomi: la disperazione e il coraggio di una donna

“Questo era ciò che mi raccontavo quando le parole tra noi sembravano non trovare la giusta collocazione e ogni tentativo di mediazione o di confronto si trasformava in una penosa disfatta. Non potevo ammettere di aver sbagliato, di aver affrettato le cose senza lasciarmi il tempo di riflettere, di conoscerci meglio. L’amore che provavo per lui non concedeva spazio alla razionalità e uccideva ogni dubbio ancora sul nascere.”

Anna e Sergio si incontrano per pura casualità durante un matrimonio e subito si accorgono di avere qualcosa in comune.  Anna ne rimane profondamente colpita, si rende conto che lui è capace di leggerle dentro in maniera così semplice. Le basta così poco per comprendere di avere davanti l’uomo della sua vita ma non intuisce il dolore e le difficoltà che d’ora in poi caratterizzeranno il loro cammino insieme.

Anelli di Quercia”, autoprodotto e auto pubblicato da Cristina Bergomi (dicembre, 2013), è una storia di violenza domestica, è il racconto delle angherie subite da una moglie dal marito e di quelle subite da dai due quando erano bambini, narrati in modo forte, incisivo e con uno stile chiaro e mai greve.

Ogni spiazzante dettagliato della vicenda viene esplicato senza censura alcuna e a colpire sono da una parte le descrizioni delle violenze ma dall’altra l’impossibilità mentale di riuscire a dimenticare un uomo che le causava solamente sofferenze.

L’introspezione psicologica la fa da protagonista nel romanzo e i numerosi flashback facilitano la comprensione del come si sia potuti giungere a determinati comportamenti.

Anelli di Quercia” ci rammenta come la vita sia talvolta un circolo che riporta inevitabilmente a fatti che avremmo voluto dimenticare per sempre e come anche i più combattenti possano essere trattenuti da sentimenti più forti di loro stessi.

Ma è anche la storia d’amore tra una mamma e un figlio e la scoperta che per e grazie a  questo si può trovare un coraggio inaspettato.

Le parole non sono però sufficienti, è necessario leggere il libro, feroce e commovente al tempo stesso, di Cristina Bergomi per comprendere meglio ogni cosa.

Una vicenda, purtroppo, attualissima, in un mondo che quotidianamente ci presenta omicidi da parte uomini gelosi ed irrazionali nei confronti delle loro mogli, compagne e quant’altro. Una storia che potrà forse essere d’aiuto a quelle donne che si domandano se altre persone vivono loro malgrado situazioni simili e che potrà chissà dare loro il coraggio per ritrovare la perduta libertà.

 

Written by Rebecca Mais

 

Info

Facebook Anelli di Quercia

 

One thought on ““Anelli di Quercia”, libro di Cristina Bergomi: la disperazione e il coraggio di una donna

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: