“Love is like water”, videoclip del duo Glitterball con la regia di Fricso

Love is like water“, per la regia di Fricso, abruzzese, musicista e scrittore di testi, è un video divertente, estivo e un po’ retrò, che descrive l’immaginario colorato e sognante del duo.

Girato in spiaggia, proprio sotto casa, approfittando dell’ultima brezza estiva di Settembre.

Il video ha anticipato l’uscita del nuovo lavoro discografico dal titolo “Teen” avvenuta il 5 Ottobre, terzo album della band, composto da 10 brani elettronici, potenti e psichedelici.

Registrato tra la primavera e l’estate del 2013, “Teen” non vuol dire ragazzo, ma sentimento, passione, assoluto.

Sulla loro pagina facebook, i Glitterball scrivono nella sezione informazioni:

Teen è finalmente un disco, e noi siamo soddisfatti quando accade questo, perché solo così possiamo buttare un lavoro alle nostre spalle, ed andare avanti nella nostra personale ambizione creativa e sperimentazione non solo sonora, ma anche di temi o se vogliamo di forme e timbri da dare ai discorsi.

È un unicum che si avvale di frammenti assoluti, di universi puri, intatti, per questo affronta temi come l’Amore, il Sogno, la Morte postmoderna, la via dei Canti (come sinonimo e fusione di musica e poesia), la Macchina e la nolontà, o meglio il nichilismo quando si mescola al patologico fino al suicidio, tutto questo vissuto come sens’azione giovanile e quindi in modo integralista.

L’amore in Teen è come l’acqua: non si spiega, aborrisce ogni elucubrazione postuma, ogni pessimismo, preferendo al romanticismo il non-potersi-dire del momento che si è, che si vive.

Alla base di questo lavoro, c’è una assoluta pretesa di originalità, in quanto le paternità (influenze, dicunt) sono molte e sarebbe inutile stare qui a esporle come si fa con un elenco telefonico.

Del resto le idee sono di tutti e noi siamo unici ma simili a tanti, ed è nella somiglianza che vanno trovate le differenze.
Teen ha di unico e particolare che è stato registrato con due microfoni in presa diretta durante le prove in una saletta a ore di Pescara, fra la primavera e l’estate del 2013, all’età ‘generazionale’ di 33 anni, l’ età di Cristo, di Don Giovanni; lo scatto di copertina è dello studio fotografico d-image, artisti con i quali la band lavora dal primo disco.

Ci sono brani, noi li definiamo “eventi”, come la Folie Baudelaire che sono vere improvvisazioni e noi, per amore di un momento che sappiamo non sarà mai più ripetibile, per dedizione alla spontaneità dell’arte, e perché non ci divertono le messe in scena dei sentimenti, abbiamo preferito inserire nel disco, così, come è venuta… a scavare il cielo.

 

 

Info

Facebook

MySpace

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: