“Il fantasma di Riario”, libro di Ivo Ragazzini: scoperte sulla morte di Girolamo Riario

Scoperta dov’era la vera stanza delle ninfe nella quale fu assassinato Girolamo Riario nel rinascimento.
Lo afferma lo scrittore Ragazzini Ivo nel libro “Il fantasma di Girolamo Riario.”appena pubblicato che spiega non solo cosa successe a Forlì nel rinascimento, ma anche dove e come fu assassinato Riario.

Tutto nasce quando alcune persone raccontarono nelle cronache forlivesi di aver visto prima un fantasma con la testa spaccata che stava “danzando” sospeso nel nulla fuori da una finestra del palazzo comunale, poi alcuni giorni dopo lo rividero uscire da alcune stanze del palazzo lamentandosi.

L’autore indagando quei fatti è riuscito a scoprire a ritroso nel tempo che “quella persona” era Girolamo Riario, primo marito di Caterina Sforza assassinato in quel palazzo più di 500 anni fa.
In particolare ha riscoperto non solo perché fu assassinato, ma esattamente anche dove e come fu assassinato.

Riario fu assassinato nella stanza detta delle ninfe per un regolamento di conti nientemeno che con Lorenzo il Magnifico.
Anche la stanza delle ninfe dove fu ucciso non è più quella che esiste oggi con lo stesso nome dentro il palazzo comunale di Forlì che fu dipinta 70 anni dopo quei fatti, ma  si  trovava in un ala laterale del palazzo.”

Quella stanza fu fatta distruggere subito dopo quei fatti da sua moglie Caterina Sforza, proprio per la violenza di quegli episodi, così gli architetti successivi evitarono accuratamente di ricostruirvi sopra e nascosero quel luogo con un artificio architettonico, ma da ora in poi chiunque può rivederlo, perché è ben spiegato nel libro come fare.”  spiega l’autore.
Inoltre quel libro spiega pure per la prima volta assoluta perché Caterina Sforza fu falsamente accusata per secoli di aver mostrato le sue vergogne dagli spalti della rocca di Forlì ai suoi nemici che gli chiedevano di arrendersi e come andarono invece le cose.

Caterina Sforza non fece altro che un gesto simbolico con la mano. Allora quel gesto era detto mostrar la F… ed era molto di moda come risposta per sfottere qualcuno e lo facevano praticamente tutti e a dir il vero qualcuno lo fa pure oggi anche se non si chiama più così. Lo scrisse pure Dante nella divina commedia per non parlare dell’accademia della crusca che descrive esattamente come fare quel gesto.” conclude l’autore.

Il Fantasma di Girolamo Riario
di Ivo Ragazzini
MJM Editore – Monza
Brossura: 148 pagine
Editore: Mjm Editore (1 settembre 2012)
ISBN-10: 8867130242
ISBN-13: 978-8867130245

 

Info

Ivo Ragazzini

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: