"I migliori anni" di Carlo Conti riporta il fenomeno dei primi anni del XXI secolo: Le Lollipop.

30 settembre 2011, dopo dieci anni dall’uscita di uno dei singoli più trasmessi da MTV Italia e TRL “When the Rain”, tornano le cinque ragazze che hanno stregato milioni di ragazzi e ragazze nel nostro paese. La prima girl band italiana le “Lollipop”.

Cinque ragazze, vincitrici del primo talent show italiano “Popstar”. Veronica Rubino di Caserta, Marcella Ovani di Pesaro, Marta Falcone di Garbagnate (MI), Roberta Ruiu di Roma ed infine Dominique Fidanza di Aragona (AG).

Cinque anime con una sola identità e un unico sogno, cantare.

Dopo solo dieci anni e una nuova e attesissima apparizione nella scorsa edizione di “Matricole e Meteore” tornano per stregare ancora i milioni di FANS che continuano a essere le preferite. Alle ore 21:10 su Rai Uno nel programma “ I migliori anni” di Carlo Conti.

Come nella precedente apparizione televisiva del 29 gennaio 2010, sarà in quattro escluso Dominique Fidanza, la quale ha chiuso ogni forma di contatto con il gruppo e soprattutto con Marta Falcone con la quale c’era una grande amicizia, l’estate 2004, dopo che il gruppo “Warner” Italia non ha più voluto rinnovare il contratto, definendole come un “prodotto commerciale scaduto”.

Ripercorriamo insieme le tappe più indicative di un gruppo che avuto i suoi lati belli e brutti, di gloria e di grande sconforto ma soprattutto momenti indelebili che a distanza di dieci anni sono vivi in ognuno di noi.

08 marzo 2001 le “Lollipop” nascono ufficialmente e si apprestano a firmare il loro primo contratto discografico con la “Wea-Warner” Italia, per un singolo e un album d’inediti. Le ragazze sono avvolte da un vortice di adrenalina e di sorprese, dai servizi fotografici per le grandi riviste italiane come “Panorama” alla scelta degli abiti per il loro primo videoclip girato nella discoteca milanese “Alcatraz”.

30 marzo 2001 escono con il loro primo singolo “Down Down Down” canzone pop-dance scritta da Sabrina Pistone. La copertina del singolo è ancora definta dopo solo dieci anni, una delle più belle foto che il gruppo abbia mai fatto, uno scatto che immortala i loro visi soddisfatti e pieni di grinta, pronte a sconvolgere l’intera Italia.

Il singolo che contiene anche la colonna sonora del programma cantata dalle cinque vincitrici “ Everybody come on (wanna be a popstar) sbalza in testa alle classifiche dei singoli, con 42.000 copie vendute nella sola prima settimana di vendite.

Un risultato non provvisorio ma temporaneo, per ben tre settimane conquista il podio sbalzando dalla ton ten anche cantanti del calibro di Madonna e Depeche Mode. Le “Lollipop” conquistano 100.000 copie e il loro primo disco di platino solo dopo tre settimane dall’uscita del singolo.

Il risultato inaspettato e la forte attenzione dei Media, spinsero la casa discografica ad anticipare l’uscita dell’album d’esordio dal titolo “Popstars”, nome scelto come omaggio alla trasmissione televisiva. L’album uscito nei negozi il  01 giugno 2001 arriva alle sue prime 20.000 copie vendute in una sola settimana, diventando il  quattordicesimo disco più venduto. Con la prima gioia iniziano anche le prime critiche, alcune costruttive come le molte delusioni dell’album, ritenuto un prodotto scarso, deludente, di poco valore musicale e soprattutto completa assenza vocale delle ragazze. Un risultato aspettato poichè le canzoni e le musiche non furono scelte dalle ragazze. “Popstars” ha venduto 80.000 copie aggiudicandosi il disco d’oro ma è stato un prodotto “tipico” della “Warner” per vendere e non delle ragazze.

Estate 2001, secondi, minuti e ore di grande orgoglio dai primi premi al Festivalbar, fino al loro primo tour “Popstars 2001” sold out in tutte 50 date. Conferma di un successo senza precedenti, forte ma anche fragili, vittime delle prime divergenze e di un Team insufficiente nel dirigerle e nel dirigere tale fenomeno.

When the rain” terzo singolo estratto dall’album d’esordio uscito al termine del tour sbarca nelle classifiche di tutta Italia compresa quella di TRL. Il video tipicamente natalizio più votato in quei mesi bloccandosi solo alla posizione 3. La canzone insieme a “ Weekend Lover” sono  state definite da molti critici musicali le più affascinati e le miglior interpretate.

Un anno dopo la loro vittoria vengono scelte da Pippo Baudo per partecipare nella sezione “Big” alla 52 edizione del festival di Sanremo. Le cinque ragazze per la prima volta affronteranno un brano in italiano, una mini biografia della loro avventura scritta da Vanni Giorgilli, Luigi Rana e Alessandro Blescia,dal titolo “Batte Forte”. Una scelta completamente sbagliata e affrettata da parte di tutto lo staff che ha diretto e ha voluto la loro partecipazione alla manifestazione canora, ricordata per molti, purtroppo come la “fine delle ragazze”. Questo è il quesito principale che lega i migliaia di FANS che ancora oggi si domandano: Come può un gruppo cosi giovane già cavalcare un palco cosi grande? Per audience o perché già c’era qualcosa in pentola in casa “Warner”?…ma nonostante il singolo è stato il più venduto del festival, più di 60.000 copie e disco d’oro e un tour “Popstars 2002” che ha riconfermato l’amore e il sostegno di tante persone in giro per l’Italia.

Duro colpo, e grande riposo dopo circa 60 date dell’ultimo tour terminato il 30 ottobre 2002 a Frosinone. Le ragazze iniziano con nuovi produttori e una maturità che le condurrà a produrre e a interpretare uno degli album più belli della musica pop “Together”. Vanni Giorgilli e Luigi Rana  i due autori del brano sanremese scelti per rilanciare il fenomeno “Lollipop”.

Il 05 aprile 2003 esce “Credi a Me” brano tratto dalla colonna sonora de “Il Libro della Giungla 2”. Una collaborazione che rilancia il gruppo verso i piani alti della critica ma non delle vendite, sole 5.000 copie vendute nella prima settimana e dei 42 posti in classifica. Questo deludente risultato porterà la “Wea-Warner” a spostare l’uscita del secondo album da maggio 2003 a gennaio 2004.

Il 23 gennaio 2004 escono “Together” e il primo singolo estratto “Dreaming of Love”. Un album capolavoro, prodotto da Vanni Giorgilli e Luigi Rana e scritto da grandi autori come Lamoy, Wedeen e Cuneta i quali hanno scritto proprio la canzone lancio del disco e infine Grey e Kooreman autori de “Always got your back”.

Le sorprese delle cinque ragazze non si fermarono qui….Roberta  Ruiu e Dominique Fidanza diventano autrici assolute di due testi “Love4Free” e “Non è solo un’Emozione” tra l’altro unica canzone in italiano del disco. Dieci brani,cinque dei quali cantati e curati da ciascuna ragazza, un semplice modo per dimostrare la loro maturazione artistica e di non essere un prodotto da tavolino. Le altre cinque cantate in gruppo sono un inno alla passione e alla musica, come “&me you” e “Stop”.

Un disco non compreso, come tutti i capolavori. Scarso successo e delusione di cinque ragazze pronte a dimostrare al mondo la loro musica, quello che erano prima di “Popstar” e dopo il programma che le ha portate al successo. Roberta e la sua passione per le canzoni dei grandi autori italiani, Marta e il suo “Latin World”, Dominique e la sua arte “Dark e Misteriosa”, Marcella e il suo “Sweet Pop” ed infine Veronica e il suo “R&b”.

Perché?…, ma i pochi che hanno “Together” hanno il cuore del gruppo e che sperano anche dopo tanti anni un riscatto da cinque semplici ragazze che continuano a sognare e che fanno sognare. Ci vediamo venerdi non mancate.

 

http://youtu.be/y5BE-g2KHsA


7 pensieri su “"I migliori anni" di Carlo Conti riporta il fenomeno dei primi anni del XXI secolo: Le Lollipop.

  1. Il post è molto interessante, e sicuramente scritto in modo chiaro! Ma la questione che riporti mi pare più complessa di quello che se ne possa pensare così su due piedi, poiché ci sono interessi molteplici in gioco ed è più conveniente la strada del tacere o – meglio – del buttare fumo negli occhi! E a proposito di FUMO -> http://mondocineroma.wordpress.com/2011/09/29/fumo-tanti-morti-e-si-reclutano-i-giovani-coi-fattoni-animati/

  2. è un articolo scritto fin troppo di parte, e a dirlo è uno che le Lollipop le ascoltava molto eh! Però c’è un po’ troppa “fantasia” =) andrebbe un attimino rivisto con occhio più critico. La parola capolavoro è decisamente usata impropriamente. Sicuramente si può parlare di un esperimento pop lasciato a metà. Ed è stato un vero peccato.

  3. Da ex fan sfegatato delle Lollipop, ormai cresciuto, bisogna prendere le cose con molta obiettività. “Together” capolavoro incompreso del pop anche no…

  4. Ciao Ragazzi, l’articolo è stato scritto troppo di parte, semplicementr perchè mi andava di gratificare ragazze che credono molto in questo progetto “Lollipop”. “Together” è un capolavoro,ma è un mia opinione, come dice “piciotto” un esperimento pop lasciato a metà dalla casa discografica! comunque grazie ad entrambi….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: