“Il mio Delta e dintorni” di Colomba Di Pasquale: chi sono io e chi sei tu

“Il mio Delta e dintorni” di Colomba Di Pasquale: chi sono io e chi sei tu

Set 11, 2015

“Sono la strada che porta a casa/ e le margherite lungo gli argini del canale/ e anche la distesa di rododendri,/ sono la farfalla con le ore contate/ che si gode l’ultimo e il primo sole della mia rapida vita,/ sono l’airone solitario perché sto male altrimenti sarei in gruppo/ e sono la garzetta stanca lungo la palizzata del fosso”

Il mio Delta e dintorni

Piace la poesia di Colomba Di Pasquale perché non dice quello che bisogna fare. Non è arrogante, non è presuntuosa di imperativi ma trova culla e pareti nei nidi, negli “inviti naturali e sinceri”, ovunque possa muoversi un augurio “per la vita a venire”.

Si sentono chiari i rimandi a Whitman nella raccolta “Il mio Delta e dintorni, non solo per il verso che riesce a spingersi oltre i limiti (gli argini) della pagina; non solo per gli elenchi delle cose e certi temi tanto cari alla letteratura vitalistica (e boschiva) americana.

C’è una dichiarazione di identità continua, tale per cui ogni verso del suo delta risulta essenziale, fondamentale nell’economia della raccolta.

Identità che non va a sovrapporsi totalmente – direi panteisticamente – agli esseri di fiume (di laguna) che popolano queste pagine dense di posti diventati rifugio di una penna altrimenti itinerante, altrimenti preda dei sentimenti del tempo, della necessità del Sangiovese.

Nonostante, quindi, il lungo canto del Delta in cui l’autore pare essere ogni cosa, siano piante o animali con ogni loro gesta – “il passaggio da terra a cielo del fenicottero […] l’acqua salmastra che disseta la salicornia e la tamerice […] l’airone solitario perché sto male” – tra canneti di palude e canali e “la strada che porta a casa” è affermata, senza essere tuttavia risolta, la gratitudine per la differenza, “la vicinanza terrena tra me e il resto di me”.

Colomba Di Pasquale

Chi sono io e chi sei tu: una domanda fondamentale per la verità di ogni relazione, un punto di partenza – e di approdo – per ogni dialogo e conoscenza d’amore; un amore che Colomba spinge oltre il suo terreno abituale, portando la dedica anche fuori regione, per autostrade, per laghi e paesi, fuori nazione e continente fino dentro a un monastero. Ecco giustificato ogni altrove dei “Dintorni”, tutto tranne che un’appendice del libro.  

“[…] Sarà questa la purezza dell’inizio e della fine?

Sarà questa mi dico l’essenza della vita?”

Colomba di Pasquale è nata a Lilla, in Francia, nel 1968. Di origini abruzzesi, insegna Diritto ed Economia in due istituti tecnici di Ravenna. Risiede a Recanati, luogo poetico per antonomasia.

La sua prima pubblicazione, Viaggio tra le parole (Del Monte),  risale al 2006, cui fece seguito l’anno successivo Una vita altrove (Nicola Calabria). Di quegli anni l’incontro con Vivian Lamarque, che ha firmato la prefazione a Dulcamara (Genesi, 2010) e alla sua ultima raccolta, Il mio Delta e dintorni (Fara, 2014).

 

Written by Giorgio Casali

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: