Novità: Rupe Mutevole Edizioni presenterà alcuni suoi autori durante le giornate del “Festival di Sanremo”

La casa editrice Rupe Mutevole Edizioni, dopo le svariate comparse in più manifestazioni artistiche quali il Salone del Libro di Torino e la Fiera del Libro di Trino nel 2011, conferma la sua partecipazione il 16 ed il 17 febbraio 2012 nel cuore della città dei fiori a Portosole, Media Music Village, durante le giornate del Festival di Sanremo per le presentazioni letterarie di Haria, Enrico Nascimbeni, Silvia Denti e Gavino Angius.

Giovedì 16 febbraio sarà, inoltre, presentata la nuova collana editoriale di Audiobooks con la recitazione di Fabiana Viola ed interverrà il cantastoriedisegnate Gianluca Serratore nel presentare la collana “Segni Narranti”.

 

 

Programma:

 

Giovedì 16 febbraio ore 16.30

Presentazione di Haria ed il suo mondo sciamanico

“Donne di conoscenza”, il primo libro di Haria, pubblicato da Rupe Mutevole nel 2004, fu la rivelazione di un mondo magico, ancestrale eppure reale e accessibile. Negli sterminati boschi di castagni, sulle rupi e sulle vette dei monti Penna, Tomarlo e Nero trovò una nuova, esaltante solitudine: la meraviglia. Meraviglia per un mondo ormai ignorato, sconosciuto alla gente delle città: lo spirito della natura. Haria percepì che lo spirito della natura era pura energia, un’energia immensa, coinvolgente. La bellezza era la più pura energia della natura, una magica dimensione dove una giovane donna di conoscenza poteva inoltrarsi e, al termine di un lungo apprendistato di consapevolezza, spiccare il balzo nell’intensità, per divenire essenza energetica conservando la consapevolezza umana. Haria cominciò a scrivere del suo cammino di conoscenza. In pochi anni pubblicò con Rupe Mutevole: “Donne di conoscenza”, “la luce negli occhi”, “Il respiro della bellezza”, “Piante di energia”, “Estensità”, “Anzol”, “La via dell’ignoto”, La mappa delle antiche donne di conoscenza”, “Restare sospese”, “Eventi di bellezza”, “L’altra estensità”, “Rua”. Haria, donna di conoscenza, continua la propria via di magica consapevolezza. I suoi libri sono luci abbaglianti in un mondo quasi spento e tracciano un nuovo cammino, reale e percorribile: la via per la libertà.

 

Giovedì 16 febbraio 2012 alle ore 18:30

Presentazione a sorpresa!

 

Venerdì 17 febbraio 2012 alle ore 16:30

Presentazione de “In/contro” di Silvia Denti e Gavino Angius

“In/contro”, silloge poetica scritta a quattro mani da Silvia Denti e Gavino Angius, amici di interessi letterari da circa cinque anni, curiosi entrambi del mondo poetico attuale. La loro corrispondenza inizia per caso, prosegue con scambi, idee, confronti di questo o quel verso o struttura lessicale. Angius è un bravo autore, scrupoloso e pignolo con se stesso fino allo sfinimento; la Denti è più istintiva, molto attratta dai consigli di questo prezioso amico, tra l’altro apprezzato editor sulla piazza, aperto alle innovazioni, alle idee alternative, pronto a conoscere le teorie dell’amica sull’inquietantismo. Così si mettono in discussione, nel tempo libero, per qualche anno, si tengono in contatto, parlano ore al telefono, nasce una sintonia speciale. Da una parte Silvia che ama tanto il mare e la stagione estiva, dall’altra Gavino il quale, vivendo in Sardegna, le racconta di quella terra piena di sapori e profumi, di salite e tepore costante, sole molto presente nelle sue giornate. Silvia non ha mai conosciuto quella terra, quel mare, così se lo immagina attraverso il racconto di Gavino, rimandandogli, per contro, le immagini di una Lombardia piatta e umida, nebbiosa e velenosa. E’ un Natale di due anni fa, fa capolino l’idea: scriviamo di noi, delle nostre vite, di quello che ci raccontiamo. Lei si apre e narra delle sue aspirazioni, di quei sogni che vorrebbe realizzare; lui coglie sfumature poetiche anche nelle mail, le strizza, ne estrapola delle parti e presenta a Silvia la vera poesia, facendola specchiare in essa, presentandole l’autenticità dell’immediatezza estratta da un apparente, semplicissimo raccontarsi. Da questa appassionata bergamasca egli ne trae l’entusiasmo – dice- la voglia di mettersi alla prova con poesie sue, cosa che mai si sarebbe aspettato da se stesso, lui già autore di molti pezzi in narrativa, saggi e racconti brevi (ad esempio Pensiero Stupendo edito da M.D.). Due le strade che si intersecano: L’Orfeo di Angius e La voce da fondo di Silvia. Una somma di due insiemi che crea l’In/contro.

 

Venerdì 17 febbraio ore 18.30

Presentazione de “Il Non-Amore ai tempi di Facebook” di Enrico Nascimbeni

Dalla prefazione di Roberto Vecchioni:

Innanzitutto chiariamo a chi legge: chi caspita è Enrico Nascimbeni? E, vivaddio cosa cavolo vuole (o non vuole)? Beh, lo dice lui stesso: “vorrei essere un soldato sconfitto ma amato”. Non fatevi ingannare dalla marea di culi femminili che gli si offrono, si rialzano, ondeggiano e spariscono, questa è solo la facciata. Fermarli sarebbe inutile e secondario: il gioco vero sta nel viavai di arrivi e ripartenze, nell’improbabile illusione d’estasi che svapora in un amen: “scendi ma non sei pioggia, sali su di me ma non sei aquilone”. E allora? Un caso disperato, uno che fin da piccolo sognava di essere un grande che sogna di esser piccolo. Nascimbeni deve ringraziare il cielo per questo inarrestabile ballo di San Vito che è il suo modo di vivere, perché non può fare a meno un solo istante di pensarsi e di scriversi: se per assurdo si arrestasse potrebbe persino correre il rischio di essere felice e proverebbe un’insana vergogna di sé. Ora è pur vero che esistono uomini come lui un po’ ovunque e quelli là sì che son disperati, perché manco riescono a scriverlo quel che provano. Lui no, lui è un fortunato: la natura gli ha concesso un “link” così diretto tra cuore e penna da sconsolarlo e consolarlo in frazioni ripetute di attimi e stagioni che non ha nemmeno il tempo di capire che ripete un’identica inafferrabile “saudade” da sempre, col chiaro intento di non volerne venire mai a capo perché sarebbe la fine. Questa unica cosa che scrive in “non-poesia” (?), Enrico la scrive bene, molto bene, ma più ancora immagina bene quel che scrive, volando basso su scenari da pop-art, e banali ammennicoli mediatici e mettendo in atto dissociazioni, salti formali (anche uno a verso) consoni al suo “Pensare viaggi fermi” dove tutto è sparso e disseminato, niente diretto o rettilineo.

Per intervista ad Enrico Nascimbeni clicca QUI.

 

 

Written by Alessia Mocci

Responsabile Ufficio Stampa Rupe Mutevole Edizioni

(alessia.mocci@hotmail.it)

 

Info

Sito Rupe Mutevole

Facebook Pagina fan 

 

17 pensieri su “Novità: Rupe Mutevole Edizioni presenterà alcuni suoi autori durante le giornate del “Festival di Sanremo”

  1. alcuni autori verranno presentati, e gli altri. Non possono essere presentati anche se in forma ridotta? Avere una grande vetrina da far vedere, e credo molti autori in attesa di stampa. Spero sia gradita la mia opinione amichevole, Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: