Gian Luca Campagna editore pontino e le sue creazioni culturali – Intervista

Gian Luca Campagna editore pontino e le sue creazioni culturali – Intervista

Lug 10, 2011

Gian Luca Campagna, classe 1970, latinense doc è giornalista, comunicatore e scrittore.
Dirige dal 1999 la rivista di costume e società Ego.

Tra le sue creazioni culturali “Gialloatino” e “Lettera22”, vedi http://oubliettemagazine.com/2011/07/02/seven-peccato-capitale-dal-laboratorio-di-scrittura-al-libro-recensione-di-nadia-turriziani/

Giallolatino in vita dal 2007, tra successi e critiche ingiustificate da parte di chi infastidito dall’evoluzione della cultura in terra nostrana ha trovato il tempo di parlarne male, giunge quest’anno alla sua quinta edizione.

Non sarebbe corretto classificarlo come un semplice premio di narrativa in racconti, ma come un nuovo modo di coinvolgere il territorio e al tempo stesso promuoverlo.
I racconti migliori, scelti da una giuria presieduta da Andrea G. Pinketts e Biagio Proietti, verranno pubblicati in una antologia presentata durante le serate dal 29 settembre al 2 ottobre prossimi venturi.

All’interno di essa ci saranno anche i racconti di tre noti giallisti Stefano di Marino, Vincenzo de Falco e Ben Pastor.

Un concorso giallo e noir, aperto a tutte le età dicevamo, per lanciare i luoghi della memoria, riscoprire il territorio e valorizzarlo attraverso la penna come dal regolamento di seguito indicato:

Art.1 – La casa editrice Ego di Latina, in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Latina, bandisce la quinta edizione del concorso letterario GIALLOLATINO, riservato a racconti gialli, mystery e noir. La partecipazione è aperta a tutti i cittadini italiani, senza limiti di età.

Art. 2 – Il racconto di genere giallo, mystery e noir dovrà essere scritto in lingua italiana, deve essere inedito, non deve essere lungo più di 16mila battute (pena l’esclusione dal concorso), deve essere ambientato nel territorio della provincia di Latina, prendendo spunto dagli itinerari segnati. Il premio terminerà il 31 luglio 2011. I racconti dovranno essere inviati via e-mail in formato .doc a racconti@giallolatino.com Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot.  Abilita Javascript per vederlo. e dovranno essere muniti delle generalità dei partecipanti (nome, cognome, indirizzo, recapiti telefonici, dichiarazione liberatoria che autorizzi l’eventuale pubblicazione dell’opera). I migliori tre racconti riceveranno un premio in danaro di E. 300,00 mentre i più meritevoli riceveranno una targa e una pergamena di partecipazione e troveranno spazio in un’elegante antologia, pubblicata durante l’evento Giallolatino, la manifestazione contenitore dedicata al giallo, mystery e noir, che si svolgerà a Latina dal 29 settembre al 2 ottobre 2011.

Art. 3 – I racconti che non rispettano le caratteristiche richieste saranno esclusi dal concorso, senza alcun obbligo di comunicazione da parte dell’organizzazione. La giuria è composta dalla redazione della rivista Ego, da scrittori nazionali ed editori. I premi verranno assegnati a insindacabile giudizio della giuria, i cui direttori sono Andrea G. Pinketts e Biagio Proietti.

Art. 4 – I vincitori verranno contattati telefonicamente e a mezzo posta elettronica con adeguato anticipo rispetto alla data della premiazione. Il premio dovrà essere ritirato personalmente dai vincitori. L’organizzazione non comunicherà ai partecipanti notizie sulle valutazioni espresse dalla giuria sui racconti in concorso e si limiterà a divulgare esclusivamente i nomi degli autori selezionati.

Gian Luca Campagna seduto al tavolino di un bar del centro di Latina, la sua città tanto amata, con una bibita gelata tra le mani  e l’immancabile pila di quotidiani aperti sul tavolino, con gentilezza, simpatia e tanta ironia ha risposto alle nostre domande.

Ci ha fatto sorridere, confondere, riflettere…
Sì anche riflettere, perchè l’editoria non è quel mondo patinato che alcuni vogliono farci credere e non sono certo gli articoli di giornale che parlano dell’editore e della sua casa editrice a portar loro fama e notorietà ma le iniziative culturali valide e durature come quelle da anni portate avanti con determinazione da Campagna e dai suoi collaboratori.

N.T.: Gian Luca Campagna, giornalista, comunicatore e scrittore, dirige dal 1999 la rivista di costume e società Ego. Ci parla di lei?

Gian Luca Campagna: Per la vita professionale che svolgo mi potrei definire un personaggio che recita sopra e sotto le righe e che sono in continua evoluzione. Anche se talvolta la prosaicità della vita comporta un’involuzione personale per le pratiche quotidiane….

N.T.: Cosa l’ha spinta ad intraprendere l’attività editoriale?

Gian Luca Campagna: Volevo creare qualcosa di nuovo che mi desse maggiore gratificazione morale e maggiore soddisfazione pratica, cercando di esplorare sentieri che almeno nel microcosmo della provincia di Latina fino allora erano stati battuti pochissimo.

N.T.: Giallolatino è una sua creazione. Quali sono stati gli aspetti negativi e quali quelli positivi ai quali è andato incontro con questa esperienza “culturale”?

Gian Luca Campagna: La positività è l’aver creato un evento di marketing territoriale e contenitore culturale che tutta Italia ci invidia (e copia) per la formula, quindi questo sta a testimoniare l’originalità del concorso.

N.T.: Cos’è “Lettera 22” e qual è stato l’obiettivo ultimo di questo esperimento?

Gian Luca Campagna: E’ un corso di scrittura creativa, che mixa l’architettura narrativa ai linguaggi pubblicitari e ai dettami del giornalismo: immodestamente li conduco io e se sono 4 anni che vanno avanti poi così scarso non sono!

N.T.: Come scrittrice d’eros sono rimasta colpita dal libro “Seven” e dalle tavole di Morgantini a corredo dei racconti. A chi dobbiamo la “meravigliosa” idea di quest’antologia?

Gian Luca Campagna: Meravigliosa?! In che senso? L’idea degli abiti del male è antica quanto Aristotele e sintetizzata da Bosch in chiave pittorica… di originale nei temi c’è poco e nulla se non che l’hanno scritta 7 splendidi finalisti di un concorso di narrativa.

N.T.: Stavo infatti facendo dell’ironia. Andiamo avanti. Quali sono i progetti futuri di Campagna e della Ego per innalzare il livello della cultura nella città di Latina?

Gian Luca Campagna: Spacciare cultura letteraria come se fosse cocaina. In una città che è tra le prime in Italia per il consumo di quel genere di droga soprattutto nelle fasce giovanili cercare di sostituirla con carta e inchiostro diventa una mission.

N.T.: Campagna scrittore. Lei oltre ad essere editore è anche scrittore. Ha scritto numerosi libri, ce ne vuole parlare?

Gian Luca Campagna: No, non ne voglio parlare, ma mi piacerebbe se i lettori si lasciassero coinvolgere dall’ultimo libro scritto, ‘Carnevale di sangue’, un modo nuovo di raccontare la realtà prendendo spunto dalla cronaca narrativa di Hunter Thompson, l’inventore del giornalismo gonzo: sono reportage vissuti col fotoreporter Roberto Gabriele in 7 carnevali della Sardegna selvaggia, raccontati con toni noir, il genere e lo stile che prediligo.

N.T.:  Ne parleremo sicuramente a breve. Nel 2004 escono i volumi sulla storia del territorio ‘I Grandi Pontini”, galleria storica sui protagonisti della provincia di Latina, cosa  l’ha spinta a scrivere di storia?

Gian Luca Campagna: Perchè sono rimasto sempre affascinato dalla storia, in generale, e da quella del mio territorio in particolare. Non solo la favolosa storia della bonifica idraulica delle Paludi Pontine ma ho sempre amato percorrere i sentieri delle storie locali, che trovo decisamente più affascinanti rispetto alla storiografia ufficiale e comune. Sono una sorta di ‘storia parallela’ della storia ufficiale: eppure noi di personaggi ne possediamo, da Aldo Manuzio a Giovanni Caboto, da Enrico Tonti a Fra Diavolo, da Santa Maria Goretti ad Augusto Imperiali… come non confezionare un libro che abbracciasse questa ricca galleria di straordinari personaggi?

N.T.: Cosa vorrebbe consigliare a chi oggi intendesse intraprendere il lavoro di editore?

Gian Luca Campagna: Di valutare tante altre opportunità di lavoro, come l’idraulico, o il becchino o lo stimolatore di tori… se poi proprio non se ne può fare a meno e l’amore per la cultura deve trionfare, e sia, avanti che c’è posto, ma solo se ci sono idee originali e non stucchevoli, anche se a volte il preconfezionato è come una medicina da ingoiare qualche volta l’anno.

N.T.: Novità editoriali e culturali per l’immediato futuro?

Gian Luca Campagna: Sto scrivendo un romanzo, dove l’energia è protagonista: quella prodotta nelle discariche, quella dei cuori che amano e odiano; poi, a breve Giallolatino scalpita per presentare la sua quinta edizione.

N.T.: Grazie per l’intervista. La lascio al suo lavoro dopo un’ultima richiesta: una frase rivolta ai lettori…

Gian Luca Campagna: Leggete e amate, ma diffidate dalle imitazioni e tenete in esilio l’arroganza.

Nadia Turriziani

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: