“Andromeda Heights” di Banana Yoshimoto: il primo capitolo della quadrilogia Il Regno

Banana Yoshimoto, la scrittrice nipponica che ha recentemente pubblicato in Italia, il suo romanzo di formazione, il primo della serie Il Regno.

Un’avvincente e toccante esplorazione dei temi, che da diversi anni distinguono l’autrice, come la perdita e la guarigione, e di come si può trovare la felicità nelle famiglie più anticonformiste. Andromeda Heights, pubblicato in Giappone nel 2002, è il primo capitolo di una quadrilogia, che si è chiusa solo quest’anno nel paese del Sol Levante.

Una storia di solidarietà, amicizia e di rispetto per la natura, elemento cardine nella cultura nipponica e per gli esseri umani. Piccoli gesti, percezioni sottili e linguaggi silenziosi fanno di questo lavoro letterario e narrativo intricante, che riporta alle emozioni struggenti di alcuni dei suoi capolavori passati come: Honeymoon e Arcobaleno.

La differenza sta nel cambiamento, è un romanzo che come quelli appena elencati, segna la transizione di una donna non più solo scrittrice, da sempre vissuta ai margini dell’assurdo quotidiano collettivo e che ora si appresta a raccontare ai lettori italiani, una parte inedita del suo carattere artistico.

Lontana dal suo ambiente originario, Shizukuishi cercherà una nuova famiglia, una casa in cui tornare, in cui cercare qualcuno da amare, insomma una dimensione nuova per cercare se stessa.

Abbandonata dalla nonna, la giovane donna si ritroverà ad affrontare da sola la città, proprio come l’autrice in questa breve e triste storia, decide di accantonare una parte della sua vita, per rifugiarsi in una specie di lembo in cui, come si evince dalla storia, si mostra inconsueto, frammentato e senza un effettivo filo di logica, come se fosse per entrambe uno spazio nuovo, incomprensibile e persino minaccioso.

Shizukuishi porta sempre dentro si sé il ricordo della vita tra le sue amate montagne, e forse questa la netta distinzione con la narratrice, il ricordo di vivere di lasciare il proprio passato.

L’una in comunione perfetta con piante e animali, ripensando alle notti stellate e al verde brillante, alle mille manifestazioni dell’ambiente naturale, agli sguardi dei passanti che si avventurano per quei sentieri impervi, serbando nel cuore la speranza di una guarigione.

L’altra, Banana Yoshimoto in armonia con il suo presente, senza mai voltarsi indietro è ora un’ autrice che sembra aver perso, tra le strade di Tokyo, l’ebbrezza e la logica che da sempre hanno reso i suoi lavori, dei veri e propri labirinti, in cui ognuno andava alla ricerca di un significato, di una verità che di certo non riuscirà a trovare dietro Andromeda Heights.

 

Written by Giuseppe Giulio 

 

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: