Successo di ristampa per “Follia”, raccolta poetica di Vincenzo Monfregola

Successo di ristampa per “Follia”, raccolta poetica di Vincenzo Monfregola

Apr 3, 2013

 A meno di un anno dalla sua pubblicazione, la raccolta poetica “Follia” dell’ autore Vincenzo Monfregola è stata ristampata dalla casa editrice, Edizioni R.E.I., nel mese di febbraio 2013. Una soddisfazione per la casa editrice e per il poeta.

Vincenzo Monfregola (1976) ha iniziato con le sue pubblicazioni nel 2001 con la raccolta “Nel tempo dei girasoli con la casa editrice Edizioni LER, segue dopo undici anni nel 2012  una silloge poetica all’interno della raccolta a più autori “Ruvido Inchiostro” con Rupe Mutevole Edizioni. Diverse le pubblicazioni in antologie letterarie, tra le quali “Gemme Letterarie” della Carello Editore.

Degenerano/ emozioni,/ amicizie e amori,/ degenerano/ i sorrisi/ e le rughe espressive/ raccontano/ di storie importanti…// … finiscono/ diari di tempi armoniosi…// Cambiano/ le emozioni/ se pur vivi/ i passati/ improntati/ negli album dei ricordi…” – “Diari di tempi armoniosi

Follia è una raccolta che lega a se le dinamiche del tempo in corrispondenza con la gioia di vivere vista come anormalità di vivere, vera e propria follia nelle società evolute. Vincenzo intrattiene con il lettore un rapporto solare e genuino che non investe la sfera del diniego della vita, neppure quando le argomentazioni trattano della morte.

La follia, dunque, diviene la via per conoscere se stessi e gli altri, una via che si percorre con la freschezza di un bambino che insegue ogni curiosità in modo neutro. La positività della raccolta è in simbiosi antitetica con il titolo della stessa, in quanto il termine viene abitualmente utilizzato per la denigrazione dell’individuo. In questa chiave poetica, la follia diviene armonia del vivere, dell’amare e dello scrivere.

L’autore è stato incontrato per rispondere ad alcune curiosità riguardo la sua raccolta. Buona lettura!

 

A.M.: Qual è la percentuale di follia che esiste nella tua vita?

Vincenzo Monfregola: Alta, altissima… vedi credo che esser folli sia essenziale, lo è perché solo essendo tale si riesce a vedere con occhi che ascoltano e sentire con orecchi che guardano un mondo sconosciuto ai non folli; colori, forme, suoni, sinfonie di una vita armonica, una vita che riesce ad “essere” per pochi, quei pochi che vengono indicati come “folli”.

 

A.M.: Italo Svevo sosteneva che la follia fosse l’unico modo per vivere nelle società, sei dello stesso parere?

Vincenzo Monfregola: Beh Svevo è stato uno dei pochi autori che veramente mette in discussione quanto la massa vuole rendere logico, a tanti può ed è sembrata assurda la sua tesi ma non sono dello stesso avviso.  Non esiste la “normalità” se non quella che ci prediligiamo sin dai primi passi dell’autoconvinzione, anche se la stessa è dovuta da tutte quelle “etichette” che la società impone sin dall’educazione dell’individuo.  Non esiste il sano di mente, ma solo la dottrina di esser tali, la verità sta proprio nel demolire i limiti che giorno per giorno vogliono costringerci ad indossare, è per questo che Italo Svevo sosteneva che è meglio convincersi di essere malati piuttosto che illudersi di esser sani. L’esser “sano” mette le catene “all’essere” e nessuno dovrebbe reprimere quanto respira a polmoni aperti di questa vita.

 

A.M.: Ti senti legato alla poesia per qualche arcano mistero? Hai mai riflettuto sulle anime e sulla possibilità di trasmissione del sapere?

Vincenzo Monfregola: Ho sempre messo in discussione il poetare nella mia vita, fino addirittura a privarmene per un lunghissimo periodo ma alla fine è come dicono, chi scrive respira di carta e penna privandosene sarebbe come rinnegarsi. Sì sono legato alla poesia, per me è “essenziale” perché altrimenti non potrei “essere”. Come non rifletterci sulle anime, credo sia il senso di una vita, di quella vita che avrà un inizio ma non conoscerà una fine… o ce l’hai o non ce l’hai sulla convinzione che il nostro corpo è solo un involucro di quanto “siamo” ognuno di noi. È complesso da spiegare come principio, proprio perché è una convinzione di vita che puoi avere come non avere credendo che tutto finisca qui, in questo mondo, in questa vita. La possibilità di trasmissione del sapere credo sia fondamentale, solo tramandando si può “crescere” affinché il tempo non resti fermo a raccontarci storie già vissute.

 

A.M.: Qual è l’ultimo libro che hai letto?

Vincenzo Monfregola: Amo, per scelta, immergermi nella lettura di solo esordienti in questo ultimo periodo, credo che bisogna nutrirsi dell’attuale dopo aver appreso una dose massiccia di classici della letteratura; l’ultimo libro che ho letto è un romanzo polpettone, la classica storia improntata sull’amore impossibile, a mio parere “banale”, non dico il titolo e l’autore non sarebbe corretto.

 

A.M.: Per il 2013 hai qualche novità editoriale? Ci puoi anticipare qualcosa?

Vincenzo Monfregola: Il 2013 mi servirà per ultimare alcuni progetti che ho in cantiere, mi impegnerò a terminare i nuovi testi da sottoporre alla valutazione di alcune case editrici, posso sicuramente anticiparvi che per “Follia” c’è stato un colpo di scena e nonostante la volontà di volerlo tradurre in lingua spagnola, che rimane in programma, a forte richiesta di alcuni lettori che mi seguono sulla pagina di autore presto lo si leggerà in lingua francese e non ti nascondo che proprio non me lo aspettavo ne sono infervorato.

 

Son qui,/ continuo/ a respirare foglie/ mentre/ passi di cadenze/ avanzano lenti/ oltre la collina dei silenzi.// Ho cercato/ una mano,/ forse l’ultima occasione,/ per abbracciare/ nuovi sogni/ nella notte di San Lorenzo.// Palpiti/ e pugni di cielo/ han giocato d’azzardo,/ se pur forse l’ultima occasione,/ mai troppo lunga/ sarà la vita/ per dipingere/ la tela più bella della mia anima.” – “Tela pregiata

 

Written by Alessia Mocci

Addetta Stampa (alessia.mocci@hotmail.it)

 

Info

Acquista Follia

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: