"L'umiltà del poco" di Giulio Maffii

“L’umiltà del poco” di Giulio Maffii

analisi sulla poetica dell’autore a cura di Marzia Carocci

La poesia di Giulio Maffii, è un caleidoscopio d’immagini, di suoni e di colori.

La parola dirige diligentemente il pensiero del lettore che si lascia trasportare in balia alle emozioni e scenari immaginati.

Sfondi che parlano di vita, di tempo, di nostalgie.

I versi musicano un ritmo serrante, incessante, come incessante è il tempo,il movimento della vita stessa.

L’uso delle figure retoriche è una costante, segno di sapienza nello scrivere e nell’illustrare, una maestria che il poeta dimostra nella costruzione tecnico-letteraria.

Non vi è segno di retorica nella sua lirica, né banalità o linguaggio obsoleto; tracce di vita si elevano fra le righe, portando in superficie, l’introspezione dell’autore,un uomo attento che sa soffermarsi nell’essenzialità scarna e priva di orpelli; in essa sa nutrirsi.

Giulio Maffii, fa della parola un pennello e dei versi, i colori riuscendo a fare dell’invisibile il visibile e rendere la nicchia della sua anima uno scenario di vissuto dove ogni essere umano può specchiarsi.

Una lettura dei sensi, dove i passaggi della vita terrena, diventano simbiosi di ognuno,perché stessi sono gli ostacoli, i desideri, le paure, il …sogno.

Maffii unisce il suo al nostro pensiero per farne un solo cammino, quello dell’uomo che vive nel tempo ch’è eterno.

Written by Marzia Carocci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: