“Noianess”, l’ep del trio di Morbegno Giorgieness

“Noianess”, l’ep del trio di Morbegno Giorgieness

Mag 25, 2013

Giorgieness è un trio di Morbegno (Sondrio) formato da Giorgia D’Eraclea (voce/chitarra), Samuele Franceschini (bassista) e Andrea De Poi (batterista).

Il gruppo nasce a Giugno 2011 quando Giorgia, chiuse le esperienze con le precedenti band, decide di cominciare a scrivere canzoni chitarra/voce con testi in italiano, molto più diretti di quelli pensati prima in inglese.

Nei mesi successivi l’interesse verso la sua musica è tale che inizia a suonare per vari locali della Valtellina e in seguito viene chiamata dall’iniziativa “Scossa Elettrica” che la terrà impegnata su diversi palchi, per poi infine aprire una data dei Manetti!.

La veste di cantautrice però le sta stretta; ha bisogno di molto più rumore, molta più sostanza, ed è qui che la sua strada si incrocia con quella di Andrea De Poi (già batterista di Przewalski, Sbizza e la Micro Orchestra, Prolet). I due creeranno un sodalizio artistico e personale che li porterà, con l’aiuto di Andrea Maglia (Manetti!, Tre Allegri Ragazzi Morti) ad arrangiare i quattro pezzi che finiranno nel loro EP d’esordio.

A Novembre 2012 entrano al Morbid Sound Studio di Milano e con la produzione di Luigi Galmozzi e Andrea Maglia, si lanciano a registrare i pezzi di “Noianess EP” ai quali si aggiunge Samuele Franceschini, che diventa il bassista del gruppo in pianta stabile. Da quel momento in poi i concerti, che li porteranno dal loro territorio fino al Lato B di Milano all’Honky Tonky di Seregno (MB), saranno affrontati in trio.

Noianess” esce il 31 Maggio 2013 prendendo spunto dal rock anni ’90, dove la tensione esistenziale e le storie tormentate e malinconiche si ritrovano in una scrittura fortemente personale.

“Noianess” è un disco rock, una fotografia di incoscienza e solitudine, ma anche di profonda unità, spietato e dolce, come solo la musica sa essere. È un disco che non ha come finalità quella di svegliare coscienze, ma raccontare e provare a capire cos’è successo davvero; vuole dire che è possibile vivere tutto, nel modo più intenso che esista, senza mai pensare che sarebbe stato meglio agire diversamente.

Registrato in quattro giorni a Milano, dentro questo EP ci sono un sacco di persone, di cartelloni pubblicitari, stazioni e città lontane.

A livello pratico il gruppo ha messo bocca su tutto, ma anche la produzione ha aiutato a renderlo più intimo e meno urlato, riuscendo a mantenere integri l’intenzione originale dando spessore alle linee vocali mescolando suoni e rumore. Hanno contribuito Brian Burger, che ha suonato le tastiere, Andrea Maglia al basso e Luca Radaelli (Przewalski), che ha dato corpo alle seconde chitarre.

“Noianess” è un disco semplice, graffiante e strepitoso che segna l’esordio di un gruppo che racconta in modo sincero una storia che, invece, di semplice non ha nulla.

 

 

Tracklist 

  1. Sai parlare
  2. Magari sta sera
  3. Lampadari
  4. Brividi/Lividi

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: