I Sakee Sed ed il loro “A piedi nubi” – intervista

I Sakee Sed ed il loro “A piedi nubi” – intervista

Giu 22, 2012

Di nuova uscita l’album “A piedi Nubi” dei Sakee Sed, presentato  dal vivo per la prima volta venerdì 18 maggio nell’Agorà del Polaresco a Bergamo, una serata tra note ed alcool che ha divertito il pubblico ed il duo formato da Marco e Gianluca.

Poche domande per presentarli e definire un po’ il loro modo di essere. “A piedi nubi” raccoglie dieci brani di rock venato di soul e blues e come aggiunge Marco nell’intervista anche un po’ di psichedelia. Buona lettura!

 

A.M.: “Alle basi della roncola” e “Bacco Ep”. Quanto siete cambiati?

Gianfu: Perchè? Siamo cambiati? Noo. Noi siamo rimasti gli stessi, chi con più peli, chi con qualche ciuffo bianco, ma siamo sempre noi. Le canzoni cambiano, per fortuna, come è normale che sia, seguono un percorso naturale e si evolvono. Il primo disco “Alle Basi Della Roncola” è nato in studio, cosi come per quasi tutte le canzoni di “Bacco Ep”, mentre la grossa differenza di “A Piedi Nubi” è che abbiamo inserito tutta la carica e l’energia che sprigioniamo dal vivo ed in saletta. 

Marco: Siamo sempre stati così, è la nostra imprevedibilità musicale che è un bel casino! 

 

A.M.: Come nasce la denominazione “A Piedi Nubi”?

Gianfu: Perché a piedi nudi abbiamo girato tutta l’Italia per tutta l’estate. E se sono nudi, i piedi si sporcano e si fanno nubi. questa è la spiegazione “freak”.

Marco: È una figura retorica che spiega benissimo il disco e quello che contiene. 

 

A.M.: Delle dieci tracce del vostro nuovo album, quale potrebbe essere la più amata dal pubblico?

Gianfu: A noi lo chiedi?? Chiedilo al pubblico! A me piacciono tutte. Quella che mi stupisce di più è “Colpo Al Materasso”, per il groove che ha ed inoltre sono anche influenzato dal fatto che è l’ultima che abbiamo creato e registrato, quindi “nuova” anche per me. 

Marco: Sai che non saprei rispondere! Ogni giorno cambio idea! 

 

A.M.: “Rock venato di soul e di blues infarcito di svisate elettriche, trame quasi grunge e testi a volte lenti e pacati ed altre nervosi ed acidi”. Vi definireste in questo modo?

Gianfu: Aggiungerei anche ballerini in tutti i sensi che vuoi trovarci.

 Marco: Mi fido di te! Ed aggiungerei della psichedelia!

 

A.M.: Venerdì 18 maggio nell’Agorà del Polaresco a Bergamo avete presentato “A Piedi Nubi”, com’è andata?

Gianfu: Un buon quantitativo di marmaglia carica, felice ed alticcia che se la cantava le nostre canzoni in una serata di festa. nNi eravamo altrettanto carichi, felici ed alticci.

 Marco: Sold Out direi ed un ottimo concerto sia come suoni che come drink !

 

A.M.: C’è qualche aneddoto divertente della serata che volete condividere con noi?

Gianfu: Non ho ricordi così nitidi per raccontare aneddoti di quella serata.

Marco: Ho visto per la mia prima volta un vero bernoccolo alla giapponese in fronte ad un ragazzo che pensava di uscire all’aperto ma si è schiantato contro il vetro. Era enorme! 

 

A.M.: Dove potremo vedervi prossimamente? Avete già qualche data definita?

Marco: Tra poco annunciamo le date !

 

A.M.: Salutateci con una citazione…

Gianfu:  “Parlare di musica è come ballare l’architettura.” Frank Zappa.

Marco: “Degutibus non discutibilus.” Pier

 

Photo by Emanuele Bertola 

Per leggere una recensione dell’album clicca QUI.

 

 

Tracklist “A piedi nubi”:

1. A Piedi Nubi

2. A.S.M.A. Los Angeles

3. Molecola

4. Sta Piovendo

5. Colpo Al Materasso

6. Tritolo

7. Diavolo

8. L’Ultimo Ricordo Di Siel

9. Megattera

10. Presto Parto

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: