La vera storia dei Katsudoji

La vera storia dei Katsudoji

Set 14, 2011

Katsudoji
La vera storia

 

Anno 1941, Berlino, stabilimento Telefunken, ore12:12, il tecnico Carl Siemens, addetto all’assemblaggio delle valvole, sta sviluppando un nuovo circuito per l’inversione dei poli magnetici con le nuove valvole sperimentali russe “k12”.
All’improvviso, per errore tocca uno dei due poli e scompare nel nulla senza lasciare traccia.
Il circuito su cui stava lavorando viene disassemblato e i componenti rimandati nei reparti specifici. Più tardi, l’addetto al settore assemblaggio radio Walter Bruch, prende una scatola dal reparto Valvole.
Assembla dieci radio che verranno spedite, come omaggio per meriti bellici, a dieci generali giapponesi.

Anno 1952, Tokyo, laboratorio riparazioni elettroniche, ore 11:13, il tecnico Akira Tanaka lavora sulle radio dei suoi clienti. Un giovane entra nella bottega e si presenta come il figlio del generale Tojo. Ha con se un vecchio apparecchio radiofonico tedesco da riparare.
Akira gli da uno sguardo, fa un cenno negativo con la testa e dice: “Ti posso dare qualche yen per usarne i pezzi buoni, ma ripararla non vale il costo-“
Il ragazzo accetta e se ne va.
Alle ore 12:12 dello stesso giorno, il tecnico Akira Tanaka monta in un televisore in riparazione una valvola recuperata dalla radio tedesca. Lo stesso giorno un marinaio ritira il televisore riparato dalla bottega.

Anno 1973, Napoli, porto, ore 10:14, Il rigattiere Gennaro Esposito aspetta l’arrivo del solito mercantile. Questa volta dal Giappone arriva un carico di vecchi apparecchi elettronici. Dopo contrattazioni il rigattiere si accaparra qualche radio, alcuni elettrodomestici e un televisore vecchio di vent’anni.
Alle 12:12 di quel giorno un ricco collezionista di Cagliari, Ferdinando Amat, acquista il vecchio apparecchio televisivo.

Anno 2015, decima strada, zona industriale di Cagliari, centro smaltimento e recupero di apparecchi audiovisivi, ore 09:15, il tecnico addetto allo smontaggio SAT07 e l’operatore di test TAR05, smontano, recuperano e testano vecchi apparecchi televisivi in smaltimento.
Ore 10:14, nella catasta di televisori da smontare, il tecnico SAT07 ne nota uno particolarmente vecchio, di almeno cinquant’anni.
Ore 11:13, inizia lo smontaggio del vecchio apparecchio televisivo.
Ore 12:12, fra tutti i pezzi apparentemente inutilizzabili, recupera una valvola che lo colpisce in modo particolare per la sigla a lui sconosciuta, “k12”. La porta immediatamente all’ operatore TAR05 affinché la analizzi e ne testi il funzionamento. L’operatore, dopo uno sguardo indifferente, la mette fra i vari componenti da testare.
Ore 13:11, l’operatore mette la valvola sul banco di prova e dopo vari test non ottiene alcun risultato. La mette dunque sotto carico affinché si scaldi per verificarne lo stato. Nell’attesa prova a cercare sul manuale il nome della valvola: “k12“. Nessun risultato! Ecco suonare la sirena della pausa. Sono le 13:30.
Centro smaltimento e recupero apparecchi audiovisivi, ore 15:09, dopo aver ripreso il suo lavoro, il tecnico si avvicina al banco di prova per conoscere i dettagli della misteriosa valvola “k12”.
Nel frattempo l’operatore continua a cercare informazioni sulla valvola negli archivi storici delle aziende produttrici.
Il tecnico nota che si trova sul banco di prova in fase di test. La spia del generatore segnala un sovraccarico.
L’operatore non trovando nulla ritorna nei laboratori. Quando arriva al banco di prova vede il tecnico che cerca di rimuovere la valvola dal generatore, gli si avvicina gridando il pericolo.
Il tecnico riesce a estrarla dal generatore e ne tocca per sbaglio uno dei due poli. L’operatore arriva rapido al banco e mentre cerca di togliere di mano la valvola al collega tocca inavvertitamente l’altro polo. I due vengono colpiti da una folgore e l’operatore strilla una parola incomprensibile: “katsudojiiiiiii!!!
Istantaneamente i due si trovano in una dimensione senza spazio né tempo, circondati dai vecchi televisori da smaltire. Le menti dei due si fondono con i televisori. Le loro teste vengono inglobate da due apparecchi.
Buio.
Una voce parla nell’oscurità:
Anno 1941. Berlino. Ore 12:12.
Sto conducendo un esperimento sull’inversione dei poli magnetici con il prototipo sperimentale della valvola ‘k12’.
Errore in fase di sperimentazione.
Tocco inavvertitamente uno dei poli.
Mi ritrovo qui, adesso.
Ho visto il futuro.
Voi mi aiuterete a raccontare il futuro.”
Una luce abbagliante illumina il mondo come un fulmine, per un solo istante.

Anno 2010, aprile, Berlino, Alexanderplatz, ore 15:08, sotto la torre della televisione appaiono due individui con un televisore al posto della testa.
La volontà di Siemens, adesso k12, sarà compiuta.

Intervista al gruppo clicca QUI.

 

Info e sito:

http://www.katsudoji.org/

email@katsudoji.org

 Videoclip “Medicine”:


Date Settembre 2011:

2 settembre – Teatrock – Suelli

3 settembre  – Festa di Giovani – Sarroch

6 settembre – Arcilab 2011 – Morgongiori

10 settembre – Sleepwalkers – Guspini 
16 settembre – Anti MTV Day – XM24 Bologna
17 settembre – Patchanka – Pontelagoscuro (FE)
24 settembre – Chinaski in Factory – Sermide (MN)

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. La vera storia dei Katsudoji | Age To Known - [...] all’articolo di Oubliette Magazine: La vera storia dei Katsudoji Etichette: anno    gennaro esposito    napoli [...]
  2. Intervista di Alessia Mocci al gruppo elettronico Katsudoji « oubliettemagazine - [...] per poter comprendere il genere di spettacolo che presentano. Gli Katsudoji hanno raccontato la loro complessa storia ed a…
  3. Intervista di Alessia Mocci al gruppo elettronico Katsudoji | Age To Known - [...] per poter comprendere il genere di spettacolo che presentano. Gli Katsudoji hanno raccontato la loro complessa storia ed a…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: