“Onirico, Nuvole, Crepuscoli, Onde” di Mauro Cesari: spaziando tra l’uomo ed il Cosmo

Mauro Cesari è il fondatore di Gravità Poetica, un Festival che nasce ad Offida, una ridente cittadina nella provincia di Ascoli Piceno e che, in varie forme, ha inteso e intende diffondere la poesia tra le persone.

Onirico, Nuvole, Crepuscoli, Onde di Mauro Cesari
Onirico, Nuvole, Crepuscoli, Onde di Mauro Cesari

Mauro Cesari, che vive tra Roma e Offida, è lui stesso un poeta. Per la casa editrice Aletheia ha pubblicato nel 2019 una raccolta poetica dal titolo Onirico, Nuvole, Crepuscoli, Onde.

Bellissima la copertina, bellissima anche la grafica interna, leggibile il font… e piacevolissime le poesie.

Spaziando tra il Cosmo e l’uomo, Cesari intesse un dialogo con un interlocutore talora facilmente identificabile con la donna amata, talora con un’entità superiore, che diventa un modello a cui guardare per realizzarsi: “Sai che sentirmi libero è la mia identità/ […] Ho trovato un senso a tutto ciò/ Un equilibrio cosmico in questo vuoto cosmico…” (Supernova).

Talora l’interlocutrice diventa la forza misteriosa a cui siamo ancora sottoposti, la Necessità che sembra imporci i pensieri personali: “Camminerò con te/ ineluttabile compagna/ […]Divampa un brivido dentro/ È lei il mio pensier più eccentrico” (Ananke)”; la donna è l’oggetto di un desiderio di libertà e sensualità, mai però volgare per quanto vivido: “Ti voglio libera/ […] Ti voglio rossa come il vino buono.”; l’amata è anche il motivo della ricerca del senso della propria vita, che sempre va recuperata e rinnovata: “Come bolle il sangue/se tutto è così incerto,/ e fa molto male il tuo silenzio;/ e solo per vergogna o forse per paura,/ ti lascio svanire alla deriva./ Ma se bolle il sangue/ non posso rinunciare a prenderti per mano/ per ricominciare” (Come bolle il sangue).

La similitudine del sangue, come altre immagini, rendono questi componimenti davvero incisivi. La dimensione del sogno, presente nel titolo, è espressa in un altro testo: “Ode a te o sogno,/ silenzioso trambusto/ voce innocente echeggiante nell’aria/ onirica danza veggente” (Ode al sogno).

Il sogno è personificato, reso sinesteticamente come silenzio che fa rumore, in modo ossimorico.

Le poesie, quindi, presentano una sapiente costruzione, che le rende armoniche come il cosmo, anche a livello ritmico. Non mancano, infatti, le rime, i ritorni, le iterazioni a ribadire un certo concetto e a sostenere una certa tensione espressiva: “Ferito mi sento d’un lieve tormento/ Come una foglia sospinta dal vento/ Splendido fiore il peggio è passato/ Sotto la neve mi avete posato”// Guardo distratto le stelle brillare/ Di luce opaca la luna cantare/ Mi specchio nel gelo del fiume di maggio/ Ora il mio scopo è trovare coraggio” (Fredda primavera).

Queste liriche, dunque, presentano una loro musicalità al pari dell’Universo all’interno del quale sono state concepite: esse osano provocare un rumore di Libertà in tutti i sensi, anche nella dimensione civile e politica: “Corri fanciullo ribelle/ corri nel sole e libera il suo calore,/ corri nei prati andalusi, verso mari sinuosi/ corri in braccio ai colori;/ corri, cavalca i tuoi sogni,/ con l’anima pronta a varcar gli orizzonti” [Corri fanciullo corri! (a Carlo Rosselli, Partigiano)].

L’anafora e l’invocazione rendono il ritmo concitato: bisogna far presto, ne va della libertà!

Mauro Cesari
Mauro Cesari

Vi invito tutti a leggere questi versi così universali ed essenziali, così umani, intensi e crepuscolari, come perle di saggezza da cui scrutare il senso del nostro sostare su questa Terra.

A me questo libello ha fatto tanta compagnia, in due serate un po’ tristi in cui ho desiderato staccare con tutto e dedicarmi ad un sano otium: ne ho tratto una sana consolazione, ancora operante e funzionale. Questo è potere magico delle belle letture!

Ad maiora, semper!

 

Written by Filomena Gagliardi

 

Bibliografia

Mauro Cesari, Onirico, Nuvole, Crepuscoli, Onde, Aletheia, Verona 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *