AdBlock Detected

Stai usando AdBlock

Per continuare a leggere l'articolo è necessario disattivare l'AdBlock installato nel tuo computer. Oubliette Magazine è un sito certificato e sicuro per i naviganti.

Chi tira di più in porta vince sempre? Analisi della statistica nella Serie A in corso

Quella del Match analyst è una delle professioni emergenti nel panorama calcistico nazionale e internazionale: l’ultima frontiera della tecnologia applicata al pallone per acquisire un vantaggio competitivo sull’avversario in chiave tattica pre-partita.

Tiri in porta - match analyst
Tiri in porta – match analyst

Non è tra i compiti più semplici: skill analitiche e competenze informatiche rappresentano gli elementi chiave di successo per intraprendere la professione.

Per diventare Match analyst al Manchester United, ad esempio, è fondamentale conoscere gli ambienti Microsoft 365 Environment, MECM, IIS e SQL server.

Il Football analyst a qualunque livello permette di osservare sul piano statistico le performance del team: velocità, tempi di reazione, chilometri percorsi in campo, zone nevralgiche di attacco e difesa, possesso palla ma anche tiri in porta e fuori lo specchio.

Ovviamente la lista non finisce qui.

Quella dei tiri in porta è una delle statistiche più interessanti e intuitive del panorama calcistico mondiale, un dato su cui è anche possibile pronosticare in base alle conclusioni delle squadre che si affrontano.

Se si è curiosi di capire meglio la questione, si possono consultare guide informative su come funzionano le scommesse tiri in porta, con all’interno esempi pratici, regolamenti e consigli sull’argomento.

I tiri in porta rappresentano uno dei fattori di successo studiati dai Match analyst eppure un numero maggiore di realizzazioni nello specchio non è garanzia di vittoria.

La domanda è d’obbligo: chi tira di più  vince sempre? L’analisi statistica ufficiale della Serie A permette di capire un po’ meglio come stanno le cose.

A poche ore dal termine, Inter e Milan guidano la speciale classifica di Serie A per quanto riguarda il totale dei tiri realizzati: nerazzurri al primo posto con 524 realizzazioni, di cui 198 in porta e 190 fuori, mentre i rossoneri seguono a ruota con 504 conclusioni, di cui 155 nello specchio della porta e 206 fuori.

La statistica coincide con il successo: entrambi i club continuano il testa a testa per la vittoria dello scudetto. Che dire però del Sassuolo, che offre Berardi al Milan per 30 milioni, quinto nella speciale classifica dei tiri realizzati, con un totale di 487, di cui 184 in e 173 out: in classifica in neroverdi sono al nono posto con un distacco di oltre 20 punti dal Milan e 20 punti dall’Inter.

Nonostante la differenza dei tiri in porta sia rispettivamente di +29 e -14, la classifica non sorride al Sassuolo. Unica indiscutibile discriminante: la precisione. E sul piano della precisione è emblematico il caso della Lazio trascinata dal bomber Ciro Immobile, uno dei giocatori con più triplette in Serie A.

Ciro Immobile
Ciro Immobile

Nella classifica dei tiri in porta, i biancocelesti si piazzano addirittura al 14° posto, con 362 realizzazioni di cui 156 in e 132 out, ma nella classifica reale occupano una posizione ondivaga tra il 5° e il 6° posto. Il fattore precisione è ancora più determinante per la Lazio che finora è riuscita a capitalizzare nel miglior modo possibile le fasi offensive di gioco. Cinismo e concretezza.

Venezia, Salernitana, Genoa, Spezia e Cagliari rappresentano invece un’altra certezza in termini di conclusioni a rete, vittorie e posizioni in classifica. Sotto il primo aspetto i lagunari sono ultimi e, a salire, troviamo campani, liguri e infine rossoblu.

Emblematico il caso di Venezia e Salernitana: gli arancio-nero-verdi hanno tirato in porta 296 volte di cui solo 98 in porta mentre i granata, a due passi da Procida (capitale della cultura 2022), hanno fatto persino peggio: solo 97 tiri in porta a cinque giornate dalla fine, a testimonianza del fatto che non si può competere senza il giusto potenziale offensivo.

Per concludere, la sfortunatissima gara di qualificazione degli azzurri, Italia-Macedonia del Nord, è la dimostrazione evidente che non c’è sempre corrispondenza tra conclusioni e successo. La squadra di Mancini al Barbera ha tirato in totale 32 volte, solo 5 nello specchio. La Macedonia, con 2 tiri in porta si è portata a casa il match.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: