“Percezione imperfetta dei pericoli” di Normanna Albertini: una sincera ricerca della bellezza

Quel che distingue il poeta dallo scienziato lo si scopre partendo dalla questione opposta: cosa li accomuna? Entrambi escono da sé e vagano nel mondo alla ricerca di quel che è in atto. Il secondo tratta fenomeni spazio-temporali, assoggettati a leggi ferree, ma in continua evoluzione: quel che vale oggi sarà contraddetto domani.

Percezione imperfetta dei pericoli
Percezione imperfetta dei pericoli

Entrambi dicono quello che vedono, sentono, provano, mescolando al mondo, senza soluzione di continuità.

Il limite principale della fisica moderna è l’impossibilità di separare l’osservatore dall’oggetto osservato, per cui non può esservi alcuna determinabilità assoluta di alcunché. Lo stesso accade al poeta, ma senza che di ciò egli sia crucciato.

E non mi pare che Normanna mostri di dispiacersene nei versi di questa raccolta.

Ah, dimenticavo di dire che lo scienziato deve mirare la sua attenzione a un fenomeno alla volta, e solo quello che si può attestare. Il poeta è libero di librare a piacere, e dappertutto, anche oltre la realtà concreta.

Questa è la prima reazione che mi dona la lettura della raccolta di poesie di Normanna. Se lei afferma che “sibila il vento tra gli aghi del pinosignifica che lei è là, tra quegli aghi, e da ognuno di essi sente sibilare il vento.

Magari si trova seduta alla scrivania di casa, e l’avvenimento è occorso in un altro tempo, tanto la sua storia personale entra ed esce che è un piacere, fra un carme e l’altro.

Ogni atto descritto è stato vissuto, ieri, oggi e a volte domani, e il tempo ha smarrito il suo senso, come capita alle particelle che compongono la luce, per cui esso risulta nullo.

Il fotone, privo di massa, può essere costì e al contempo colà, tanto che qualcuno ipotizza che ve ne sia uno solo che scorrazza spensierato in tutto il cosmo. Lo stesso capita al poeta.

Questo accade alla fantasia dell’uomo, secondo Borges, che ipotizza un unico libro, da cui consegue un unico scrittore e lettore. Vaneggio?

Può essere, ma qui sono d’accordo con Andrea Giannasi, che nel Tentativo di una postfazione giunge a dire che, a suo vedere, “La poesia… non è e non deve essere figurina o fotografia, ma solo miccia, accensione detonatore, per fare deflagrare l’anima del lettore.”

È una frase forte che condivido a metà: può essere figurina o fotografia, ma non fine a se stessa, ché non deve mai concludere il suo percorso, ma continuare Altrove, in uno dei tanti rivoli che compongono il Delta Cosmico.

È energia che diventa massa, e che si trasforma di nuovo in energia, in un’eterna permutazione, nel rispetto dell’Unità, come illustrato dal principio secondo cui l’energia di un mondo rimane costante.

Se l’albero cade”, nulla andrà perso perchécibo diverrà per tanti, e casa, e calore e rinnovamento.” È l’Eternità che lo promette. E che sia sempiterno lo sancì un poeta, non uno scienziato, inglese, non Newton, ma Keats, quando scrisse il verso divino “a thing of beauty is a joy for ever.

Non tutti i fatti cantati da Normanna sono belli, forse nessuno lo è in assoluto, perché tutto è relativo a chi concorre alla Vita. E qui si gioca l’apparente contraddizione: se è bello per Normanna, che altrimenti non l’avrebbe inserito nella silloge, e non lo è per me, in che senso la gioia del poeta è assoluta?

Il lettore deve risalire alla consapevolezza del processo che è capitato nell’atto di poetare, della sua genuinità, e deve farlo suo, dimenticando gusti personali e scelte edonistiche. Quel che conta è la sincerità della ricerca della bellezza da parte di quell’Essere, che ha compiuto il sacrificio che l’ha poi condotto a scrivere e a comunicare.

L’avverbio poi non deve ingannare: per chi ha scritto è stato un tempo unico; per chi legge è un altro tempo: questo crea l’illusione del fluire dei processi fisici, uno appresso all’altro, ma qui vorrei ricordare che secondo alcuni time has ended: ormai soltanto un’utile quanto pia illusione.

Vi sono numerose poesie politiche, in cui Normanna risulta collegata alla polis, all’ambiente sociale in cui vive.

‘Maschera di plastica’, non so con quanta consapevolezza, profetizza le scene che capitano agli odierni cittadini di questo luogo tragico in cui ora si vivono ‘ste assurde giornate casalinghe.

La nostra esistenza pare governata da un dio illusorio, non per questo meno temibile, che decide le sorti di ognuno, sogghignante da dietro la sua “maschera di plastica e decadenza”.

Si tratta di una distopia che è oggi banale vita quotidiana, in cui si è tutti condannati all’isolamento da un quid che non si riesce a definire, se non come irreale, forse artificiale, o forse conseguenza di un’arcigna Nemesis, che fa scontare in un’unica soluzione le nostre colpe, oppure naturale conseguenza delle nostre scelte inumane.

A volte i ricordi è un carme che m’entra nell’anima e la scuote, perché mostra di conoscermi a fondo. Quante volte sono stato prossimo a gettare nella campana della carta, anziani documenti di origine paterna o materna (antichi accertamenti medici, vecchi appunti, pregresse bollette degli anni della mia giovinezza, stagionati cedolini stipendiali) e poi ho deciso di salvarli dall’annullamento, dalla loro trasformazione ecologica, non volendo rinunciare a quel pezzettino di anima che ancora è racchiusa in quella porzione d’umanità cartacea!

Ci vengono incontro parole e volti… di chi ci ha…”, donato se stessi, come noi stiamo facendo per gli altri. È un discorso assurdo, anch’esso irreale ma, se continuo ad ascoltarlo, mi si perdoni, è perché non riesco a evitarlo.

Perché l’anima racchiusa in quei brani di cellulosa alla fine equivale a quella che geme nei brandelli dei ricordi, come se fossero parole ancora pronunciate da chi non c’è più, ma non è meno caro per questo.

Come la frase che disse (e sta ancora dicendo) la mamma alla domanda che le rivolge Normanna, su cosa facesse quand’era disperata:Alzavo gli occhi, e guardavo le montagne.”

La poesia salva per sempre quest’atto compiuto giornalmente, fissandolo in un solo, eterno attimo.

Normanna Albertini
Normanna Albertini

Per sempre, in Figli per il mostro, il giovane destinato a morire in guerra, lontano da casa, per l’eternità dirà alla madre della necessità del suo sacrificio per amore della patria: quel figlio che “non c’è più” non cesserà mai di salutare la madre alla partenza e d’essere da lei rimpianto.

In Prima della soglia, Normanna dichiara la sua paura, quando è cosciente di vivere in un mondo in cui ci si ferma “alle parole”, resi infelici da una finta spiritualità, fondata sul commercio e sull’inganno.

È un mondo, quello descritto in Percezione imperfetta dei pericoli (Tralerighe Libri, 2020), in cui si tagliano gli alberi, adducendo timori assurdamente umani, che sconvolgono la natura, a cui si tolgono le risorse che dovrebbero aiutarla a renderci il mondo più vivibile.

In Evoluzione è descritto l’odore moderno, “di benzina e gasolio, di rifiuti in decomposizione” che ci nega gli antichi effluvi che variavano “a seconda delle stagioni” e che resta costante tutto l’anno.

In Nostalgia delle pareti, la poetessa non ci sta e continua a inseguire quel che ancora riesce a disperdersi per tutti, ma non per lei, che ne continua ad aver coscienza imperitura: “I semi danzano e vanno, volano, orientati dal cosmo”.

La pietra e l’albero coglie un altro mio sentimento: quella pietra, ma anche quel ramo, tutto quel che pare immobile, e lo è da prima che lo si scorga, e tale rimarrà per tanti ancora, avrà coscienza del mio fissarlo e nel riconoscere quel che è suo? Avrà il diritto a un’esistenza che per alcuni non ha alcun senso?

Egli rimarrà per centinaia di anni, in cui assisterà, non al disprezzo, peggio: all’indifferenza dei morituri, di chi ogni volta gli passeranno accanto, per cui scomparire di lì appresso, senza mai scorgerlo.

Neve di febbraio racconta il nostro timore “di morire di quiete e dell’“ascolto della mente” che ci conduce a fuggire il silenzio che una nevicata febbraiola offre a quest’animale inquieto e incapace di apprezzarne la ricchezza.

Cadono, i ponti: ecco un esempio di quelle che Andrea definisce “poesie ‘sbagliate’”, potenti, ma sgraziate, irregolari e che sorgono “dalle cicatrici, dalle rughe”.

Non è affatto una poesia bella, né essa offre quella promessa d’eternità di cui si diceva. Il suo valore è qui ed ora: una denuncia che la poetessa lancia in faccia al potere economico che ha causato la morte e la distruzione dell’esistenza umana, causata da “infiltrazioni d’odio… infiltrazione nervose e marcescenti di infelicità…”.

In L’erba spigarella, Normanna torna a inseguire i “pollini” che “volano – invisibili – non curandosi dei confini.” Non si può mica passare la vita a imprecare contro l’uomo: c’è ancora parecchio da gioire!

Fico d'India di Marina Campagna, Pisciotta - Photo by Stefano Pioli
Fico d’India di Marina Campagna, Pisciotta – Photo by Stefano Pioli

Per ultimo vorrei commentare le poesie Il fico d’India e Il cactus, la prima perché ho imparato ad amare questa pianta da adulto, da quando l’ho conosciuta in paesi remoti: un Essere che acquista la massima sua bellezza al tramonto, quando il sole, declinando, s’insinua in un anfratto pentagonale creato dalle sue sinuosità, e pare per un attimo prigioniero. Ma, tempo poche ore, e risorgerà ancora più fulgido.

De Il cactus ho apprezzato il sogno che esula dal suo essere una pianta povera, il cui “fiore dura solo un giorno”, grazie a cui egli può augurarsi l’impossibile, anche quello che non avrà mai: “la pelle liscia delle mani”.

Questa la magia dei sogni: creano una realtà alternativa. Ed è questo che muove la poetessa, il desiderio d’incontrare un mondo, ove le leggi sono sì ferree, ma impalpabili.

Questi sono i carmi che più m’hanno condotto a reagire. Ad ognuno i suoi…

La poesia di Normanna sa essere ligia alle regole metriche, con qualche sapiente rima; altre volte è adottato il verso libero, quando la rabbia e l’impeto della condanna non cessa di ribollire nell’intimo.

L’essenziale è che lei sia sempre capace di donare se stessa, in sacrificio, a chi è disposto a continuare dentro di sé, per parecchio tempo, anche lui ora sognando, la propria esistenza.

E ora a te.

 

Written by Stefano Pioli

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: