La vera storia babilonese della creazione: sumeri, alieni, annunaki, nibiru ed U.F.O.

Da alcuni anni si alzano voci di “studiosi”, “esperti”, “appassionati”, di storia, in particolare in riferimento alla Creazione, all’interpretazione di antichi testi, in gran parte scritti in lingue “morte”.

Le pseudo-traduzioni da questi testi, con notevole richiamo conseguente, affermano nuove rivelazioni su”Antichi saperi”. In particolare, si sente dire di tutto e di più sulla comparsa delle prime civiltà.

La Mesopotamia, con le straordinarie etnie che ha ospitato, è oggetto di “sconvolgenti” ipotesi, scoperte, neo-interpretazioni, supportate, purtroppo da molta fantasia e poco più. Emergono, quindi, “Nuove Verità” supportate dal nulla su alieni, Sumeri, Annunaki, Nibiru, astronavi antichissime, U.F.O. (ed altre ipotesi) che avrebbero portato o creato l’umanità sulla terra dallo spazio o modificato una civiltà già esistente sul pianeta.

Non sono certo qui a smentire con prove inconfutabili alcuna teoria, ma trovo che si sia fatto molto sensazionalismo e molta pubblicità, con relativo ritorno economico su fatti che non potremo mai provare definitivamente, ma ci sarà consentito solamente dare delle percentuali di veridicità su fatti, eventi, personaggi, fenomeni, di cui verremo a conoscenza col passare del tempo.

Riguardo, in particolare, alla Creazione, vi sono delle pagine “certe” che, senza timore di smentita descrivono, con gli occhi dei contemporanei di allora, narrazioni di questo straordinario evento.

L’Enuma Elis, ad esempioossia i testi che ci raccontano l’epica sulla Creazione, non parlano affatto di pre-sumeri, fatto che sarebbe stato ripetuto dai babilonesi certamente, se vi fosse stato qualcosa di veritiero a tal proposito sui testi sumeri, in quanto le lingue assiro-babilonesi discendono “direttamente”, appunto, dal sumero.

Con questo non voglio smentire ipotesi, salti in avanti, supposizioni, anche perché è giusto che si studi, si interpreti, si divulghi, ma questo deve essere fatto con correttezza e, soprattutto con molto tatto, cosa che non sta avvenendo. Come citato nel mio precedente articolo, la “Festa del Nuovo Anno” apriva la stagione liturgica e durante questo rito si recitava, appunto, l’epica della Creazione, direttamente derivata dal popolo di Sumer.

Marduk, Dio di Babilonia, combatte contro le forze del caos, evento che è alla base di quasi tutte le religioni esistenti: “origine = scontro tra ordine e chaos. Quindi, fino a qui, niente di nuovo. La vittoria di Marduk stesso e l’imposizione di nuove “regole” dettate, appunto, dal Dio della capitale mesopotamica. Questo, è il momento della “Creazione” babilonese, direttamente derivata dagli scritti sumeri: Marduk il più forte dei “giovani” Dei sconfigge i “vecchi” Dei, dell’ immobile ”non cambiamento” e “non-ordine”, quindi del caos.

Tiamat, la Madre Primordiale (evidentemente femmina, non “aliena” o “geneticamente modificata” o quant’altro si è addossato, appunto, recentemente), quindi, una “normale” Dea primigena. Nessuno si è azzardato ad affermare (purtroppo, ancora, ma avverrà…) che Gesù Cristo, il Buddha, Confucio, Maometto ed altri capostipiti di religioni moderne affermate a livello mondiale, fossero dei piccoli esseri con gli occhi neri, a mandorla che comunicavano con il pensiero.

Sull’origine della vita sulla terra, che ha avuto certamente una spinta unica, necessaria, indispensabile, dallo spazio, mediante le meteoriti portatrici degli amminoacidi costituenti essi stessi, la vita, ma da questo ad affermare che “certamente” ci sono altri esseri che ci hanno creato, effettivamente, c’è molto da provare, direi quasi tutto.

È sicuramente “possibile”, che ipotesi “alternative”, “impreviste” dimostrino prima o poi la loro veridicità, non sarò certo io a negarlo, anzi, dai miei scritti si può evincere la speranza che qualcosa di nuovo, sino ad oggi magari incredibile si “riveli” ma, da cultore dei supporti scrittori, quale sono (non è un merito, di certo, una caratteristica personale, la definirei) so che la cultura tradotta dall’orale allo scritto pervenutaci è risibile in confronto a quella tradotta da saperi “primigena”.

L’ottanta per cento del “sapere” antico è andato perduto, in guerre, devastazioni, saccheggi, furti, traffici, calamità naturali o causate dall’uomo, disastri ambientali e cosi’ via (basterebbe citare la distruzione dei circa 500.000, si suppone, testi raccolti e poi bruciati nella biblioteca di Alessandria d’Egitto). Sul rimanente venti per cento si è basata la civiltà umana dell’oggi.

La mia speranza è che “qualcosa di nuovo” si riveli, forse me lo sento, inconsciamente, dentro, ma purtroppo, e sottolineo, “purtroppo” dobbiamo basarci su “prove archeologiche” per conoscere il passato, e per poter affermare, per certo, un “qualcosa” di eccezionale, le prove devono essere molte, non bastano indizi, colti da “cercatori di notorietà” che si ergono a scienziati. La Scienza è la Scienza, il resto, è, giustamente, “pour parler”. 

 

Written by Roberto Lirussi 

 

15 thoughts on “La vera storia babilonese della creazione: sumeri, alieni, annunaki, nibiru ed U.F.O.

  1. a pro di cosa e di chi parli e scrivi dr lirussi? sei presuntuoso a pensare che la nostra cosiddetta razza è la sola a vivere in questo universo.fai una bella richiesta al vaticano di poter consultare cio che hanno tenuto nascosto per quasi 1500 anni.e a proposito della loro verità ?vorrei yn tuo commento grazie spero a presto?!?.

  2. prima di dire che le teorie degli altri non sono vere ma solo sensazionalistiche dovresti essere in grado di tradurre le lingue antiche come Mauro Biglino ed essere al corrente dei ritrovamenti archeologici che mostrano ad esempio nelle piramidi di Giza astronavi e mezzi di trasporto all’avanguardia anche per l’epoca odierna. Giudichi ignoranti persone che sanno bene di cosa parlano mentre tu di mostri di essere il vero ignorante e pure di vedute ristrette. Abbiamo un cervello per cercare di capire la realtà indagando,non serve a nulla accontentarci di ciò che ci è stato detto da sempre solo perché è più comodo. Leggiti due libri sull’argomento prima di parlare senza senso, ne avresti bisogno

    1. Grazie, se entrambe i S.ri che hanno commentato avessero letto gli altri miei articoli non avrebbero perso tempo dandomi dello scettico, questo era solo uno dei TANTI punti di vista dal quale si possono vedere le cose. Cmq grazie x il consiglio di leggere, imparare, studiare ed aprire la mente vale sempre….x tutti…….RL

  3. Dal titolo dell’articolo pareva che il contenuto fosse riferito a nuove scoperte o rivelazioni di conferme o smentite al discorso “creazione”, infatti il titolo “La vera storia Babilonese della creazione”. Nell’articolo vuoto di contenuto, si ripetono tesi e congetture obsolete senza alcuna conferma o smentita di alcunchè.
    Mi chiedo a cosa serva scrivere un articolo di 70 righe, per non dire NULLA. (Solo impressioni e considerazioni personali)
    Unico dato emergente, qualcuno ne ha parlato scrivendo libri e forse l’ha fatto per un ritorno economico.
    Bene, dopo avere scritto queste OVVIETA’, cosa dovremmo capire?
    Inoltre il fatto che se ne parli da fastidio a qualcuno?
    Dobbiamo forse pensare che lo scrivere da parte di traduttori e ricercatori, dà fastidio alle tesi teologiche?
    Signor Roberto, lei dovrebbe ritornare nel merito e chiarire il motivo di questo articolo e forse anche dire qualcosa in più, perchè non appare chiaro il motivo che l’ha portato a scrivere queste 70 righe di nulla e chiudere con “la scienza e scienza e il resto è pour parler”. Ma che cavolo vuol dire, questo lo sanno anche i bambini, sia più chiaro e dica veramente quello che pensa, altrimenti lasci perdere.
    Di queste cose bisogna parlarne e più se ne parla meglio è. Lasci agli interessati decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato, stia tranquillo che possediamo un cervello e sappiamo discernere le favole dalle tesi personali, come sappiamo distinguere il vero dal falso, presunto o reale.

    La saluto

  4. Concordo sul fatto che si tratta di teorie strampalate che cercano di dare una spiegazione ufologica a quello che trovano scritto nei miti(però sono le religioni stesse a smentire certe stupidate) e sambra che alla gente basta che si presenti uno che dice che ha tradotto lingue antiche e poi parla di alieni e il fatto diventa quasi certo.
    Sopra infatti è stato nominato l’inqualificabile Biglino che sta infinocchiando un po’di gente.
    Però anche io ho tradotto l’ebraico antico e sto mettendo sotto i video delle sue conferenze dei commenti dove provo che Biglio inventa per vendere libri.
    Speriamo che la gente si svegli e diventi un pò più razionale.

    1. Bp puoi inserire questi video anche qui sotto in questo articolo. Mi farebbe piacere visionarli :)
      Anche io personalmente non sono per la soluzione UFO, anche perché da ex ufologa (tempi adolescenziali) ho cercato le fonti di cui narrano questi “personaggi illustri” e purtroppo ci sono altre spiegazioni possibili oltre agli UFO.
      Considero che sia solo una nuova religione, qualcosa che dicono ci abbia creato e che non si vede. Mi ricorda il Dio monoteista e tutte le divinità pagane.
      Non è facile spendere la propria vita nel bisogno di “capire”, in tanti prendono per oro colato tutto ciò che leggono.

    2. Allora mi potrebbe spiegare come sia possibile che io da tempo ero arrivato alla stessa conclusione di Biglino, soltanto analizzando e studiando informazioni che non c’entrano nulla con la Bibbia? Non solo, da ragazzo studiai la Bibbia per 15 anni e successivamente, quando compresi la provenienza della razza umana, addirittura credetti per molto tempo che la Bibbia, dal momento che come tutti credevo che parlasse di un dio unico e onnipotente, fosse solo un libro in cui qualcuno decise di scrivere un mucchio di cazzate. Non comprendevo bene il perché un libro antico avesse dovuto includere quel mucchio di cazzate inventandosi palesemente di un dio unico che non esiste, rendendolo tra l’altro come se esistesse davvero, ma passai semplicemente oltre. E credetti per molti anni questo, fin quando ho saputo di questo Biglino, meno di un anno fa. A quel punto ho compreso il collegamento con il resto e non posso non dargli ragione.
      Sarebbe interessante sapere come può un giovane, basandosi sui propri studi, a raggiungere le stesse idee di un altro che studia tutt’altra cosa.
      L’unica possibilità è che Biglino abbia capito certe cose da fonti esterne e sia stato lui a mettere a forza nella Bibbia quelle informazioni, anche se poi in realtà non ci sono. Ma onestamente questa cosa devo sfatarla, conosco la Bibbia molto bene, anche tutti i passi non citati da Biglino, sono una di quelle persone che la Bibbia l’ha letta tutta da cima a fondo, e ritengo che sia assolutamente coerente la sua versione. La Bibbia non può parlare di dio. Ma cosa credete, che quando ero ragazzino non mi chiedevo come potesse un dio amorevole fare quelle schifezze descritte? Il problema è che quando la religione ti fa il lavaggio del cervello, arrivi a giustificare anche gli stermìni, solo perché fatti da uno che si chiama dio. Questo sì che è grave, non quello che dice Biglino.
      Comunque non c’è bisogno di lui per capire certe cose, io non ne ho avuto alcun bisogno. Ma se molte persone lo capiscono grazie a lui, sono molto contento così.
      Anche perché, per le persone, riuscire a comprenderlo senza di lui risulta molto difficile secondo me, è necessario avere un quadro di informazioni molto vasto che unisca il passato, come l’archeologia e la storia, e il presente. Solo allora si può capire. Ma sono montagne di informazioni che non tutti hanno la voglia e il tempo di reperire e studiare. Forse a volte pure la mancanza di capacità di elaborazione delle informazioni diventa un limite per molti.
      Sarebbe però bello sapere come sia possibile per due persone arrivare alle stesse conclusioni del mondo, seppur da fonti completamente differenti.
      È un po’ come quando realizzai il concetto di ciò che può essere dio (al di fuori dei concetti religiosi, ma basandosi e facendo supposizioni su idee pratiche e concrete), per scoprire anni dopo che un certo Einstein aveva avuto le mie stesse intuizioni, tra l’altro difficili da capire se non le comprendi di tuo. È particolare. Di sicuro è bello quando le cose non te le fai dire dagli altri e poi con il tempo scopri che le tue deduzioni sono le stesse raggiunte da altri, utilizzando però altre fonti.

      1. Anzi, volete un’altra mia deduzione che non ho mai ascoltato da nessuno, per ora, e non molto scontata?
        Se la razza umana non fosse stata addestrata alla guerra e alla violenza da tempi memorabili, se fosse frutto di un evoluzione costante e progressiva, sarebbe un popolo in grado di gestirsi in modo pacifico e non sarebbe mai arrivato al punto di portare al collasso il pianeta,come invece sta facendo. Siamo come un pit bull, potenzialmente buono e mansueto, che è stato bastonato e trattato nel peggior modo solo per poi essere obbligato a entrare in una gabbia per combattere. Alla mercé degli scommettitori che si godono lo spettacolo.
        Siamo come il toro buttato dentro una corrida.
        L’essere umano, di suo, è molto meglio dello schifo che è stato fatto diventare, cioè un topo che costruisce trappole per topi.

  5. Per coloro che volessero le ultime novità sulla creazione della nostra razza umana, cosiglio di guardare o leggere Tellinger e le sue scoperte in Mozambico, dove Enki creò l’uomo (Lulu ed Adapa).

    1. Davvero molto interessante! Altri tasselli che arricchiscono il puzzle o il mosaico.
      Interessante non solo l’idea che 100k anni fa vivevano popolazioni civilizzato al punto da costruire metropoli. Ma sopratutto interessante il fatto che si parli nuovamente della cintura di Orione, praticamente ricorrente in ogni civiltà antica.
      Per non parlare di tutte le miniere d’oro trovate che, come suggerisce più volte Biglino in una sua deduzione azzeccatissima, non aveva alcun senso pratico un interesse dell’oro per quelle civiltà, se non quello di procurarlo a chi sapeva come utilizzarlo per determinate tecnologie, in quanto l’oro possiede caratteristiche utilissime solo alla tecnologia.

  6. innazi tutto buona domenica a tutti ho 44 anni,e da 20 mi interrogo su come cosa e perche esista tutto cio.sin da bambino iniziano a riempirti il cervello di assurdita senza senso, e piu le ascolti piu ti rendi conto che non fumzioa ulla,tutto un controsenso,uno smentirsi l’un l’altro,stesso dio,nomi diversi,stesse necessita’dio inventato,costruito e assemblato di sana pianta da esseri umani viventi per poter vincolare e schiavizzare un intero pianeta,rendendo lumanita completamente inebetita e succube.e’ tutto un complotto,dalla nascita narrativa del dio unico,che non era dio ma bensi un essere piu evoluto e non solo, ma accompagnato da molti altri come lui,allo sbarco sulla luna,tutte cazzate.il presidente obama,in una delle sue ultime apparizioni pubbliche dichiaro pubblicamente di impegnarsi con tutto il suo staff di lavorare a tempo pieno per poter riuscire a superare le fasce di van hallen e raggiungere finalmente lo spazio cosmico.quindi vuol dire che sulla luna non c’e mai andato nessuno,e nemmeno su marte e ancora meno tutte le varie sonde lanciate chissa dove.la luna e tutto il resto sono oltre tale fascia quindi ?????? tutte cazzate da holliwood.durante i preparativi del lancio del razzo apollo 11 che dicono ando sulla luna,dicono….be quel giorno li nella base arrivo un tale di nome stanley kubrick.che ci faceva li un personaggio del suo calibro e spessore?? buona giornata a tutti e a presto.

  7. Trovo il tuo punto di vista più che giustificato. Singole prove certe e riscontrabili al 100% forse al momento non ce ne sono e il dubbio è pur sempre lecito.
    Personalmente, avendo studiato molto l’argomento da ogni angolazione, sono giunto alla conclusione che l’essere umano sia realmente stato fabbricato da esseri di un altro pianeta attraverso la genetica, ne sono certo. Ma non posso pretendere che tutti si prendano la briga di studiare tutto quello che ho studiato o di cui mi sono informato personalmente in più di 20 anni. Anche se è un peccato che non sia così.
    È vero che ad ora non si è risaliti a una prova ufficiale indissolubile che dimostri la tesi menzionata (ma questo è anche ovvio, nessuno di noi era presente 10k anni fa e anche se lo fossimo stati, rimarrebbe solo una nostra testimonianza orale di cui pochi ci crederebbero, come avviene con le testimonianze dei popoli antichi), ma al tempo stesso ci sono troppi elementi che dovrebbero spingere la scienza ufficiale ad approfondire, cosa che non fa. E se la scienza ufficiale non inizia a investigare seriamente sulla cosa, difficilmente cambieranno le cose.
    Quello che resta alla fine sono una serie di prove singolarmente non indissolubili che, messe tutte insieme e solo nel loro insieme, iniziano ad avere un peso molto importante.
    È proprio come un puzzle. Non basta il singolo tassello per capire il disegno, ma quando metti insieme tanti tasselli che si incastrano perfettamente, cominci a capire.
    Le piramidi sono torri di Tesla? Probabilmente. La scienza ufficiale si è presa la briga di verificare? No.
    Eppure esistono molti elementi importanti a favore di questa tesi. Ma fin quando la mentalità rimane questa, non possiamo aspettarci molto.
    Alla fine è giusto che ognuno si informi in modo approfondito e si faccia la propria idea. Ben venga il dubbio, ma chi esclude a priori queste cose resta ignorante a priori, perché crede ciecamente in una parte di scienza che certe cose non le ha mai seriamente considerate e quindi, rischia di trovarsi anni luce indietro relativamente alla conoscenza che potrebbe realmente ottenere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: