Intervista di Enrico Scanu agli ideatori della linea di abbigliamento street “Drugstore Branded”

Drugstore come drogheria, bottega. Drugstore come un posto dove andare a cercare la “roba buona”. Ma anche Drug come droga, nel senso di passione, la passione per i colori, gli abbinamenti , lo streetwear, e Store come spaccio, nel senso di distribuzione. Potremmo chiamarlo un “brand allo stato embrionale”, ci piace definirlo “progetto”, qualcosa che stiamo portando avanti con entusiasmo.

Nel nostro logo nulla è a caso – Sardinian, per mettere in risalto l’attaccamento alla nostra terra; dal concept alla stampa, le nostre maglie sono sarde, come noi, al 100% – Urban richiama l’indirizzo che vogliamo dare alla nostra linea – Branded dimostra le nostre intenzione di creare una vera e propria linea, partendo dalle t-shirt per arrivare anche ad altri capi di abbigliamento.”

Dalla passione per la grafica e gli urban brand di tre artisti della scena rap sarda dello scorso decennio nasce drugstore Branded, una linea di abbigliamento puramente street che sta raccogliendo consensi all’interno della scena musicale sarda e non solo.

Noi di Oubliette Magazine ne abbiamo parlato con gli ideatori del progetto Daniel Paxi Corrias, Silvio BeegZee Murtas e Ivano Chato Onnis.

 

E.S.: Come nasce l’idea di una linea di abbigliamento 100% made in Sardinia?

Chato: Fin da ragazzini siamo appassionati dell’abbigliamento puramente street, seguiamo tutto ciò che riguarda le nuove tendenze provenienti in particolare da oltreoceano con un occhio di riguardo agli abbinamenti tra i diversi modelli. Siamo degli autentici Style maniacs!!!

Big Zee: L’idea di creare una nostra linea è nata quasi per gioco, unendo le nostre idee alla passione per la grafica di Chato e la voglia di affrontare questa nuova sfida inoltre non mancava. Abbiamo un background molto simile in fatto di gusti, difficilmente qualcosa che piace ad uno non piace agli altri quindi ci è venuto naturale lavorare insieme a questa nuova esperienza.

 

E.S.: Qual è il concept diestro DSB?

Paxi: Avevamo voglia di creare una linea di magliette che riflettesse i nostri gusti personali e ci piaceva condividerle con un pubblico di appassionati come noi. Da quando suoniamo nei nostri gruppi – Sa Ganga ed Entroterra – abbiamo iniziato a creare le nostre maglie personalizzate per il piacere di avere qualcosa di unico che ci rappresentasse. Con DSB abbiamo pensato di offrire un prodotto unico a tutti quelle persone amanti dello street life, che siano essi writers, amanti dei tattoo, rapper, reggae lovers, bikers o punk rockers.

 

E.S.: Chato quali sono gli artisti che hanno ispirato maggiormente per la creazione delle grafiche?

Chato: Per quanto riguarda le grafiche sono un appassionato dello stile chicano e del lettering tattoo, uno particolare stile in cui caratteri usati per comporre le scritte sono un vero e proprio disegno. Vorrei citare in particolare Mr. Cartoon, Boog, Mr Flaks e Chaz Bojorquez tra gli artisti che hanno ispirato il mio modo di disegnare soprtatutto per quanto riguarda i lavori che eseguo con Nayabahood Grapichs mentre in DSB, essendo il risultato del lavoro di tre persone con stili differenti non troverai mai lavori simili tra loro nonostante esista un filo conduttore per tutta la linea di abbigliamento.

 

E.S.: Come nasce una maglietta DSB?

Zee: Quando abbiamo in mente un’idea che consideriamo buona ne parliamo con Ivano che si occupa di preparare una bozza su carta. Segue una fase di brainstorming, possibilmente davanti ad una birretta fresca, in cui cerchiamo di capire quali sono i punti di forza dell’idea, di come svilupparla e su come migliorare l’impatto grafico.  Queste discussioni possono essere molto pacifiche oppure molto elettriche – ridono – ma il risultato deve comunque soddisfarci tutti e tre.

Paxi: Ognuno di noi ha il suo stile preferito, Chato segue il mondo dei tattoo, Zee è attratto dalle grafiche minimali in stile college mentre io preferisco le maglie con dei bei disegni possibilmente con delle cromature particolari. Una t-shirt DSB nasce dall’unione di questi tre elementi.

 

E.S.: Avete uguale peso decisionale all’interno del processo creativo?

Chato: Assolutamente e ti dirò di più, abbiamo gli stessi compiti anche per quanto riguarda la distribuzione, o se preferisci lo spaccio e la pubblicità.  Siamo un team in cui tutti si occupano di tutto.

 

E.S.: Distribuzione/ Dove è possibile trovare la vostra roba?

Paxi: In tanti anni di attività live sui palchi della Sardegna e non solo abbiamo sviluppato una buona rete di contatti quindi è naturale rivolgerci in primis all’ambiente in cui siamo cresciuti. A tal proposito vorremo ringraziare alcuni amici che stanno supportando il progetto, tra cui Rootsman I e Toni San, Mista Kayaman, Ekerblow, DollKIll e presto avremo anche Sista Namely.

Chato: Continuiamo a seguire concerti e festival per incontrare vecchi e nuovi amici, siamo stati e saremo in diversi appuntamenti musicali della Sardegna con il nostro store durante la prossima stagione e presto arriverà il nuovo materiale che in ogni caso potete trovare anche in rete.

 

E.S.: DSB e i social.

Zee: Il punto di riferimento per essere aggiornati su DSB rimane comunque internet, è già operativa la nostra pagina facebook ed a breve lo sarà anche il nostro sito. Un vero è proprio Drugstore online dove potrete trovare i nostri prodotti.

 

Written by Enrico Scanu

 

Info

Facebook DSB

Naybahoographix

Behance.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: