“L’albatro” poesia di Charles Baudelaire: il poeta è come il principe delle nuvole

“L’albatro”

Charles Baudelaire - L'albatro - citazione
Charles Baudelaire – L’albatro – citazione
Spesso per divertirsi, gli uomini d’equipaggio
catturano degli albatri, grandi uccelli dei mari
che seguono indolenti compagni di viaggio,
lo scorrere della nave sugli abissi terribili.
Non appena deposti dai marinai sulle plance,
questi prìncipi dell’aria, maldestri e vergognosi
lasciano cadere le grandi ali bianche
come remi trascinati pietosamente ai fianchi.
Com’è goffo e molle il viaggiatore alato,
Lui, così elegante, com’è comico e brutto!
Uno con la pipa gli stuzzica il becco
l’altro mima zoppicando l’infelice che volava!
Al principe delle nuvole è simile il Poeta
che vive nella tempesta e non si cura dell’arciere;
esiliato sulla terra in mezzo agli improperi,
le sue ali di gigante gl’impediscono di andare.

(Traduzione di Marcello Comitini – Edizioni Caffè Tergeste)

Charles Pierre Baudelaire (Parigi, 9 aprile 1821 – Parigi, 31 agosto 1867) è stato un poeta, scrittore, critico letterario, critico d’arte, giornalista, aforista, saggista e traduttore francese.

È considerato uno dei più celebri e importanti poeti del XIX secolo, esponente chiave del Simbolismo, Espressionismo, affiliato del Parnassianesimo e grande innovatore del genere lirico, nonché anticipatore del Decadentismo.

I fiori del male, la sua opera maggiore, è un passaggio obbligatorio per qualsiasi persona appassionata di poesia. La lettura (e la rilettura) di quest’opera fornirà una chiave di interpretazione valida per qualsiasi poeta successivo al nostro parigino.

Il pensiero e la biografia di Baudelaire hanno influenzato molti autori successivi a lui (ad es. i “poeti maledetti” di VerlaineMarcel ProustAlfred de VignyArthur RimbaudT. S. EliotEzra Pound, Edmund Wilson ed in particolar modo Paul Valéry), appartenenti anche a correnti letterarie e vissuti in periodi storici differenti, e viene ancor oggi considerato non solo come uno dei precursori del Decadentismo, ma anche di quella poetica e di quella filosofia nei confronti della società, dell’arte, dell’essenza dei rapporti tra esseri umani, dell’emotività, dell’amore e della vita che lui stesso aveva definito come “Modernismo”.

La poesia “L’albatro” è contenuta ne “Il fiori del male” e nei secoli è stata molto citata ed ammirata per questa similitudine tra il poeta ed il grande uccello, l’albatro. Nell’edizione del 1861 questa poesia sostituì Le Soleil che fu inserita nella sezione Tableaux Parisiens.

 

In lingua originale:

Souvent, pour s’amuser, les hommes d’équipage
Prennent des albatros, vastes oiseauz des mers,
Qui suivent, indolents compagnons de voyage,
Le navire glissant sur les gouffres amers.

À peine les ont-il déposeés sur le planches,
Que ces rois de l’azur, maladroits et honteux,
Laissent piteusement leurs grandes ailes blanches
Comme des avirons traîner à côté d’eux.

Ce voyageur ailé, comme il est gauche et veule!
Lui, naguère si beau, qu’il est comique et laid!
L’un agace son bec avec un brûle-guele,
L’autre mime, en boitant, l’infirme qui volait!

Le Poète est semblable au prince des nuées
Qui hante la tempête e se rit de l’archer;
Exilé sul le sol au milieu des huées,
Ses ailes de géant l’empêchent de marcher.

 

 

Altre opere di Charles Baudelaire presenti su Oubliette Magazine:

“Al lettore”

“Epigrafe per un libro condannato”

“Che cos’è la poesia?”

La disperazione della vecchia”

A una passante

L’orologio

“Ubriacatevi”

Una carogna

Un burlone

La minestra e le nuvole”

 

9 pensieri su ““L’albatro” poesia di Charles Baudelaire: il poeta è come il principe delle nuvole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *