Pubblicato il

“My Muse”, a photography show by Mario Pischedda: until May 15, Pocko Gallery, London

“The show of society, we are the show, the rest is boredom, showing ourselves, continuous showing off, pulped all, let’s show ourselves by the nudity of the self, let’s talk to the video, lets photograph each other, let’s show ourselves, show who we are, without shame, youporn, to see, to see everything, humanity shows up, that shows itself, let’s feed ourselves to others, a friend has now a black ball on its head, an extended stain, let’s shine in the streets, continuous display, the show must go on,  not stop, forward, always forward, show, forget and show, raise the bar, to dare, more, even more, dare, I told a friend of the lingerie who sketched a dark see-through corsage, what is life, where is the sense of what we do, what we say […] “-” Youporn “-” Café Bizarre

My Muse

From April 12 to May 15, 2017 at Pocko Gallery in London, you will be pleased to see an an exclusive preview by Sardinian artist Mario Pischedda, showing his series “My Muse“. 13 photographs capturing the musician and artist tout court,  Jesuinu Deiana.

My Muse is defined as a Folie à Deux (literally “madness shared by two”) in Art, in particular we can describe it as a sitcom simultaneous and delusional that has overwhelmed for years Mario Pischedda and “his Muse” Jesuinu Deiana.

Obsessions, artistic psychosis sloshing reality showing moments of the collective unconscious and, therefore, loss of consciousness that manifests with the photographic medium.

Knowing Mario Pischedda is precipitating in an expanding world on the investigation of the moment that flees irretrievably. Photography and writing have been in formation of Pischedda’s ideas in the sense of ” search of style in the fraction of an instant “.

Mario Pischedda talks about his work: “A sudden prelude, as usual, at last in the reign of the Queen with what? with my muse (³My Muse²) Jesuino dejana, not an ordinary person, a musician, a guitarist, a friend of mine and of Peter Gabriel, many seek  him only for this, now, after years of improvisations , only the first take, and always without notice, we have the opportunity to show something of  our shared madness (folie à deux), Pocko has chosen very little, but all things of substance, irony, poses, Olympic games, close-ups, sweat, holidays, everything in the instant, instant art, enjoy with us, enjoy, old shots, becoming vintage by being in the damp cellars of the hard disks that often crash, something that happens often at the author, but without crashes there is no art and even less joy and ars amandi, we like to share and smile, love us because we, despite everything, we love you and we continue undeterred in pursuing our small daily utopias made of barters, self-productions that we share with the public and trusted followers ”

Enrico Ghezzi writes to Mario Pischedda: “Hello Mario, listen, this time I had/ didn’t have from you too little time. There and here again illuminated by space shadows. How can I possibly access the void of what is not there: the time, a little more, a little less than a broken wheel after taking a blow falling from the hand of the child who is no longer in tune (oh: I dropped a patch and it broke) and p.s. if the rest is again and always literature, what will become of the distance which is in the writing?

 

Some questions to artist Mario Pischedda:

A.M .: Its the first time that “My Muse” is showed in public? Why start from London?

Mario Pischedda: I didn’t choose London, but London chose me. I couldn’t refuse.

 

A.M .: What and who represents the 13 photos on display?

Mario Pischedda: The photographs are photographic jam sessions and games and music with the great Sardinian artist Jesuinu Deiana, ours is a work that took years of experimentation, the photos are all on the first take, without notice and especially without pre-established script. The photo is repeatable by definition, but what happened is no longer repeatable. They are unique situations, I can define it  as pure Situationism.

 

A.M .: Will the exhibition of “My Muse” travel? Where?

Mario Pischedda: My Muse” will travel for sure, but I do not know how or when, where, for now let’s enjoy this important step.

 

Mario Pischedda – Desert Storm

Mariopischeddainmovement, amnesiac, unlikely author,  creator of short circuit of the word, overweight, in an advancing age,  he decided to join a world of dispossessed identity, untidy photographer,  he sings in solitude and cultivates without chemical additives, ‘art is instantaneous and in image, word, sound and video,  he pursues an entropic project, unsystematic and disorganized, chaotic and stoic, revolutionary and conservative, He has no archives and memories are gradually fading away, any time is the beginning of the perennial contradiction of ephemeral life of all of us and the constant and useless tautology of  art and this desperate and despairing anguish is what he tries to witness the rare occasions that are granted or that come his way … because everything is very inconsistent and ephemeral etc. etc. etc. etcì.

 

The event is scheduled for April 12, 2017 at Pocko Gallery in London, from 18:00 to 20:00.

“My Muse” sees the collaboration as a media partner of the cultural portal Oubliette Magazine.

 

Free entry

 

Pocko Gallery, London

51 king henrys walk

London

n1 4NH

 

Private view 6p.m. to 8p.m. on the 12nd April

Duration until 15th May

 

Written by Alessia Mocci

 

Info

Facebook event

Site Pocko Gallery

 

In traduzione italiana

“My Muse”, mostra f/oto/grafica di Mario Pischedda: sino al 15 maggio, Pocko Gallery, Londra

Lo spettacolo della società, siamo spettacolo, il resto è noia, esibirci, esibizione continua, al macero tutti, esibiamoci dai, la nudità di noi stessi, parliamo al video, fotografiamoci, facciamoci vedere, mostriamoci, senza pudore, youporn, vedere, vedere tutto, la umanità si fa vedere, che si mostra, diamoci in pasto, l’amico oggi aveva una palla nera sulla testa, una macchia estesa, sfavilliamo nelle strade, vetrina continua, lo spettacolo deve continuare, non fermarsi, avanti, sempre più avanti, mostrare, dimenticare e mostrare, alzare il tiro, osare, di più, ancora di più, osa, lo dicevo all’amica della lingerie che abbozzava un corpetto dark supertraforato, ma cosa è la vita, dove il senso di quello che facciamo, di quello che diciamo […]” – “Youporn” – “Cafè Bizarre”

Mario Pischedda – Gramola

Dal 12 aprile al 15 maggio 2017 presso la Pocko Gallery di Londra, si avrà il piacere di vedere un’esclusiva anteprima europea dell’artista sardo Mario PischeddaMy Muse, composta da 13 fotografie e raffigurante il musicista ed artista tout court Jesuinu Deiana.

My Muse” è definibile come una Folie à Deux (letteralmente “follia condivisa da due”) artistica, in particolare la potremo descrivere come una sitcom delirante simultanea che travolge da anni Mario Pischedda e la “sua Musa” Jesuinu Deiana.

Ossessioni, psicosi artistiche che rovesciano la realtà mostrando istanti di inconscio collettivo e, dunque, di perdita di coscienza che si manifesta con il mezzo fotografico.

Conoscere Mario Pischedda è precipitare in un mondo in espansione sull’investigazione sull’attimo che fugge irrimediabilmente. La fotografia e la scrittura sono state basilari nella conformazione delle idee pischeddiane nel senso di “ricerca di stile nella frazione dell’istante”.

Mario Pischedda racconta il suo lavoro: “preludio improvviso, as usual, finalmente nel regno della regina con che cosa? con la mia musa (³My Muse²) jesuinu dejana, non una persona qualunque, un musicista, un chitarrista, un amico e mio e di Peter Gabriel, molti lo cercano solo per questo, ora, dopo anni di improvvisazioni al primo ciak e sempre senza preavviso, abbiamo l¹occasione di mostrare qualcosa della follia a due (folie à deux), pocko ha scelto molto poco, ma tutte cose di SOStanza, ironie, pose, giochi olimpici, primi piani, sudore, vacanze, tutto all¹istante, istant art per l¹appunto, godete con noi, enjoy, scatti antichi, diventati vintage a furia di stare nelle cantine umide dei dischi fissi che spesso vanno in crash, cosa che succede spesso all¹autore delle f/oto/grafie, ma senza crash non c¹è arte e tantomeno gioia ed ars amandi, a noi piace condividere e sorridere, amateci perché noi, nonostante tutto, vi amiamo e continuiamo imperterriti a perseguire le nostre piccole utopie quotidiane fatte di baratti e di autoproduzioni che condividiamo con un pubblico ormai e per fortuna fidelizzato da decenni”

Enrico Ghezzi scrive a Mario Pischedda: “Ciao Mario, senti, stavolta ebbi/non ebbi da te troppo poco tempo. Ancora lì e qui illuminato dalle ombre dello spazio. Com’è possibile accedere al mancarmi di quel che non c’è: il tempo, poco più, poco meno di una manopola rotta dopo aver preso una botta cadendo dalla mano del bambino che non trova più sintonia (oh: mi è caduto un cerotto e si è rotto) e p.s. se il resto è ancora e sempre letteratura, cosa ne sarà della distanza che è la scrittura? e g h”

 

Qualche domanda all’artista Mario Pischedda:

A.M.: È la prima volta che “My Muse” viene trasmessa la pubblico? Perché iniziare da Londra?

Mario Pischedda: Non sono io che ho scelto Londra, ma è Londra che ha scelto me, non potevo non accettare.

 

A.M.: Cosa e chi rappresentano le 13 foto in mostra?

Mario Pischedda: Le fotografie mostrano le jam sessions fotografiche e ludiche e musicali con il grande artista sardo Jesuinu Deiana, il nostro è un lavoro che è durato anni di sperimentazione, le foto sono tutte a primo ciak, senza preavviso e soprattutto senza copione prestabilito. La foto è ripetibile per definizione, ma quello che è stato non è più ripetibile. Sono situazioni irripetibili, posso definirlo situazionismo allo stato puro.

 

A.M.: Ci sono altre date in programma della mostra di fotografia My Muse? Dove?

Mario Pischedda: “My Muse” viaggerà molto, ma non so come quando o dove, godiamoci per ora questo passaggio importante.

 

Mariopischeddainmovement, smemorato di Collegno, improbabile autore, cortocircuitista della parola, in sovrappeso, in una età che avanza, ha deciso di aderire a sé in un mondo di espropriati di identità, fotografa in disordine, canta in solitudine e coltiva senza additivi chimici, l’arte è di tipo istantaneo e nella immagine e nella parola e nel suono e nel video, persegue un progetto entropico, asistematico e disordinato, caotico e stoico, rivoluzionario e conservatore, non ha archivi né più ricordi che vanno man mano affievolendosi, ogni momento è l’inizio della perenne contraddizione del vivere effimero di ognuno e della tautologia costante e inutile dell’arte e questa angoscia disperata e disperante è quanto cerca di testimoniare nelle rare occasioni che gli vengono concesse o che gli si presentano… Perché tutto è molto inconsistente ed effimero etc. etc. etc. etcì.

L’appuntamento è per il 12 aprile 2017 presso Pocko Gallery a Londra, dalle 18:00 alle 21:00. “My Muse” vede la collaborazione come mediapartner del portale culturale Oubliette Magazine.

Ingresso gratuito

Pocko Gallery, London
51 a king henrys walk
London
n1 4nh
Private view 6p.m. to 9p.m. on the 12nd April
Duration until 15th May

 

Written by Alessia Mocci

 

Info
Facebook evento
Sito Pocko Gallery

 

Pubblicato il

“Storytelling – Inside Documentary”: Photography workshop with photojournalist Stefano Valerio, London

A photograph is neither taken or seized by force. It offers itself up. It is the photo that takes you. One must not take photos.” – Henri Cartier-Bresson

 

Storytelling _ Inside Documentary

The word Photography comes from two greek words: light (φῶς | phôs) and drawing (γραφή | graphè). So Photography means “drawing with light”.

Documentary Photography is a photojournalistic activity that aims to objectively reproduce society and chronicle events through images. It was born in England in 1877, by John Thomson and Adolph Smith, two London reporters that captured the city’s poorest neighborhoods in the book “Street Life in London”.

The workshop Storytelling – Inside Documentary is born from the idea of artistic aggregation aimed to teach how to narrate through images, and it’s promoted by the webzine Oubliette Magazine.

The course will be conducted by photojournalist Stefano Valerio (featured in CameraPixo Magazine 2013 – 2014 and mentioned in 100 Best Photographer in 2016) in an image storytelling full-immersion, featuring the explanation of small and big stories close to us, to our everyday lives, and travel photography.

Reports from the contemporary photography undisputed masters will be analyzed, names like Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Elliott Erwitt, Eugene Smith, Sebastiao Salgado and Robert Frank, up to the analysis of tales linked to a modern and recognizable photographic language.

Three days in which it will be possible to know the most interesting documentary photography achievements, to engage in the field with photographic reporting and to learn how to select pictures for a coherent portfolio.

During the workshop, the participants will receive a dedicated bibliography on topics like “reporter writers” and “the great travel tales”.

The workshop Storytelling – Inside Documentary is aimed at both beginners and experienced participants, from age 14 to 114. For minors, a written authorization signed by parents will be mandatory. It’s recommended to confirm attendance by contacting Stefano Valerio (contact info below) and sending the Attendance Form available under this announcement.

Workshop days will be arranged with participants to ease attendance, starting from the April. Groups will be formed according to the number of participants.

Stefano Valerio explains: “Love for what you’re narrating is essential to do work that stands out from the crowd. Images can be a powerful tool to tell stories that help us to communicate and share our world view to others.”

WORKSHOP “STORYTELLING INSIDE DOCUMENTARYSCHEDULE

Lesson #1

Morning: Presentation and collection of topics to be discussed during the workshop. Lunch included in course fee.

Afternoon: Short induction on the project, and photographic field trip.

Lesson #2

Afternoon: Photographic field trip and return to course location (Elephant and Castle) to start the editing process, not specifically technical.

Lesson #3

Afternoon: Editing, final projection and conclusions.

 

Chanda – India 2015 – by Stefano Valerio

To attend it will be mandatory to have photographic equipment:

Camera, not necessarily a reflex, a smartphone will be fine.

Desire to learn

A pack of cigarettes, even if you don’t smoke (the reason will be explained during course)

 

Storytelling – Inside Documentary” will not teach you photographic techniques o camera settings, so it’s not necessary to bring the gear for a photographic Safari. Bring your heart, yes, you will need it.

The participation fee will be 100 £ for the whole workshop.

 

CV Stefano Valerio: Newspaper: Le Soir – Belgio (Marzo – Maggio 2015) Gazet Van Antwerpen – Belgio (Giugno – Agosto 2015) La Gazzetta del Mezzogiorno – Italia (Febbraio 2016) Barisera – Italia (Marzo – Giugno 2016) ONG: The Muslim Hands (UK) – 2014/2016 Hands of Freedom (UK) – 2016 EMF (UK) – 2014 Amnesty International – 2014

 

DOWNLOAD THE ATTENDANCE FORM

 

Info

valeriostefano@me.com

instagram.com/stevegenzo

+447379457006

 

In traduzione in lingua italiana

Storytelling – Inside Documentary: Workshop di fotografia del photoreporter Stefano Valerio, Londra

 

Storytelling – Inside Documentary

Una fotografia non è né catturata né presa con la forza. Essa si offre. È la foto che ti cattura.” – Henri Cartier-Bresson

La parola fotografia deriva quindi dalle due parole greche: luce (φῶς | phôs) e grafia (γραφή | graphè). Fotografia significa quindi scrittura/disegno di luce.

La fotografia documentaria (o documentaristica) è un’attività fotogiornalistica che si propone di riprodurre oggettivamente la società attraverso la cronaca per immagini della realtà quotidiana. Nacque in Inghilterra nel 1877, ad opera di John Thomson e Adolph Smith, due reporter londinesi che immortalarono i quartieri più poveri della città tra le pagine del volume “Street life in London”.

L’idea del workshop di fotografia “Storytelling – Inside Documentary nasce dall’idea di aggregazione artistica improntata all’insegnamento del raccontare per immagini, ed è promosso dalla webmagazine Oubliette Magazine.

A condurre il corso il photojournalist Stefano Valerio (featured in CameraPixo Magazine 2013 – 2014 and mentioned in 100 Best Photographer in 2016) in una full-immersion di storytelling per immagini che vedrà la spiegazione di grandi e piccole storie vicino a noi, nel nostro quotidiano, e la fotografia di viaggio.

Saranno analizzati alcuni reportage dei grandi maestri indiscussi del foto giornalismo contemporaneo come Henri Cartier-Bresson, Robert Capa, Elliott Erwitt, Eugene Smith, Sebastiao Salgado e Robert Frank, sino all’analisi dei racconti legati ad un moderno e riconoscibile linguaggio fotografico.

Tre giornate nelle quali si potranno conoscere i lavori più interessanti nell’ambito della fotografia documentaria, per cimentarsi sul campo con il racconto fotografico e per imparare a selezionare le fotografie in un portfolio coerente.

Durante il workshop, sarà fornita una bibliografia dedicata sulle tematiche: “Gli scrittori reporter”, “I grandi racconti di viaggio”.

Il workshop di fotografia “Storytelling – Inside Documentary è rivolto sia ai principianti che alle persone con esperienza sul campo, dai 14 ai 114 anni, per i minori sarà necessario consegnare l’autorizzazione firmata dai genitori. Si consiglia di certificare la propria partecipazione contattando Stefano Valerio (contatti nelle info sottostanti) ed inviando la Scheda di Partecipazione disponibile sotto questo stesso bando.

Le giornate del Workshop saranno organizzate con gli iscritti per facilitarne la presenza con disponibilità da aprile, inoltre saranno costituiti più gruppi a seconda del numero di iscritti.

Stefano Valerio racconta:L’amore per ciò che si racconta è alla base di un lavoro che emerge dalla massa senza disperdersi. Le immagini possono essere uno strumento potente per raccontare storie che ci aiutano a comunicare e a condividere il nostro punto di vista sul mondo con gli altri.”

PROGRAMMA WORKSHOP STORYTELLING – INSIDE DOCUMENTARY

Lezione #1

Mattina: Presentazione e raccolta delle tematiche che i partecipanti vorranno sviluppare durante il workshop. Pranzo condiviso ed incluso nel costo.

Pomeriggio: Breve induction sul progetto e di seguito uscita sul campo per fotografare. In serata primi feedback sulle fotografie scattate dai partecipanti.

Lezione #2

Pomeriggio: Uscita esterna per fotografare e rientro presso la sede del corso (Elephant and Castle) per iniziare a lavorare sull’editing delle fotografie, non specificamente tecnico.

Lezione #3

Pomeriggio: Editing, proiezione finale e conclusioni.

 

Pushkar – India 2015 – by Stefano Valerio

Per partecipare sarà necessario portare con se strumenti gli strumenti di lavoro:

Macchina fotografica, non necessariamente una reflex, può andar bene anche il Vostro Smartphone

Voglia di apprendere

Un pacchetto di sigarette, anche se non fumate (il motivo sarà spiegato durante il workshop)

 

Storytelling – Inside Documentary” non vi insegnerà tecniche fotografiche o impostazioni della macchina fotografica, quindi non é necessario che veniate con l’attrezzatura per un safari fotografico, portate il cuore, quello sì, vi serve.

La quota volontaria di partecipazione è pari a 100 £ per tutta la durata del workshop.

 

CV Stefano Valerio: Newspaper: Le Soir – Belgio (Marzo – Maggio 2015) Gazet Van Antwerpen – Belgio (Giugno – Agosto 2015) La Gazzetta del Mezzogiorno – Italia (Febbraio 2016) Barisera – Italia (Marzo – Giugno 2016) ONG: The Muslim Hands (UK) – 2014/2016 Hands of Freedom (UK) – 2016 EMF (UK) – 2014 Amnesty International – 2014

 

SCARICA SCHEDA DI PARTECIPAZIONE

Written by Alessia Mocci

 

Info

valeriostefano@me.com

instagram.com/stevegenzo

+447379457006

 

Pubblicato il

“Tra la Terra e il Cielo” mostra personale di Fabio Costantino Macis, dal 15 dicembre al 30 gennaio 2017, Trieste

Fabio Costantino Macis non è un sognatore che spicca il folle volo, ma guarda oltre le cose con sobria moderazione: i protagonisti dei suoi scatti fluttuano a poca distanza dalla terra e dal mare, dagli elementi certi della fisicità a cui si dovrà tornare, senza rifiutarla o allontanarsene eccessivamente e questo li rende straordinari e comuni al tempo stesso.”  – Giacomo Pisano

Tra la Terra e il Cielo - Trieste

Il 7 dicembre 2016, presso il Caffè Letterario in Piazza Lavatoio a Villacidro in Sardegna, si è svolta l’anteprima della mostra personale dell’artista Fabio Costantino Macis.

L’esposizione “Tra la Terra e il Cielo è stata curata e presentata da Giacomo Pisano e ha visto tra gli ospiti Andrea Cherchi, in arte WAS (DeAmbula Records, Costello’s Records, Tiny Speaker) accompagnato da due musicisti locali Mauro Vacca e Roberta Etzi (Pussy Stomp). Un’anteprima doverosa che denota il rispetto dell’artista per la sua terra ed il suo paese natio.

Tra la Terra e il Cielo” nasce come esclusiva quinta tappa del Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx, la cui premiazione svoltasi il 25 settembre 2016 presso il Teatro Piccola Fenice di Trieste ha conferito all’artista sardo il Premio Giovani per l’opera “Faster than you!” (trad. “Più veloce di te!”) appartenente al progetto in sviluppo “Who cares?!” (trad. “Chi se ne frega?!”).

Il Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx prevede quattro tappe principali della mostra che esporrà le opere vincitrici, in partnership con quattro gallerie, la Lux Art Gallery di Trieste, la Fortezza Nuova di Livorno, la Lokarjeva Galleria di Ajdovscina (Slovenia, inaugurata sabato 26 novembre) e la Galerija Zvonimir in Zagabria (Croazia).

I curatori del Premio Lynx, Enea Chersicola e Riccardo Tripodi, hanno voluto mettere in luce la particolarità del progetto “Tra la Terra e il Cielo” con questa quinta tappa che vedrà la sua inaugurazione il 15 dicembre 2016 alle 17:00 presso la sede della Biblioteca Livio Paladin del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia, in Piazza Oberdan 6, a Trieste. Presenterà Riccardo Tripodi ed il consigliere Emiliano Edera. La conclusione è prevista per il 31 gennaio 2017.

Tra la Terra e il Cielo” è caratterizzata dalla tematica della catarsi e del salto come rituale propiziatorio. Un salto sciamanico in cui l’uomo raggiunge il divino.

Il raggiungimento di un non-luogo in cui lasciarsi tutto alle spalle, abbandonando sulla terra tutto ciò che si è sempre portato appresso per riuscire ad andare oltre.

Un gesto in cui la persona distrugge sé stessa per ricrearsi. Morti e rinascite, sonni e risvegli, senza tensioni e senza sforzo, nella natura.

Riccardo Tripodi - Fabio Costantino Macis - Enea Allen Chersicola

Tra i soggetti ritratti nelle foto del progetto “Tra la Terra e il Cielo” vi sono anche le attrici Noemi Medas, Michela Caria, Agnese Fois, Emilia Agnesa ed il campione nazionale di Full Contact Matteo Curridori.

Il curatore Enea Chersicola scrive dell’artista: La sequenza di fotografie che Fabio Costantino Macis presenta con il titolo “Tra la Terra e il Cielo” è un’interpretazione visiva del salto. Volendo essere precisi la presentazione si dovrebbe fermare qui. La densità di significati che accompagnano il gesto del balzo deve essere salvaguardata e protetta dall’elaborazione e dalla spiegazione del contenuto. Più si articola l’architettura concettuale di un tema del genere, più si priva l’immagine della sua profondità. D’altra parte non è nemmeno accettabile liquidare questo percorso con l’ossimoro della “complicata semplicità” del salto, che sebbene sia squisito risulta sempre manierista.”

Il consigliere Emiliano Edera scrive dell’artista:A vincere il Premio-Mostra con l’opera “Who Cares! Faster than you” è stato Fabio Costantino Macis, giovane fotografo sardo che ha avuto la capacità di proporre con profonda ironia questioni complesse della vita. In questa occasione Macis proporrà una raccolta di foto dedicate alla ritualità propria di tutte le culture per superare le crisi, di qualsiasi natura esse siano. Una proposta dai contenuti densi che la rende stimolante per la sua contemporaneità. Con piacere quindi ospitiamo un giovane talentuoso nella nostra Regione con la consapevolezza che le istituzioni devono contribuire alla valorizzazione artistica dei talenti sul proprio territorio.”

La mostra è sponsorizzata da Il Consiglio della Regione Autonoma del Friuli-Venezia Giulia, dall’Associazione Il Sestante, dal Premio Lynx 2016. Media Partner: Oubliette Magazine.

 

Fabio Costantino Macis

Fabio Costantino Macis (Cagliari, 1986), residente a Villacidro, ha esposto in più di venti città differenti tra l’Italia e l’estero con performance, installazioni, fotografie e video. Negli anni non ha mai circoscritto al solo mezzo della fotografia il suo “creare” portando avanti la meta dell’idea in sé, sulla quale poter successivamente decidere il mezzo artistico con cui attuarla. Inizia il suo percorso espositivo a 23 anni con una collettiva a New York, segue a Las Vegas, Grecia, Miami Beach e Londra. Nel 2009 si classifica come finalista al “Premio Fotografico 2009” indetto dalla TAU Visual (Associazione Nazionale Fotografi Professionisti). Nello stesso anno vince “Primavera in arte” indetto dall’ERSU, accedendo alla collettiva nazionale creata per il Primo Forum Europeo per il diritto allo studio tramite l’installazione “Matrimonio: Rito o Pagliacciata?”. Nel 2015 viene selezionato per la finale dello Skepto International Film Festival a Cagliari, unico italiano accettato nella sezione Music Video, a Londra al Crouch End Festival, negli U.S.A. in Texas, dal “San Antonio Laughs Comedy Film Slam” ed a Nairobi, Kenya, dal “Rock ‘n’ Roll Film Festival (ROFFEKE)”, ed in Portogallo per la realizzazione e direzione del video “The Slow One” dei Pussy Stomp. Ha collaborato in progetti nazionali ed internazionali di sensibilizzazione, in progetti di inclusione sociale, sia in campo organizzativo che progettuale ed ideativo, ad esempio per Emergency, per Stop OPG e per la ASL8 di Cagliari. I campi in cui continua a muoversi passano dall’arte al commercio. Vanno dalle arti performative al teatro, dalla fotografia al video-making, dalla grafica alla progettazione, dall’organizzazione di eventi sino alla pubblicità ed alla comunicazione visiva in generale.

 

anARTomy

Un’altra data da segnalarvi è venerdì 16 dicembre 2016 dalle 18.30 alle 21.30, giorno in cui sarà inaugurata la mostra anARTomy, presso la M contemporary art gallery, la nuova galleria di Mirabilia arte di Reggio Emilia. Una nuova mostra collettiva che vedrà la partecipazione di 26 artisti provenienti da tutta Italia. Fabio Costantino Macis sarà presente con una selezione di fotografie del progetto “Who Cares?!”.

Il dott. Antonio Cecora, direttore di Mirabilia Arte:Anartomy: due parole la cui fusione genera la genesi dell’essere umano. La prima forma di comunicazione dell’uomo e segno della nostra esistenza è stata l’arte. Come prime forme artistiche l’anatomia ha preso il sopravvento, Leonardo Da Vinci genio per eccellenza, dedicò la sua vita all’arte e all’anatomia; in realtà l’anatomia umana è un’opera d’arte essa stessa. Anartomy vuole risvegliare questa visione eterna che l’uomo porta con sé da millenni.

 

Written by Alessia Mocci

Addetta Stampa

 

 

Info

Sito Fabio Costantino Macis

Facebook Fabio Costantino Macis

Sito Premio Lynx

fabiocostantinomacis@gmail.com

 

Pubblicato il

MArteLive: torna lo spettacolo totale con oltre 400 artisti, 6, 7 e 8 dicembre al Planet Roma

A quindici anni dalla prima edizione, MArteLive l’evento definito dalla stampa la Woodstock italiana della Musica e delle Arti, torna a Roma per una tre giorni all’insegna di performance multidisciplinari e ospiti internazionali.

 

MArteLive 2016

Musica, teatro, danza e circo contemporaneo, esposizioni di pittura e fotografia, artigianato artistico, graficart, live painting e street-art, proiezioni, installazioni, reading e video-arte si contamineranno perdare vita a un’unica performance dall’6 all’8 dicembre nelle sale del Planet Live Club, sede storica del festival dai tempi in cui era ancora Alpheus (in via del Commercio 36).

Il festival è realizzato con il contributo di Regione Lazio – Assessorato alle Politiche Culturali e di Roma Capitale – Assessorato alla Crescita culturale, in collaborazione con la Siae ed è inserito nell’edizione 2016 dei Festival di particolare interesse per la vita culturale della Città: “Roma, una Cultura Capitale”. I Media Partner sono Exibart, Art a Part of Cult(ure), MArteMagazine, Exit Well, The Freak, Oubliette Magazine, Taxidrivers, DanzaSì, Saltinaria, Persinsala, Casa Suonatori Indipendenti.

Dopo trentasei anni di attesa il Lazio ha finalmente una nuova legge sullo spettacolo dal vivo, vale a dire un sostegno concreto ai talenti creativi del nostro territorio in tutte le sue forme: festival e rassegne, ensemble e circuiti, educazione e formazione. Segno che con la cultura si può crescere e non è semplicemente uno sloganha dichiarato Lidia Ravera, Assessore alla Cultura e politiche giovanili della Regione Lazio – Con questa legge diamo pieno riconoscimento a realtà che progettano nel nostro territorio e si confrontano con pubblici diversi, come il format multidisciplinare di MArteLive, un apripista del settore a Roma e nel Lazio”.

L’evento è stato concepito e pensato, sin dalla prima edizione, come uno spettacolo totale in cui tutte le arti e gli attori che le rappresentano, entrano in una sinergia empatica che li tiene uniti anche se fisicamente e logisticamente distanti.

Planet Roma

Nell’idea originaria di Peppe Casa, ideatore e direttore artistico del format, l’intento era quello di tessere un filo immaginario per unire armonicamente le singole performance. A distanza di quindici anni il filo continua a rimanere teso.

La differenza di questo format, che è anche la sua forza, è la capacità ad ogni evento di riproporre qualcosa di diverso che incuriosisca il pubblico, offrendo un’esperienza sensoriale unica. La multidisciplinarietà dello spettacolo che presentiamo è estremamente difficile da mettere in pratica, forse il vero successo sta nell’equilibrio tra le arti che si viene a creare; e l’esclusività è riuscire a farlo ogni volta in modo nuovo e sorprendente”.

Ibridazione è la parola chiave di un evento in cui la musica si dipinge, la pittura si suona, la danza si disegna, il circo si recita. MArteLive è il girotondo delle muse, lo scambio tra un linguaggio estetico e  l’altro: tutte le sezioni artistiche sono sapientemente amalgamate tra di loro in un gioco di forze artistiche ed equilibri sinestetici che, serata dopo serata, sala dopo sala, creano emozioni irripetibili nella loro essenza.

400 artisti, 16 categorie diverse, un’unica location.

Special guest della tre giorni, i celebri street artist del panorama romano SOLO, Diamond e Moby Dick realizzeranno live una performance unica, in collaborazione con Giampiero Abate e i suoi allievi della scuola Arts in Rome.

Tra i primi ospiti confermati per la musica, Nobraino che tornano a Roma dopo una lunga assenza per presentare il nuovo disco, Francesco Forni e Ilaria Graziano reduci dal loro ultimo tour europeo, l’Orchestraccia, la rivelazione del Premio Tenco 2016 Gianluca Secco, UNA, Dellera e De Rubertis, Moustache Prawn, Xhù, Anudo, Dulcamara, Diana Winter, Camera, Capone Bros e Antonio Sorgentone.

Planet Roma

Lo spazio letteratura vede ospiti d’eccezione quali le redazioni di Lercio vs Spinoza, il poliedrico artista e poeta Gio Evan, il poeta e musicista Ivan Talarico, mentre la sezione teatro vede la partecipazione di Luigi Morra, Eduardo Ricciardelli, Pasquale Passaretti e Aleksandros Memetaj con un estratto di “Albania Casa Mia”. La categoria cinema vede la proiezione speciale del docu “Mapplethorpe: Look at the Pictures”, inedito ritratto del fotografo Robert Mapplethorpe, diretto da Fanton Bailey e Randy Barbato, con le testimonianze di familiari, amici e stretti collaboratori e con la partecipazione straordinaria di Patty Smith.

Per la danza, la Compagnia Incontempo di Rozenn Corbel, coreografa, danzatrice e attrice di livello internazionale, la Compagnia SinespaZio della coreografa Carmen De Sandi, la DaCru Dance Company con la coreografia di Marisa Ragazzo e  Omid Ighani e la coreografa Fabiola De Simone col Gruppo P&S. La sezione circo ospita il fire performer Lucignolo, l’acrobata aerea Irene Croce, Leonardo Varriale, il duo Creme & Brùlèe, Sara Amitrano in arte Canarina e il DuoEsperanto, mentre per le arti visive presenti artisti di grande talento scoperti negli anni attraverso MArteLive: i pittori Antonino Perrotta, Luigi Ambrosetti in arte Lac 68, Cristiano Quagliozzi, Milena Scardigno, Astrid Sarrocco, Massimiliano Poggioni e i fotografi  Chiara Ernandez, Michela Amadei, Michele Cirillo, Simona Poncia, Vincenzo Capasso e PP+C Creative Studio.

L’appuntamento di dicembre è la prima delle due finali regionali del Lazio a cui seguiranno tutte le altre finali nel resto d’Italia e rappresenta la prima tappa verso la prossima Biennale MArteLive, prevista per l’autunno 2017, che vedrà esibirsi circa 1000 artisti provenienti da tutta Italia, insieme a special guest internazionali.

Dal 2001 MArteLive opera un costante lavoro di scouting e numerosi sono gli artisti che ha lanciato sul mercato come notevoli sono i premi assegnati e che danno una reale possibilità di emergere.

Sponsor: SIAE

Partner Tecnico Atac

Amnesty International, partner ufficiale dell’iniziativa, sarà presente durante i 3 giorni dell’evento.

Edizioni Haiku, partner tecnico del festival, terrà una serata di reading letterari e poetici. A cura di Valerio Carbone, con Giovan Bartolo Botta, Matteo Mingoli, Daniele Casolino.

PROGRAMMA

GUEST 6 DICEMBRE

MUSICA
Giacomo Toni
Gianluca Secco
Dellera e Gianluca De Rubertis
Ilaria Graziano & Francesco Forni
Moustache Prawn

MarteLive

STREET ART
Moby Dick performance live realizzata insieme a Giampiero Abate e gli allievi della scuola Arts in Rome

LETTERATURA
Lercio+Spinoza.it
Ivan Talarico
Lié Larousse

CIRCO CONTEMPORANEO
Lucignolo E Il Fuoco
Canarina e La magia delle bolle di sapone

DANZA
Coreografa: Rozenn Corbel – Compagnia Incontempo

TEATRO
Pasquale Passaretti: Dorothy e altri rumori (estratto) con P.Passaretti e Gaia Termopoli

PITTURA
Antonino Perrotta
Massimiliano Poggioni
Astrid Sarrocco
Sincro & Sonor Dj_Set  che accompagna la PitturaLive a cura di Peps, Gab e Zin

FOTOGRAFIA
Chiara Ernandes
PP+C Creative Studio

GUEST 7 DICEMBRE

STREET ART

Solo performance live realizzata insieme a Giampiero Abate e gli allievi della scuola Arts in Rome

MArteLive - Programma

CIRCO CONTEMPORANEO
Irene Croce spettacolo di acrobatica aerea
Leonardo Varriale spettacolo di acrobatica

DANZA
Coreografa: Carmen De Sandi – Compagnia SinespaZio
Coreografa: Fabiola De Simone – Gruppo P&S

MUSICA
Xhu (collettivo cerchi)
Anudo
kuTso
Orchestraccia

LETTERATURA
MEP
Edizioni Haiku – Reading a cura di Valerio Carbone con Giovan Bartolo Botta, Matteo Mingoli, Alfonso Canale, Daniele Casolino

TEATRO
Edoardo Ricciardelli presenta “ Lo salvo io il mondo” di Ricciardelli
Aleksandros Memetaj propone un estratto di “Albania Casa Mia”

CINEMA

“Mapplethorpe: Look at the Pictures”, diretto da Fanton Bailey e Randy Barbato
A cura di Cinematic Folks e Wanted Cinema. A seguire MArteLiveParty

PITTURA LIVE
Cristiano Quagliozzi
Milena Scardigno in arte Mila Gno
Sincro & Sonor Dj_Set  che accompagna la PitturaLive  a cura di Peps, Gab e Zin

FOTOGRAFIA
Michela Amadei
Simona Poncia

GUEST 8 DICEMBRE

STREET ART
Diamond performance live realizzata insieme a Giampiero Abate e gli allievi della scuola Arts in Rome

Dulcamara

MUSICA
Dalle 19.00
Dulcamara
Diana Winter

Dalle 21.00
Camera
Una
Capone Bros e Antonio Sorgentone
Nobraino

DANZA
Coreografi: Marisa Ragazzo e Omid Ighani – DaCru Dance Company

CIRCO CONTEMPORANEO
Duo Esperanto con Anton de Guglielmo e Claudia Comina presentano “Il Canto della ruta” spettacolo di fuoco
Creme & Brulè Show: Danza, Fuoco e Romanticherie

LETTERATURA
Gio Evan
Poeti der Trullo (versi) / Francesco Deddì (calligrafia)

TEATRO
CAMERA live con i brani tratti da TVATT disco in uscita a febbraio 2017/ Ospite teatro Luigi Morra

PITTURA LIVE
Luigi Ambrosetti in arte Lac68
Sincro & Sonor Dj_Set che accompagna la PitturaLive a cura di Peps, Gab e Zin

FOTOGRAFIA
Daniele Romaniello
Michele Cirillo

 

 

Info

Sito MArteLive
Facebook MArteLive
PREVENDITA 6 – 12 – 2016
PREVENDITA 7 – 12 – 2016
PREVENDITA 8 – 12 – 2016
info@martelive.it

 

Pubblicato il

“Tra la Terra e il Cielo” mostra personale di Fabio Costantino Macis, in anteprima il 7 dicembre 2016, Villacidro

Il 25 settembre 2016 presso il Teatro Piccola Fenice di Trieste si è svolta la premiazione della Seconda edizione del Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx, promosso dall’Associazione culturale Il Sestante.

Tra la Terra e il Cielo

Ad aggiudicarsi il Premio Giovani è l’artista sardo Fabio Costantino Macis con l’opera “Faster than you!” (trad. “Più veloce di te!”) appartenente al progetto in sviluppo “Who cares?!” (trad. “Chi se ne frega?!”).

Progetto fotografico che prende avvio dal principio secondo il quale il difetto fisico dell’essere umano è visto in modo propositivo con accento ironico e senza velo di pietismo così da mettere in luce la bellezza della diversità dei corpi.

Il Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx prevede quattro tappe principali della mostra che esporrà le opere vincitrici, in partnership con quattro gallerie, la Lux Art Gallery di Trieste, la Fortezza Nuova di Livorno, la Lokarjeva Galleria di Ajdovscina (Slovenia, inaugurazione sabato 26 novembre) e la Galerija Zvonimir in Zagabria (Croazia).

Inoltre è prevista per Fabio Costantino Macis un’esclusiva quinta tappa nella sede del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia con una Personale organizzata direttamente dai curatori del Premio, Enea Chersicola e Riccardo Tripodi, che vedrà la sua inaugurazione il 15 dicembre 2016 e conclusione il 31 gennaio 2017.

In anteprima l’artista Fabio Costantino Macis sarà ospite il 7 dicembre 2016 dalle ore 20:30 presso le sale espositive del Caffè Letterario in Piazza Lavatoio a Villacidro, nel suo paese natio.

Un’anteprima attesissima che vedrà Giacomo Pisano curatore e presentatore della mostra denominata “Tra la Terra e il Cielo” e vedrà la partecipazione di Andrea Cherchi, in arte WAS (DeAmbula Records, Costello’s Records, Tiny Speaker) con l’accompagnamento di due musicisti locali Mauro Vacca e Roberta Etzi (Pussy Stomp). 

Tra la Terra e il Cielo” è caratterizzata dalla tematica della catarsi e del salto come rituale propiziatorio. Un salto sciamanico in cui l’uomo raggiunge il divino.

Tra la Terra e il Cielo - Matteo Orrù

Il raggiungimento di un non-luogo in cui lasciarsi tutto alle spalle, abbandonando sulla terra tutto ciò che si è sempre portato appresso per riuscire ad andare oltre.

Un gesto in cui la persona distrugge sé stessa per ricrearsi. Morti e rinascite, sonni e risvegli, senza tensioni e senza sforzo, nella natura.

Giacomo Pisano scrive sull’artista: “Fabio Costantino Macis è un grande osservatore della realtà contemporanea della quale narra limiti e virtù con occhio elegante e attento, ma si rivela anche affascinato da atmosfere oniriche che poco hanno a che vedere con il nostro quotidiano. La galleria di ritratti in mostra è un invito ad evadere dall’ordinario verso orizzonti interiori differenti, la composizione diviene visione e viceversa.

La Natura è elemento fondamentale del concept: non è una scelta romantica quella di ritrarla in modo così importante ma solo la necessità di trovare uno spazio in cui sia possibile per l’uomo raggiungere la catarsi. Sogni e traumi si liberano nel gesto estatico dell’ascensione e raggiungono una dimensione altra. Allentate le catene mortali i corpi vibrano di dinamismo e lo spirito si astrae per osservare le cose da un altro punto di vista.”

Tra i soggetti ritratti nelle foto del progetto “Tra la Terra e il Cielo” vi sono anche le attrici Noemi Medas, Michela Caria, Agnese Fois, Emilia Agnesa ed il campione nazionale di Full Contact Matteo Curridori.

L’appuntamento con l’anteprima sarda è, dunque, per il 7 dicembre 2016 presso le sale espositive del Caffè Letterario in Piazza Lavatoio a Villacidro. Consigliamo, per curiosare ulteriormente su “Tra la Terra e il Cielo” di visionare il video pubblicato sul canale Youtube da Fabio Costantino Macis e presente sottostante successivamente alle biografie degli artisti coinvolti nell’evento.

La mostra è sponsorizzata da Il Consiglio della Regione Autonoma del Friuli-Venezia Giulia, dall’Associazione Il Sestante, da Webtronica S.r.l., dal Premio Lynx 2016, da Il Caffè Letterario; Media Partner: Oubliette Magazine.

 

Fabio Costantino Macis by Alessandro Loddi

Fabio Costantino Macis (Cagliari, 1986), residente a Villacidro, ha esposto in più di venti città differenti tra l’Italia e l’estero con performance, installazioni, fotografie e video. Negli anni non ha mai circoscritto al solo mezzo della fotografia il suo “creare” portando avanti la meta dell’idea in sé, sulla quale poter successivamente decidere il mezzo artistico con cui attuarla. Inizia il suo percorso espositivo a 23 anni con una collettiva a New York, segue a Las Vegas, Grecia, Miami Beach e Londra. Nel 2009 si classifica come finalista al “Premio Fotografico 2009” indetto dalla TAU Visual (Associazione Nazionale Fotografi Professionisti). Nello stesso anno vince “Primavera in arte” indetto dall’ERSU, accedendo alla collettiva nazionale creata per il Primo Forum Europeo per il diritto allo studio tramite l’installazione “Matrimonio: Rito o Pagliacciata?”. Nel 2015 viene selezionato per la finale dello Skepto International Film Festival a Cagliari, unico italiano accettato nella sezione Music Video, a Londra al Crouch End Festival, negli U.S.A. in Texas, dal “San Antonio Laughs Comedy Film Slam” ed a Nairobi, Kenya, dal “Rock ‘n’ Roll Film Festival (ROFFEKE)”, ed in Portogallo per la realizzazione e direzione del video “The Slow One” dei Pussy Stomp. Ha collaborato in progetti nazionali ed internazionali di sensibilizzazione, in progetti di inclusione sociale, sia in campo organizzativo che progettuale ed ideativo, ad esempio per Emergency, per Stop OPG e per la ASL8 di Cagliari. I campi in cui continua a muoversi passano dall’arte al commercio. Vanno dalle arti performative al teatro, dalla fotografia al video-making, dalla grafica alla progettazione, dall’organizzazione di eventi sino alla pubblicità ed alla comunicazione visiva in generale.

 

Giacomo Pisano by Valeria Spiga

Giacomo Pisano nasce a Cagliari il 1975. Laureato in Archeologia Medievale lavora a SardegnaIt, azienda in house della Regione Sardegna. Da ormai venti anni si interessa all’arte contemporanea. Ha lavorato per oltre dieci anni nei centri comunali d’Arte e Cultura di Cagliari come curatore, ideando rassegne d’arte che mirassero a scoprire e valorizzare i giovani talenti dell’arte contemporanea in Sardegna. Ha all’attivo diverse collaborazioni sia con i Centri Museali pubblici di Cagliari (Lazzaretto, Exmà, Ghetto, Castello san Michele, Ex Vetreria di Pirri) dove svolge l’attività di curatore di progetti originali, sia con promotori privati come l’Unione sarda. Ha gestito per due anni la galleria privata MK a Cagliari, dedicata alle esposizioni e agli eventi culturali come direttore artistico, addetto alla comunicazione, allestimento e curatela testi. Ha partecipato alla realizzazione di mostre per conto della Regione Sardegna e del Comune di Cagliari; È stato nominato dall’assessorato alla cultura regionale responsabile logistico e curatore degli ospiti sardi per il festival Umbria Libri nella regione Umbria. Ha ideato, realizzato e curato mostre anche per la Provincia di Cagliari.  Collabora con riviste e quotidiani in ambito cultura, arte e moda tra cui Unione Sarda, Sardiniapost, Mockup Magazine, Ainas Magazine, A bordo. Ha collaborato con l’Università di Aristan realizzando l’intervista pubblica a Vittorio Sgarbi sui pregi e i limiti dell’arte contemporanea e della comunicazione in ambito artistico. Ha pubblicato due libri “Il Nido del Basilisco” e “L’apocalisse, ora”; collabora da anni al festival Marina Cafè Noir, alla Cagliari Tattoo Convention, al festival Signal con mostre e interventi. Per la Regione Sardegna ha contribuito alla catalogazione dei contenuti della Digital Library.

 

WAS

WAS è Andrea Cherchi. Il suo primo lavoro risale al 2010 con un disco di appena 17 minuti uscito per la milanese Canebagnato Records. “After dinner” è molto ben accolto dalla critica e dal pubblico. In questo disco si percepiscono le influenze alt folk provenienti da songwriters per lo più americani. Il suono si evolve e sviluppa nel secondo disco, “A new place soon old”, che segna anche l’inizio della collaborazione con la DeAmbula Records, etichetta di Lanciano che vanta nel rooster band come Ulan Bator, Herself, Oslo Tapes, Diverting Duo e molte altre. All’uscita del disco è seguito un tour ed una ricca serie di recensioni molto positive da RockIT, Indiepercui, Nonsensemag. Dal 2015 lavora al suo terzo disco, “Sunday”, che rappresenta una decisa svolta rispetto al passato, introducendo elementi di elettronica ed elettricità prima del tutto assenti. All’arrangiamento hanno collaborato Mauro e Roberta (Pussy Stomp) che lo accompagnano anche nei concerti. “Sunday” è uscito in ottobre per le etichette DeAmbula Records, Costello’s, Tiny Speaker.

 

Written by Alessia Mocci

Addetta Stampa

 

 

Info

Sito Fabio Costantino Macis

Facebook Fabio Costantino Macis

Evento su Facebook

Sito Premio Lynx

SoundCloud WAS

Facebook WAS

fabiocostantinomacis@gmail.com

 

Pubblicato il

“Faster than you!” opera di Fabio Costantino Macis: vincitrice del Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx

Il 25 settembre 2016 presso il Teatro Piccola Fenice di Trieste si è svolta la premiazione della Seconda edizione del Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx, promosso dall’Associazione culturale Il Sestante.

Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx

Un concorso per artisti avente lo scopo di promuovere e valorizzare l’arte contemporanea, nonché di imporsi all’attenzione del pubblico per il livello qualitativo e le esperienze internazionali degli artisti partecipanti.

Fra i numerosi partecipanti sono stati selezionate ottanta opere suddivise in quattro sezioni: 30 opere per Pittura, 30 opere per Fotografia, 10 per Digital Art e 10 per Grafica, con uno special Premio Under 21, il Premio Giovani offerto direttamente dal Consiglio Regioni del Friuli Venezia Giulia, il Premio Fiera d’Arte Contemporanea ed i Premi Speciali “Be Art Builder”.

La Sezione Pittura ha visto un ex-aequo con le opere di Sara Arianpour (Iran) e Thomas Scalco (Italy). La sezione fotografia vede vincitrice l’opera di Gaetano de Faveri (Italy); mentre è la Serbia per Digital Art con Nina Sumarac. Per la sezione Grafica vince Sabrina Vivian Bello (Germany).

Ad aggiudicarsi il Premio Giovani è l’artista sardo Fabio Costantino Macis con l’opera “Faster than you!” (trad. “Più veloce di te!”) appartenente al progetto in sviluppo “Who cares?!” (trad. “Chi se ne frega?!”).

Who cares?!” nasce dall’esigenza di “trasformare quei limiti pesanti come il piombo in trampolini d’oro” in altre parole è un progetto fotografico nel quale il difetto fisico dell’essere umano è esaltato in modo ironico e con nessun velo di pietismo tanto da mettere in luce la bellezza della diversità anche se essa è “comunemente” vista come menomazione o mancanza.

In questo contesto la deformità di un arto, nel caso di “Faster than you!” l’estremità del piede sinistro, diventa la forza di propulsione del soggetto.

Who Cares?! - Faster than you

Quest’ultimo è spoglio di ogni vestito o nascondimento, nudo con il suo essere uomo “imperfetto”, sdraiato su una strada che diventa il manto stellato dell’universo. Il suo piede sinistro è rappresentato come il razzo propulsore di un immaginifico astronauta che percorre il cosmo con piena consapevolezza di sé e del suo cammino.

La scintilla che ha portato l’artista a concepire questo incredibile progetto potrebbe riassumersi in una sola domanda: essere diversi è una debolezza od una forza?

Fabio Secci è il soggetto di “Faster than you!”, attualmente è promotore di un progetto denominato “F – You are your unique limit” in corso a Londra sugli sport estremi d’acqua per persone con disabilità.

Who cares?! è stato esposto e sviluppato durante la Residenza Artistica Internazionale BoCS Art, selezionato fra le scelte editoriali del prestigioso Celeste Prize, ed inserito fra le scelte editoriali del magazine olandese di fotografia Lens Culture. Inoltre, “Lighter than you!“, un’altra fotografia del medesimo progetto, è stata selezionata dalla galleria svizzera “The Artbox.Gallery” aggiudicandosi l’esposizione dell’opera durante l’Art Basel Weeks a Miami Beach.

Il Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx prevede quattro tappe principali in partnership con quattro gallerie, la Lux Art Gallery di Trieste, la Fortezza Nuova di Livorno, la Lokarjeva Galleria di Ajdovscina (Slovenia) e la Galerija Zvonimir in Zagabria (Croazia).

Inoltre è prevista per Fabio Costantino Macis un’esclusiva quinta tappa nella sede del Consiglio Regionale del Friuli Venezia Giulia con una Personale organizzata direttamente dai curatori del Premio, Enea Chersicola e Riccardo Tripodi, che vedrà la sua inaugurazione il 15 dicembre 2016.

 

Premio Internazionale d’Arte Contemporanea Lynx

Fabio Costantino Macis (Cagliari, 1986), residente a Villacidro, ha esposto in più di venti città differenti tra l’Italia e l’estero con performance, installazioni, fotografie e video. Negli anni non ha mai circoscritto al solo mezzo della fotografia il suo “creare” portando avanti la meta dell’idea in sé, sulla quale poter successivamente decidere il mezzo artistico con cui attuarla. Inizia il suo percorso espositivo a 23 anni con una collettiva a New York, segue a Las Vegas, Grecia e Londra. Nel 2009 si classifica come finalista al “Premio Fotografico 2009” indetto dalla TAU Visual (Associazione Nazionale Fotografi Professionisti). Nello stesso anno vince “Primavera in arte” indetto dall’ERSU, accedendo alla collettiva nazionale creata per il Primo Forum Europeo per il diritto allo studio tramite l’installazione “Matrimonio: Rito o Pagliacciata?”. Nel 2015 viene selezionato per la finale dello Skepto International Film Festival a Cagliari, unico italiano accettato nella sezione Music Video, a Londra al Crouch End Festival, negli U.S.A. in Texas, dal “San Antonio Laughs Comedy Film Slam” ed a Nairobi, Kenya, dal “Rock ‘n’ Roll Film Festival (ROFFEKE)”, ed in Portogallo per la realizzazione e direzione del video “The Slow One” dei Pussy Stomp. Ha collaborato in progetti nazionali ed internazionali di sensibilizzazione, in progetti di inclusione sociale, sia in campo organizzativo che progettuale ed ideativo, ad esempio per Emergency, per Stop OPG e per la ASL8 di Cagliari. I campi in cui continua a muoversi passano dall’arte al commercio. Vanno dalle arti performative al teatro, dalla fotografia al video-making, dalla grafica alla progettazione, dall’organizzazione di eventi sino alla pubblicità ed alla comunicazione visiva in generale.

 

Written by Alessia Mocci

 

Info

Sito Fabio Costantino Macis

Facebook Fabio Costantino Macis

Sito Premio Lynx

Facebook Premio Lynx

fabiocostantinomacis@gmail.com

 

Pubblicato il

Terza Edizione del “Festival Internazionale di Arti Visive e Performative 99Arts”: 29 e 30 settembre 2016, Roma

Domani 29 settembre e dopodomani 30 settembre avrà luogo l’ultimo appuntamento con la Terza Edizione del “Festival Internazionale di Arti Visive e Performative 99Arts, dopo il successo dei primi due appuntamenti “In33” (15 al 17 settembre al Circolo degli Illuminati)  e “+ 66” (23 e 24 settembre alla TAG Gallery).

99 arts Festival Internazionale di Arti Visive e Performative

Il Festival porterà in scena al Centro Culturale “Elsa Morante” di Roma 99 artisti in un evento multidisciplinare unico con  pittura, fotografia, arte digitale, live painting, teatro, danza, musica, arte di strada, street art, visual art, dj e vj.

99Arts” è organizzato dall’associazione MArteCard in collabrazione con MArteMagazine, ideato e diretto da Giuseppe Casa, con la direzione di produzione di Nadia Di Mastropietro, a cura di Oriana Rizzuto, Nadia Di Mastropietro e Marco Ardizzi. La selezione degli artisti è a cura di Oriana Rizzuto, Nadia Di Mastropietro, Marco Ardizzi e Carmen de Sandi e delle giovani curatrici under 35 Flaminia Valentini, Fabiola Del Gaudio, Francesca Menchinelli, Roberta Frenquelli. Scenografie e allestimenti a cura di Marco Tarascio.

99Arts” propone l’innovazione e la ricerca espressiva accogliendo diversi ospiti come lo scultore Jacopo Mandich – specializzato nella realizzazione di opere con materiali di recupero. Il terrazzo ospita installazioni e videoinstallazioni a cura di Daz e le performance dell’eclettico artista romano Franco Losvizzero, le immagini dei fotografi noti a livello internazionale Alfredo Bini e Giovanni De Angelis che realizzerà una foto installazione gigante.

Compagnia Sinespazio - 99arts

L’arte contemporanea in tutte le sue forme e declinazioni incontra la periferia a testimoniare la vocazione di “99Arts” verso la diffusione dei diversi generi di arte a stretto contatto con il pubblico e con il territorio urbano spesso distante dalle espressioni artistiche contemporanee. Nella prima edizione, infatti, la kermesse si è tenuta al Teatro Tendastrisce e per la seconda nel borgo di Tolfa, in provincia di Roma. Questa volta la scelta è caduta su uno spazio polifunzionale di Roma Capitale: il centro culturale Elsa Morante.

Un progetto internazionale che ospita quest’anno artisti emergenti e under 35 dopo aver coinvolto oltre 2000 presenze nelle passate edizioni la proposta di questa terza edizione continua a presentare i talenti e gli artisti emergenti dalla pittura alla fotografia, dalle performance di danza, teatro e live painting alla musica.

99ARTS è un festival multidisciplinare, espressione dell’arte contemporanea in tutte le sue forme: elemento centrale del progetto è la spettacolarizzazione dell’arte che nasce dal connubio tra visivo e performativo e che si realizza attraverso la messa in scena di molteplici spettacoli dal vivo che avvengono in simultanea nello stesso luogo” – sottolinea Giuseppe Casa.

Gli appuntamenti si sono alternati in due settimane di incontri e performance artistiche che ruotano intorno al numero 3: 3 differenti location, 9 diversi ambiti artistici, 99 artisti che si esibiranno live per il terzo e conclusivo appuntamento. Considerato il “numero perfetto” il Tre richiama nella tradizione greco-occidentale il concetto di Armonia e Equilibrio, e secondo la Kabbalah è associato alla terza lettera dell’alfabeto ebraico: Ghimel (ג) che rimanda all’origine del movimento e la volontà di crescere, invita all’attività e al progresso.

Giovanni De Angelis - 99Arts

Il Festival è uno “spazio” che offre anche opportunità importanti a giovani artisti emergenti come Beetroot, Poggioni, Cristiano Quagliozzi, Mila Gino, Antonino Perrotta, Lorenzo Fasi, Manuela Mercure , Lac 68, Violetta Carpino e tra gli under 35 selezionati attraverso la call for artist di 99arts incontriamo Alvarez, Chang liu, Giusy Guerriero. Per la fotografia PPC Creative Studio, Simona Poncia, Michela Amadei, Chiara Ernandes, Daniele Romaniello. Per la grafica Ilaria Baldini, Matteo Gallo, Thomas Lombardi, Simona Mascogiuri. Per il teatro e la danza laCompagnia Sinespazio/Atacama, Compagnia Focus2, Compagnia Anonima7.

L’evento è realizzato con il contributo di Roma Capitale in collaborazione con la SIAE ed è inserito nell’edizione 2016 dell’Estate Romana: “Roma, una cultura capitale”, organizzato dall’associazione MArteCard in collaborazione con MArteMagazine, ideato e diretto da Giuseppe Casa, e la cura delle ScuderieMArteLive.

MArteCard è la carta degli artisti e del pubblico di MArteLive; uno strumento sempre a portata di mano per ricevere sconti ed agevolazioni nel mondo dell’arte e dalla cultura, oltre a tutti i corsi di FormazioneLive. Nei giorni del festival è in promozione, scopri tutti i vantaggi sul sitowww.martecard.eu

Si ringraziano i Partner: ATAC, Circolo degli Illuminati, Tevere Art Gallery, iRooms (jacuzzi Suites), Your Music.

I Media partner dell’iniziativa sono MArte Magazine, DanzaSì, ExitWell, La Platea, Oubliette Magazine, Saltinaria, The Freak, Juggling Magazine.

 

Info

Evento Facebook “99Arts”
Sito 99Arts
Facebook 99Arts
Sito MArteMagazine
Twitter 99Arts
Sito MArteCard

 

Pubblicato il

“+66”: la seconda tappa del “Festival Internazionale di Arti Visive e Performative 99Arts”, 23 e 24 settembre 2016, Roma

Si è aperto ieri 23 settembre la seconda puntata con Festival Internazionale di Arti Visive e Performative 99Arts presso il Tevere Art Gallery, in via di Santa Passera 25 a Roma.

99Arts - Roma

Dopo il successo di “In33” svolto presso il Circolo degli Illuminati di Roma dal 15 al 17 settembre, la seconda tappa “+66 ha iniziato ad animare la capitale con mostre ed incontri al TAG Gallery.

Il Festival Internazionale di Arti Visive e Performative 99 Arts è ideato e diretto da Giuseppe Casa, a cura delle Scuderie MarteLive e realizzato con il contributo di Roma Capitale in collaborazione con la SIAE, organizzato dall’associazione MArteCard in collaborazione con MArteMagazine.

+66” richiama l’attenzione su ben 66 artisti dell’evento del 29 e 30 settembre 2016 nel quale si potranno incontrare tutti i 99 selezionati per il Festival che ruota concettualmente intorno al numero 3; una scansione numerica di tre appuntamenti diversi e separati per un format che li vede strettamente interconnessi.

Ci si potrà meravigliare con ospiti d’eccezione che si distinguono nei campi della pittura e della fotografia, del live painting e della street art, delle installazioni di suoni e luci, videomapping, arte digitale e visual art, fondendosi con irruzioni di danza, spettacoli di teatro e di arte circense, concerti di musica e dj-set.

Alla TAG Gallery sono di scena le arti visive con una mostra collettiva che coinvolge oltre 40 artisti visivi tra pittori, fotografi, grafici, illustratori, video arte, proiezioni e installazioni artistiche per l’evento speciale di oggi sabato 24 settembre dove saranno presenti installazioni artistiche, live painting e ospiti internazionali come Rozen Corbell, considerata tra le maggiori interpreti internazionali del linguaggio della coreografia e della danza contemporanea.

+66 Festival 99Arts

Le novità di questo secondo appuntamento sono la presenza dei lavori di 6 artigiani con l’esposizione delle loro creazioni che introducono al mondo dell’arte visiva: Giorgia Iacchizzi (Dionea Design), Ilaria Zelli (InineDesign), Maria Clelia Scuteri (Reuse Design), Silvia Zoppellari (Pyla),Evangeline De Sosa (Delve Collection) e Giorgia Marino (GnomArt).

Lo spazio espositivo accoglie giovani artisti, di cui la maggior parte under 35, dell’universo delle immagini visive. Tra i fotografi, per Scuderie MArteLive, incontriamo Michela Amadei, Simona Poncia, Chiara Ernandes, Daniele Romaniello, PP+C Creative Studio, Vincenzo Capasso e Alexandra Antoce, in esposizione insieme ai numerosi talenti emergenti selezionati tramite la Call for Artist. Mentre tra i pittori l’esibizione di Milena Scardigno in arte Mila Gno con i suoi famosi RI-TRATTI e il live painting con gli artisti Astrid Sarrocco, Cristiano Quagliozzi, Emmeu, Giusy Guerriero e Lac 68, in mostra insieme a Antonino Perrotta, Violetta Carpino, Giulia Cacciuttolo, Manuela Mercuri e Sonia Catalogna.

Elemento centrale dell’evento è la spettacolarizzazione dell’arte che nasce dal connubio tra visivo e performativo e che si realizza attraverso la messa in scena di molteplici spettacoli dal vivo che avvengono in simultanea nello stesso luogo. Un appuntamento che di anno in anno vede il coinvolgimento di un numero sempre crescente di artisti per portare in scena l’arte contemporanea in tutte le sue forme.

Michela Amadei - 99 arts

I Partner di 99Arts sono ATAC, MArteCard, Circolo degli Illuminati, Tevere Art Gallery, iRooms (jacuzzi Suites), Your Music.

I Media Partner dell’iniziativa sono MArte Magazine, DanzaSì, ExitWell, La Platea, Oubliette Magazine, Saltinaria, The Freak, Juggling Magazine.

 

Elenco artisti +66 di 99Arts

Artigianato

Giorgia Iachizzi (Dionea Design); Maria Clelia Scuteri (Reuse Design); Silvia Zoppellari (Pyla); Evangeline De Sosa (Delve Collection); Giorgia Marino (Gnomart); Ilaria Zelli (Ininedesign)

Fotografia

Call For Artist: Albena Nikolova; Alessandro De Palma; Alessandro Trevisin; Carla Pasqualucci; Elena Piccolo; Enrico Tricoli; Francesco Cardillo; Flavia Fiengo; Giulia Gorla; Ilaria Romano; Martina Zanin; Merve Erdem; Maria Toscano

Scuderie MArteLive: Simona Poncia; Michela Amadei; Chiara Ernandes; Daniele Romaniello; Pp+C Creative Studio (Michele Candidi – Daniele Salvatori); Vincenzo Capasso; Alexandra Antoce

Grafica

Rozenn Corbel - 99 arts

Call For Artist: Guido Astolfi; Simona Muscogiuri; Thomas Lombardi; Ilaria Baldini

Installazione

Call For Artist: Emanuela Moretti; Carolina Farina; Marialuna Storti; Matteo Giovannone

Pittura

Call For Artist: Darek Blatta, Alessia Del Vecchio; Jessica Pintaldi; Liu Chang; Maria Mastropierro; Emmeu; Enrica Spampinato; Benedetta Zoani; Valerio Tirapani; Lorenzo Gramaccia; Mattia Peruzzo;  Giusy Guerriero

Scuderie MArteLive: Andrea Bartolucci; Antonino Perrotta; Astrid Sarrocco; Cristiano Quagliozzi; Giulia Cacciuttolo; Lac68; Manuela Mercuri; Mila Gno; Sonia Catalogna; Violetta Carpino

 

Info

Evento su Facebook “+66”
Sito 99Arts
Facebook 99Arts
Sito MArteMagazine
Twitter 99Arts
Sito MArteCard

 

Pubblicato il

MArteLive Sardegna ed Italia: nuove opportunità per gli artisti emergenti, iscriviti e giocati un posto alla Biennale

MArteLive torna in Sardegna ed in tutta la penisola italiana alla ricerca di nuovi talenti! Sono aperte le iscrizioni per partecipare al primo festival multidisciplinare italiano, che dal 2001 seleziona e lancia i migliori artisti della scena contemporanea nazionale assegnando ogni anno oltre 100 premi tra produzioni, visibilità, ingaggi e partecipazioni a festival ed eventi esclusivi.

MArtelive Sardegna

I contest offrono l’opportunità unica di approdare alla prossima Biennale MArteLive, un grande evento che coinvolgerà l’intera città di Roma e numerosi comuni del Lazio e che vedrà succedersi centinaia di spettacoli tra concerti, performance di teatro, danza e circo contemporaneo, mostre di pittura e fotografia, proiezioni, installazioni, reading, street-art, video-mapping.

La Regione Sardegna nel 2014 ha ospitato la finale regionale, guidata da Karim Galici in collaborazione con l’associazione culturale L’Aquilone, registrando un grande successo di pubblico grazie ai numerosi artisti sardi che hanno partecipato al concorso gareggiando nelle 16 sezioni artistiche che animano il Festival. In molti, superata la selezione a livello regionale, sono arrivati alla finale nazionale Biennale MArteLive, sfidandosi live con gli altri finalisti delle diverse regioni italiane: 900 artisti selezionati in tutta Italia tra gli oltre 2.000 iscritti al concorso si sono esibiti per una 6 giorni celebrativa dell’Arte a 360°.

Per questa edizione la confermata partnership con noi di Oubliette Magazine ci tramuterà in giurati per la selezione dei finalisti; inoltre una giuria made in Oubliette (ed esterna alla Biennale) consegnerà il Premio al Miglior Cortometraggio ed il Premio al Miglior Videoclip.

MArtelive Italia

Proprio grazie alla sua formula multi-disciplinare che trova spazio nelle 16 sezioni artistiche previste dal concorso, MArteLive è un festival capace di porsi come un’importante vetrina per i giovani artisti emergenti, offrendogli la possibilità di esporre le proprie opere o esibirsi con le proprie performance in location selezionate, entrando in contatto con addetti ai lavori e professionisti del settore. L’obiettivo di MArteLive è infatti quello di scoprire e mettere in luce nuovi talenti, favorire i giovani artisti emergenti nelle più svariate discipline e promuoverne il lavoro sulla scena artistica contemporanea nazionale.

Il concorso è aperto a giovani artisti di un’età compresa tra i 18 e 39 anni: chi si iscrive subito potrebbe essere selezionato fin da adesso per esporre le proprie opere o esibirsi con le proprie performance durante i nostri eventi organizzati in location selezionate dallo staff MArteLive.

La Biennale MArteLive è il grande evento conclusivo di una stagione lunga 2 anni ricchi di selezioni e scouting artistico, di produzioni ed eventi speciali. Centro nevralgico della Biennale MArteLive sono le finali regionali del contest MArteLive che la precedono: centinaia di artisti selezionati su tutto il territorio nazionale per il raduno artistico più grande d’Italia.

PPC - CREATIVE - Vincitore Fotografia 2014

I vincitori delle singole finali regionali o di macro-area avranno un posto assicurato alla prossima Biennale MArteLive, che si terrà a Roma in più location selezionate, quali sono state per l’edizione 2014 il MACRO di Testaccio, l’Atlantico Live, l’Init, il Monk, l’Angelo Mai, la Casa del Jazz e tante altre, e che darà ai partecipanti l’opportunità unica di vincere esclusivi premi, riservati non solo ai vincitori ma anche a coloro il cui lavoro verrà ritenuto degno di nota e attenzione, nonché di entrare a far parte del roster degli artisti di Scuderie MArteLive, partecipando così ai più importanti eventi culturali organizzati dal nostro staff. (Per consultare l’elenco degli oltre 100 premi assegnati durante la Biennale MArteLive 2014 visita il sito).

Le iscrizioni per partecipare al Concorso ed accedere alle finali regionali saranno aperte fino al 31 gennaio 2017, quando inizierà ufficialmente la fase finale della Biennale MArteLive 2017, che fino ad aprile vedrà lo svolgersi delle finali regionali o di macro-area, dislocate su tutto il territorio nazionale, nella formula multi-artistica che contraddistingue il festival. I vincitori delle singole finali regionali o di macro-area approderanno alla finale nazionale, Biennale MArteLive, che si svolgerà a Roma a settembre 2017.

Dunque che aspetti: iscriviti al Concorso MArteLive e giocati il tuo posto alla Biennale MArteLive 2017!

MArtelive

Per partecipare è sufficiente collegarsi al sito marteawards.it e compilare il form d’iscrizione online corrispondente alla sezione artistica desiderata, fra le 16 che animano il festival (musica, teatro, danza, cinema, videoclip, deejing live, veejing live, letteratura, artecircense, street art, pittura live, fotografia, fumetto, grafica, moda&riciclo, artigianato artistico) acquistando la MArteCard che, oltre a garantire l’iscrizione a più sezioni del concorso, darà diritto ad una serie di sconti e agevolazioni legati ad eventi artistici e culturali in tutta Italia.

Modalità di partecipazione:
1. – Leggi attentamente il regolamento che trovi sotto nelle info.
2. – Scarica il bando della sezione o delle sezioni cui vuoi partecipare
3. – Compila il form di iscrizione relativo alla sezione o alle sezioni scelte.
4. – Entra in possesso della tessera associativa MArteCard che, oltre a garantire l’iscrizione a più sezioni del concorso, darà diritto ad una serie di sconti agevolazioni legate ad eventi artistici e culturali in tutta Italia.

Dunque che tu sia sardo od italiano (non è una tautologia), questa è una bella opportunità non solo di emergere ma anche di conoscere altre persone con i tuoi stessi sogni ed interessi. Le selezioni sono aperte in tutta Italia, perché non cimentarsi?

 

Info

Regolamento MArtelive 2017

Premi MArtelive 2017

Oubliette e MArtelive

Oubliette Partner

iscrizioni@martelive.it

info@martecard.eu

 

Pubblicato il

11^ edizione del Festival di Fotografia Europea 2016: la via Emilia, strade, viaggi e confini – dal 6 maggio, Reggio Emilia

Tra le tante iniziative ormai consolidate nel panorama territoriale di Reggio Emilia si rinnova nel 2016 l’attesissimo appuntamento con il Festival di Fotografia Europea.

Festival di Fotografia Europea 2016

Dal 6 maggio al 10 luglio ritorna la grande rassegna di arte fotografica contemporanea che giunge alla sua undicesima edizione a Reggio Emilia: il Festival di Fotografia Europea. Con un ricco programma di mostre, workshop, installazioni ed eventi la città verrà di nuovo trasformata e animata da idee e ispirazioni.

Quest’anno il festival propone come filo conduttore la riflessione sul tema “La via Emilia. Strade, viaggi, confini”, che prende ispirazione dal progetto “Esplorazioni lungo la via Emilia” del 1986, opera collettiva sul paesaggio padano di Luigi Ghirri e altri artisti, fotografi e scrittori.

A trent’anni di distanza dall’opera si vuole riflettere su come è cambiato il modo di vedere il paesaggio oggi partendo appunto dalla via Emilia, l’antica strada romana che collega e attraversa l’Emilia Romagna.

Alle mostre ufficiali, anche quest’anno si affianca il Circuito OFF, sezione libera e indipendente di Fotografia Europea che nasce dalla spontanea iniziativa delle persone. Tra le tante mostre in programma – circa 300 – spiccano quelle dell’itinerario di via Roma, “Questa non è la via Emilia”: cinquanta esposizioni in parte realizzate con la collaborazione degli abitanti.

Festival di Fotografia Europea 2016

Tra le novità invece di questa edizione vi sono i soggiorni d’artista in cui alcuni fotografi hanno soggiornato nel quartiere per alcuni giorni e che durante questa permanenza hanno avuto modo di interagire con le famiglie ospitanti e con la città. Un’interazione questa in cui l’arte entra nel quotidiano, arricchita da contatti con le eccellenze culturali, stili di vita e bellezze del territorio reggiano.

In queste occasioni privati e mecenati mettono generosamente a disposizione tempo, spazi e strumenti per ospitare e permettere il lavoro di uno o più artisti. In coerenza con la natura accogliente di Via Roma, gli organizzatori si sono attivati per accompagnarli in una visita guidata della città, con l’intento di offrire ispirazioni autentiche e suggestioni concrete. Un modo per pregustare l’atmosfera di Fotografia Europea con largo anticipo rispetto alle giornate inaugurali, ma anche per portare l’arte nelle strade e a contatto con tutti i ceti sociali. Il frutto di tale residenza si tradurrà anch’essa in una mostra che verrà allestita durante i giorni del Festival.

La performer Claudia Fabris ha risieduto per 2 settimane in via Roma, durante le quali ha proposto una mostra fotografica presso la Ghirba e due performance come “Cameriera di Poesia”. Durante le settimane di Fotografia Europea esporrà il progetto “Datevi alla macchia… mediterranea”. Fra gli altri artisti ospiti in via Roma vi è stato anche Francesco Faraci, un giovane fotografo di Palermo che ha lavorato al progetto “Ma qui non c’è nessuno”, che esporrà al civico 22 di via Roma dal 6 maggio in poi.

Festival di Fotografia Europea 2016

In mostra figureranno anche Gianluca Groppi, Sandra Lazzarini, Margherita del Piano, Gilli Spreafico, Rui Wu, Marco Verdi, Nicola Domaneschi. Artisti emergenti che si affiancano ai grandi nomi proposti dal circuito ufficiale, che propone personalità del calibro di Walker Evans, Joan Fontcuberta, Magnum Photos, Paolo Ventura.

Tutte le esposizioni del Circuito OFF di via Roma avranno luogo nella via con il coordinamento della biosteria Ghirba e l’organizzazione di tanti volontari. In tutto, in via Roma troveranno casa le opere di una cinquantina di fotografi all’interno della collettiva “Questa non è la via Emilia”. La sedia fucsia davanti al portone sarà un invito ad entrare.

L’appuntamento con il weekend inaugurale è previsto da venerdì 6 a domenica 8 maggio, con mostre gratuite che si protrarranno fino al 15 maggio. Più ampie invece le aperture del circuito ufficiale: le mostre -visitabili con biglietto – rimarranno aperte al pubblico fino al 10 luglio 2016.

Una nuova edizione, questa, che condivide contenuto e rigore etico, animata da un ricco programma di incontri, approfondimenti, esposizioni, mostre e percorsi tematici che accenderanno i riflettori sul mondo della fotografia, sulla via Emilia e sul quartiere più “pop” del centro storico, via Roma.

 

Written by Amani Sadat

 

 

Info

Sito Fotografia Europea

Sito Ghirbabiosteria.it