“Loving”, film di Jeff Nichols: un amore che ha sconfitto il razzismo

“Loving”, film di Jeff Nichols: un amore che ha sconfitto il razzismo

Set 10, 2019

“Forse, la nostra piccola battaglia vincerà una grande guerra…” − Mildred Loving

 

Loving di Jeff Nichols

Loving di Jeff Nichols

Mildred e Richard sono come tanti: giovani e innamorati e, in quanto tali, progettano di trascorrere insieme la vita. Ma c’è una cosa che li differenzia dalle altre coppie: il colore della loro pelle. Lui è bianco e lei è nera; e questo procurerà loro non pochi problemi, anche se alla fine assurgeranno a essere simbolo del trionfo dell’amore sull’ingiustizia.

Film appartenente al genere drammatico, Loving è soprattutto una storia d’amore che ha avuto la forza di scompaginare i dettami di leggi ben radicate sul territorio.

Pellicola diretta dal regista Jeff Nichols nel 2016 si è ispirata a un documentario del 2011 dal titolo The Loving story, nel quale si raccontano le drammatiche vicende di Mildred e Richard. Vicende che sono state prerogativa di una battaglia legale che ha aperto la strada a un imprescindibile diritto civile, in Virginia e in altri quindici stati: quello dei matrimoni interrazziali.

“Erano determinati a fare quel che pensavano fosse giusto…” − Peggy, sorella di Mildred

Ambientato in Virginia, Loving è film intenso, pur nella semplicità delle sequenze che ne formano un unicum da apprezzare, in quanto, lezione ed esempio di vita, al contempo.

È il 1958 e i diritti civili a favore dei neri appaiono ancora un miraggio, in uno stato che considerava la gente di colore alla stregua di animali e perciò senza alcun diritto.

Mildred e Richard fanno parte della stessa comunità e, inconsapevoli del futuro che li aspetta, si innamorano l’uno dell’altro. Un amore puro, limpido, suffragato da un sentimento che li porta al desiderio di intrecciare le loro vite, e a suggellarle con il vincolo del matrimonio. Matrimonio che i due mettono in atto, forse con troppa superficialità, grazie a un giudice dello stato di Washington.

La coppia però non ha valutato che in quegli anni, nello stato della Virginia, era severamente vietato unirsi in matrimonio, se il colore della pelle dei due coniugi era diverso.

Tornati a vivere momentaneamente presso la famiglia d’origine della sposa, in quanto non era ancora edificata la casa che Richard avrebbe costruito su quell’ettaro di terreno acquistato con la fatica di un duro e continuo lavoro, entrambi vengono arrestati in piena notte dallo sceriffo.

Rilasciati poi sotto cauzione, ai due viene imposto di lasciare lo Stato; in caso contrario avrebbero subito una lunga pena detentiva.

A malincuore, raggiungono Washington dove alloggiano presso una parente.

Qui, la loro vita di coppia trascorre con tranquillità, e con l’alone magico dell’amore che li accompagna sempre e che regala loro tre figlioletti.

Ma il loro cuore, soprattutto quello di Mildred, è rimasto nella loro terra d’origine; là, dove ancora risiedono i suoi genitori e la sorella.

L’occasione di tornare alla loro terra si presenta nella persona del senatore Robert Kennedy, a cui Meredith scrive una lunga lettera ponendogli il suo dramma. In seguito alla quale la coppia entra in contatto con un avvocato che si occupa di tutelare i diritti della minoranza nera.

Loving di Jeff Nichols

Loving di Jeff Nichols

La marcia su Washington del 1963, organizzata dal reverendo Martin Luther King, è un evento straordinario che suscita sia nella gente come nelle istituzioni dibattiti e contestazioni. Ma rappresenta un barlume di luce in mezzo all’oscurità che spira negli Stati Uniti, dove la gente di colore è ancora vittima di soprusi difficili da debellare. Solleva perciò le coscienze di molti ed un cambiamento radicale appare come inevitabile.

E del cambiamento ne beneficia la coppia Mildred e Richard Loving, che affidandosi a due avvocati, membri di un’associazione per i diritti civili, ripongono in loro i propri destini. I due si appellano alla American Civil Libertis Union, ma purtroppo tale organo di revisione respinge la loro richiesta.

“Tutto a un tratto ci rendemmo conto che ci trovavamo di fronte un caso senza precedenti”. − Avvocato B.S. Cohen

Comunque, i tentativi da parte degli avvocati non finiscono qui, perché si appelleranno anche alla Corte Federale e in seguito alla Corte Suprema: è il 1967 quando la sentenza, che vietava il matrimonio tra bianchi e neri, viene ribaltata e dichiarata anticostituzionale.

Il primo matrimonio interraziale della storia americana diviene così un caso nazionale che ha fatto la storia dell’America.

Solo a quel punto la famiglia potrà tornare al proprio luogo d’origine, dove fra prati verdi e una ricca vegetazione può far crescere la sua prole: lontano dal cemento di una metropoli caotica e poco vivibile. Arrivati lì, Richard potrà finalmente realizzare la sua promessa d’amore: costruire la grande casa che ha sempre sognato di donare a Mildred.

“Quatto quatto come un gatto, pareva scomparire mentre lavorava. A differenza di altri fotografi, non chiedeva mai ai propri soggetti di posare, si rifiutava di manipolare l’azione e semplicemente aspettava con pazienza che il momento giusto emergesse, nella convinzione che la realtà procura più verità che qualunque imposizione del suo ego”. − Barbara Villet, moglie del fotografo che ha immortalato i momenti di più stretta intimità della famiglia Loving

La storia di Mildred e Richard è un caso che ha segnato il destino delle coppie multirazziali. Ispirato a una storia vera, Loving è film dalla trama semplice e lineare, interpretato magistralmente da Ruth Negga, attrice etiope naturalizzata irlandese, nei panni di Mildred, e Joel Edgerton, in quelli di Richard. Non è una pellicola spettacolare, ma sicuramente è di spessore, sia umano sia sociale, tanto da catalogare il film come di formazione, in quanto custode di valori che vanno oltre lo spazio e il tempo.

Innanzitutto, l’amore, nel senso più ampio che si possa intendere. Quello che ha sempre legato i due, a dimostrazione che i sentimenti possono e dovrebbero andare al di là del colore della pelle di ogni creatura. Perché, in fondo, può essere un dettaglio insignificante, se considerato dalla giusta prospettiva.

Loving di Jeff Nichols

Loving di Jeff Nichols

Inoltre, la questione dei soprusi dei bianchi a discapito dei neri. Questione che meriterebbe, però, uno spazio di disquisizione più ampio, e non è questo l’ambito adeguato per svilupparlo.

Infine, i legami familiari, anche questi vanno oltre. Richard, infatti, ha stabilito con la famiglia acquisita, un rapporto pressoché perfetto, a dimostrazione, anche qui, che il colore della pelle può essere un dettaglio poco rilevante.

“Non volevamo fuggire, era una questione di principio: era la legge e non pensavamo fosse giusta”. − Meredith

I personaggi reali cui si è ispirato il film sono vissuti sempre in Virginia, loro terra natia. Purtroppo, Richard è morto nel 1975, dopo otto anni dalla sentenza. Mildred, invece, è mancata nel 2008. Intervistata, Mildred ha consegnato alla stampa un commovente ritratto del marito rispondendo a un interrogativo che Richard spesso le poneva: “Mi sono preso cura di te?”

E lei, Mildred, ha ricordato il suo sposo, affermando: “Si è preso cura di me…”

 

Written by Carolina Colombi

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: