“L’ultima traccia” di Charlotte Link: un thriller psicologico dai contorni noir

“L’ultima traccia” di Charlotte Link: un thriller psicologico dai contorni noir

Giu 4, 2019

“Era di nuovo sul punto di piangere. Rimase per qualche minuto immobile, le braccia inerti in mezzo al caos, senza riuscire a muoversi, senza nemmeno riuscire a pensare lucidamente…”

L’ultima traccia - Charlotte Link

L’ultima traccia – Charlotte Link

La scomparsa della giovane Elaine Dawson, partita da Heathrow per raggiungere Gibilterra, rimane un mistero per molto tempo. Cinque anni per l’esattezza.

Fino a quando… Fino a quando Rosanna Hamilton, sua amica e causa indiretta della sua sparizione, ha il compito di fare luce su persone scomparse nel nulla, fra cui figura Elaine.

Anche questa volta a cimentarsi in un thriller psicologico dai contorni noir è la scrittrice tedesca Charlotte Link, già avvezza a questo genere di romanzo, pubblicato da Corbaccio editore nel 2009.

Rosanna Hamilton è partita dall’Inghilterra per trasferirsi a Gibilterra e sposarsi, con un bagaglio pieno di sogni, che purtroppo si stanno frantumando senza che lei possa far niente per frenare l’irruenza e la gelosia del marito. È questa la ragione per cui Elaine avrebbe dovuto raggiungere Gibilterra: luogo però dove non è mai arrivata.

Rosanna, ben contenta dell’occasione che le viene offerta dal suo direttore di un tempo, accetta l’incarico di scrivere una serie di articoli su persone sparite e di cui non si conoscono notizie. Nel nuovo lavoro Rosanna vede anche l’opportunità per allontanarsi dal suo problematico matrimonio che sembra ormai fare acqua da tutte le parti.

“Lui guidava veloce e sicuro nel traffico londinese. Sembrava conoscere la città come le proprie tasche, perché due volte, rimasi bloccati in un ingorgo, aveva girato in viuzze secondarie che avevano fatto perdere l’orientamento a Rosanna…”

La giornalista, originaria e proveniente dallo stesso paese dove Elaine è nata e cresciuta vorrebbe adesso ritornare lì, dove l’aspetta l’anziano padre rimasto vedovo. In quel villaggio, legato all’infanzia dei vari personaggi presenti sulla scena narrativa, vive anche Geoffrey, fratello disabile di Elaine, da sempre accudito dalla ragazza. Inevitabilmente, Geoffrey è in lotta con se stesso e contro il mondo intero dopo la sparizione della sorella, ma non abbandona la speranza di un suo ritorno.

La ricerca di Rosanna, al fine di ottenere notizie utili su coloro che non hanno lasciato alcuna traccia, ha inizio indagando su Elaine, nella speranza di ritrovarla. Anche perché interiormente avverte una sorta di rimpianto unito a un forte senso di colpa, per aver invitato Elaine, ragazza alquanto sprovveduta, a raggiungere Gibilterra.

Sono altri gli eventi e i personaggi che intervengono nello sviluppo narrativo del romanzo L’ultima traccia.

Il fatto, per esempio, che la giovane Elaine possa essere ancora viva, come porta a credere un certo episodio in cui si imbatte Rosanna in compagnia di Marc Reeve, che sulla scena occupa un ruolo di primo piano.

L’avvocato è l’ultima persona ad aver incontrato Elaine, dopo averle dato ospitalità la sera in cui non è partita a causa della nebbia, che ha fatto in modo che tutti i voli in partenza da Heathrow fossero annullati.

Marc Reeve è un personaggio scomodo, il sospettato su cui vengono puntati i riflettori fin dal primo momento, quale possibile omicida della povera Elaine.

Soprattutto è Geoffrey, che senza mezzi termini, accusa l’avvocato di essere l’assassino della sorella.

Charlotte Link

Charlotte Link

Ma, affidandosi al suo fiuto di buona giornalista, Rosanna non crede affatto a quest’ipotesi, e dà credito a Marc, lasciando che l’uomo le si affianchi nell’indagine. Altri personaggi partecipano alla narrazione di questo thriller intrigante e coinvolgente. Cedric, fratello di Rosanna, personaggio che ricopre un ruolo di rilievo perché involontariamente viene coinvolto nella vicenda. Da personaggio poco onesto quale appare inizialmente, alla fine ne emerge un uomo dalla evidente umanità, che mette a disposizione, correndo anche seri pericoli, per aiutare a dare una svolta decisiva a tutta la storia.

Seguendo tracce e indizi, Rosanna, in compagnia di Marc, si mette alla ricerca di Elaine con l’illusoria speranza che possa essere viva. Ma la strada da percorrere, per avere conferma di ciò, è lunga e irta d’ostacoli oltre che di pericoli. Pericoli che Rosanna riuscirà a superare rimanendo però profondamente disillusa dagli eventi.

“Decise di fare una passeggiata. Camminò per più di un’ora nella giornata fredda e immobile…”

Thriller pieno di colpi di scena dove i fatti raccontati portano in una diversa direzione da quella immaginata, motivo per cui il lettore rimane con il fiato sospeso dall’inizio alla fine della narrazione.

Anche in questo libro, come nei precedenti, i personaggi sono a tutto tondo, delineati perfettamente e caratterizzati con grande abilità.

L’ultima traccia è romanzo dai contorni oscuri, così come la stessa ambientazione, sfondo ideale di tutto il contesto narrativo.

Anche questa volta Charlotte Link non delude i suoi lettori. Anzi, li accompagna fino in fondo in un crescendo di tensione che rende la narrazione accattivante fino a raggiungere il risultato finale, lasciando il lettore appagato dalla risoluzione narrativa.

“Uscirono in strada. Il vento soffiava gelido tra le case, sebbene fosse il primo marzo e la primavera sembrasse imminente…”

 

Written by Carolina Colombi

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: