iSole aMare: Emma Fenu intervista Marina Litrico alla ricerca dell’isola una e trina

iSole aMare: Emma Fenu intervista Marina Litrico alla ricerca dell’isola una e trina

Lug 25, 2018

La rubrica “iSole aMare si propone di intervistare isolani che della propria condizione reale e metaforica abbiano fatto cultura, arte e storia ponendosi in comunicazione con il mondo: nessun uomo è un’isola o forse lo siamo tutti, usando ponti levatoi?

Marina Litrico

Sono l’Isola. Ma sono magica e infinita: non mi puoi cingere tutta.

Non mi puoi spostare, non mi puoi unire alla terraferma, non puoi possedermi. Puoi solo essere accolto, sederti alla mensa del mio corpo di sabbia e granito, mangiare dalla mia bocca le bacche del piacere e della nostalgia, fino a inebriarti, fino ad essere anche tu me. Ed allora ti fermerai per sempre, mi guarderai nelle pupille di basalto immerse nel cielo degli occhi e diverrai pietra.

Sarò la tua Medusa, con filamenti trasparenti danzerò per te negli abissi, ti brucerò di passione e non sarai più libero, nemmeno quando te ne sarai andato lontano, remando fino allo sfinimento, e il mare fra noi sarà un siero diluito con sangue di memoria e con lacrime di speranza.

Tu mi hai toccato, ora ti tendo le mani io.

Tu mi hai baciato, ora cerco il tuo sapore su di me.

Tu mi hai guardato: ora scruto l’orizzonte come una Didone abbandonata.

Tu mi hai annusato: ora raccolgo dalle fauci del maestrale il tuo polline per i miei favi.

Tu mi hai seguito: ora calo un ponte levatoio solo per te.

Tu mi hai atteso, ora ti attendo io.”  Emma Fenu ‒ “L’isola della passione”

 

Isole Amare.

Terre Femmine dispensatrici di miele e fiele, con un cuore di granito e basalto e capelli bianchi di sabbia che si spandono nel mare come le serpi di Medusa che, secondo la leggenda, un tempo della Sardegna fu sovrana.

Isole da Amare.

Terre Madri e Spose che squarciano il cuore di nostalgia, tirando il ventre dei propri figli con un cordone ombelicale intrecciato di mito, memoria e identità.

iSole aMare.

Sole che scalda e dà vita oppure che brucia e secca, negando l’acqua.

Mare che culla e nutre oppure che disperde e inghiotte, imponendo l’acqua.

 

La rubrica “iSole aMare” si propone di intervistare isolani che della propria condizione reale e metaforica abbiano fatto cultura, arte e storia ponendosi in comunicazione con il mondo: nessun uomo è un’isola o forse lo siamo tutti, usando ponti levatoi? A questa domanda implicita i nostri ospiti, attraverso parole, note e colori, saranno invitati a rispondere.

La rubrica è stata inaugurata da Paolo Fresu, hanno seguito Claudia Zedda, le fondatrici di LibriamociPier Bruno CossoGrazia FresuCristina Caboni, Maria Antonietta Macciocu, le sorelle Francesca e Marcella BongiornoFranca Adelaide Amico, Anna Marceddu, Silvestra Sorbera, Nadia Imperio, Anna Santoro e Salvina Vilardi.

Oggi è il turno di Marina Litrico, scrittrice nata a Catania e trasferitasi a Milano, dove attualmente risiede, ha conseguito la laurea in Lettere e Filosofia e ha lavorato in Biblioteca come catalogatrice. Ha pubblicato La dolceamara melodia del silenzio e Catturando nuvole e sogni.

 

Identità

Marina Litrico

Come mi percepisco? Marina è uguale a Marina o potrebbe essere diversa? Marina è anche Rosa, Vittoria ed Elena: personalità multipla o. per citare Pirandello, “Uno, nessuno e centomila”. Marina è qualcuno moralmente perfettibile alla ricerca del suo prossimo sé da raggiungere… o da osservare e lasciar perdere facendo un passo indietro, o oltrepassandolo.

 

Tradizione

È importante trasmettere nel tempo un insieme di cose e concetti che ritengo importanti, pertanto per me le tradizioni riguardano principalmente: la famiglia, la Sicilia e l’isolanità, la mia interiorità, tutto ciò che penso e immagino e magari non dico, da buon stereotipo di siciliana tradizionale. “Sermo datur cunctis animi sapientia paucis”, ossia “La parola è concessa a tutti, la tranquillità d’animo a pochi”. (Catone non gode di tutte le mie simpatie, ma questo è un motto che ho sempre apprezzato).

 

Innovazione

Mutare la prassi è necessario come spolverare. Senza innovazione non si potrebbe attribuire un valore alle tradizioni e la società sarebbe statica. Fortunatamente l’universo è in moto perpetuo, tutto passa, cambia e si trasforma senza fine. Quel che muore di qua, rinasce di là. Accettare però che tutto muti non mi è facile perché la siciliana preferirebbe la bellezza immutabile di certi paesaggi e di certi tempi. Da bambina avrei voluto il potere di fermare il tempo a un particolare bel momento, senza dover crescere, senza mutar nulla di una realtà così piacevole con tutta la mia famiglia. Sapevo che presto nulla sarebbe rimasto così bello e molti li avrei persi.

 

Isola

L’isola è la terra circondata dal mare, anzi specifico, da tre lati, perché per me l’isola è la Sicilia sputata fuori sul mare dal suo vulcano e sorretta sulle acque dal sacrificio di Cola Pisci, che regge la colonna sotto Messina. La Sicilia è il Triscele, le tre gambe, le tre spirali che girano sul punto fermo centrale a simboleggiare il moto perpetuo; il punto fermo della tradizione fa camminare l’innovazione. Per me poi Sicilia è triangolo, il numero tre come trinità (Padre, Figlio, Spirito Santo) e triadi (1°Spirito, mente, corpo. 2° Passato, presente, futuro. 3° Creazione, distruzione, rinascita) anche le tre fasi della Luna e le tre forme della dea madre: fanciulla, donna, anziana. Associo alla mia terra anche il mito dell’Araba Fenice che risorge dalle sue ceneri; la lava dell’Etna spesso distrugge case e terreni, ma i siciliani testardi, sempre lì stanno e ricostruiscono. Isola è non avere contatti con un’altra terra e, se penso a me, sento che da lì nasce il mio amore per la solitudine e il silenzio. Isola sono io che ad occhi chiusi ascolto le mie voci di dentro, sola, circondata dallo spazio.

 

Written by Emma Fenu

 

Info

Rubrica iSole aMare

Facebook iSole aMare

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: