Selfie & Told: il duo Gibilterra racconta l’EP “Alcune piccole verità”

Selfie & Told: il duo Gibilterra racconta l’EP “Alcune piccole verità”

Apr 26, 2018

“Il wifi dopo il cibo è tra le più importanti spese” ‒ “Wifi”

 

Gibilterra

Riccardo Ruggeri e Martino Pini sono gli ideatori del progetto Gibilterra, un progetto musicale verso ogni dove, spinto dall’urgenza di dirsi e dire delle cose con la cifra stilistica di un italianissimo easy pop, intriso d’ironia e melanconia, corroborato da una distintiva vena chitarristica eletto-acustica.

La musica dei Gibilterra nasce dalla mano esperta e dal cuore di due artisti a cavallo tra la canzone d’autore, il flamenco e il blues rock.

Riccardo Ruggeri, cantante di talento passato, con i suoi Lomè, per il Premio Tenco e approdato, per vincerlo, al Premio Bindi, dedicato alla canzone d’autore. Con le sue Lavatrici Rosse, duo elettronico per voce e batteria, Ruggeri vince un’edizione del Premio Demetrio Stratos; compone successivamente musiche per spettacoli teatrali e performance e calca i palchi internazionali del prog-rock d’autore con i Syndone.

Martino Pini, invece, è il chitarrista dei Gibilterra la sua formazione spazia dal jazz, al rock passando per il flamenco, ha un passato come turnista di L’aura ed ha prodotto album di jazz-rock strumentale. A Padova, Pini, vince un’edizione di Risonanze unplugged festival e ad Aosta viene premiato, per alcune sue composizioni, al Festival Internazionale Strade del Cinema.

I Gibilterra pubblicano a marzo 2017 il primo singolo “Da Domani Torno in Me” grazie al quale si esibiscono a Edicola Fiore, programma di Fiorello in onda su Sky, e in svariati altri format radiofonici. Ad agosto aprono, a Biella, il concerto dei Modena City Ramblers e si esibiscono nelle settime successive in una serie di concerti busker, nel nord Italia, durante i quali presentano in anteprima il loro nuovo Ep Alcune piccole verità, preceduto dai singoli “Da Domani Torno in me” e “Maledetto”.

Ed ora beccatevi questa Selfie & Told!

 

G.: Ancora, alla vostra età, e ancora con le chitarre acustiche. i giovani oggi usano il melodyne, l’elettronica, il beat-making, i synth. non sarebbe ora di rivalersi dell’enpals e andare in pensione o a lavorare seriamente?

Alcune piccole verità

Gibilterra: Assolutamente sì!

 

G.: Alcune piccole verità è il titolo del vostro nuovo disco. Perché?

Gibilterra: Perché pensiamo contenga alcune piccole verità appartenenti alla vita di tutti i giorni. Siamo umili.

 

G.: Ti ucciderò, lo ucciderò… non si esagera un po’ con le parole? almeno il pesce rosso è sopravvissuto (riferimento al video di Maledetto)? E cosa significa?

Gibilterra: In molti ci hanno consigliato un cambio del testo, dal “non ti ucciderò” al “ti cancellerò”. Ma noi avendo perso il progetto audio non abbiamo mai riregistrato la frase. E poi voglio dire, è il periodo giusto per dire certe cose, c’è poca tensione in giro, ci sta. Il pesce rosso nella sua boccia tonda è la rappresentazione dello stato d’animo post storia d’amore finita male, in balia degli eventi. Un pesce rosso che dalla sua boccia vede una realtà deformata e l’acqua del fiume che scorre a due passi ma non riesce ad andarci. Il pesce comunque vivrà per sempre.su youtube.

 

G.: L’EP arriva a un anno di distanza dal singolo… con quali novità?

Gibilterra: Sono accadute molte cose in questo lasso di tempo. abbiamo suonato per strada, venduto le nostre magliette, conosciuto tantissima gente e ricevuto feedback da chi ha davvero ascoltato la nostra musica. C’è un po’ più di consapevolezza sul chi siamo e cosa dovremmo fare da grandi.

 

G.: Quali sono gli artisti che ti ispirano?

Gibilterra: Sono tanti, ma in questo Ep probabilmente c’è un po’ di Britti, Gazzè, John Mayer, Jeff Buckley e chissà chi altro-o.

 

G.: Quali speranze avete per la vostra musica italiana?

Gibilterra: Riuscire a piazzare un brano e vivere di diritti d’autore, senza più dover fare le statali pur di non pagare l’autostrada.

 

G.: C’è un brano a cui sei particolarmente legato e perché?

Gibilterra

Gibilterra: “Da domani torno in me” perché ha segnato dei periodi importanti, ha qualche anno ormai eppure si fa suonare come se fosse appena nato, e Dalì, un brano che purtroppo non abbiamo incluso nell’Ep perché ha una sonorità troppo diversa. Più synth, più melodine, più beat-making.

 

G.: Progetti futuri?

Gibilterra: Come tutti si naviga a vista, anche se sicuramente dopo un Ep c’è un disco (o un Ep parte II).

 

“Sono debole perché agli sconosciuti dico cose intime” “Da domani torno in me”

 

Written by Gibilterra

 

 

Info

Facebook Gibilterra

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: