Selfie & Told: Tain racconta il primo singolo “Invasione aliena” dell’album in uscita “Ufologia”

Selfie & Told: Tain racconta il primo singolo “Invasione aliena” dell’album in uscita “Ufologia”

Set 25, 2017

“[…] L’ oro è un metallo pregiato perché effettivamente vale qualcosa,/ oppure è un metallo pregiato perché ce né poco in circolazione/ Alla base di questo ragionamento posso tranquillamente affermare:/ “allora io sono unico al mondo di inestimabile valore”/ Anche tu che sei unico al mondo sei di inestimabile valore e anche tu tu tu tu tu tu/ […]” – “Invasione aliena

Tain

Dal ganjelo secondo Tain capitolo 17 versetto 9  “mi guardo intorno e vedo solo gli ingiusti che stanno al potere, scrivono leggi brandendo pugnali l’inchiostro viene dalle tue vene, a questo punto lo sai! Esiste solo una soluzione, un’invasione aliena che tolga dal cazzo tutte queste persone”.

Eccomi qua cari amici lettori, io sono Tain, uno sfigato qualunque che fa musica da molti anni senza avere nessun tipo di riscontro significativo.

Ovviamente mi guadagno da vivere facendo un lavoro che non ha nulla a che vedere con la musica, altrimenti vivrei sotto i ponti.

Ho sempre suonato un po’ di tutto e un po’ di niente. Non voglio perdere tempo raccontando quanto, cosa, con chi e dove per far vedere quanto ce l’ho lungo, quindi passiamo all’intervista se vi va, a breve uscirà il mio primo disco da solista e vorrei parlarvene un po’.

Eccovi la mia Selfie & Told!

 

T.: Cosa ascolterò quando comprerò il tuo disco?

Tain: Spero che quando comprerai il mio disco non ascolterai tua moglie, marito, fidanzato o fidanzata che ti fa domande, ma bensì che ti concentrerai ad ascoltare i brani, contengono un’esplosiva, e forse esagerata, quantità di sintetizzatori con cui ho deciso di divertirmi senza pensare alle solite regole della discografia commerciale, non pensavo neanche di pubblicarlo quindi ho solo pensato ad esprimermi.

 

T.: L’Album si chiama “Ufologia”, mi devo aspettare un concept sugli UFO?

Ufologia – Tain

Tain: No, ci sono molti riferimenti agli alieni, agli ufo, a nuovi mondi, a rapimenti alieni, ma nonostante tutto non sono gli argomenti principali dell’album più che altro sono dei modi alternativi di filtrare tematiche molto terrestri, si parla anche d’amore e non necessariamente di amore tra persone. Ad essere sincero mi riesce molto difficile spiegare di cosa si parla, penso che ogni spiegazione o descrizione che io possa dare possa creare aspettative sbagliate, come quando guardi un film senza aver visto il trailer e senza aver ascoltato nessun’opinione da parte di chi lo aveva già visto, così facendo, il film, avrebbe più possibilità di sorprenderti in maniera positiva, in ogni caso ti sorprenderebbe e, che sia in maniera positiva o meno, ti ha comunque sorpreso, l’idea ha un certo fascino.

 

T.:Invasione aliena” (sopracitata nell’intro dell’intervista) è il primo singolo dell’album, è quella che ti rappresenta meglio?

Tain: Direi proprio di sì, in questo album sicuramente, ma solo il testo, questa canzone, (se così possiamo chiamarla, io la chiamo sempre PREDIcanzone) mi ha dato la possibilità di esprimere tantissimi concetti importanti per me senza dover badare a struttura del pezzo, ritornelli e regole radiofoniche che sono sempre più restrittive. Grazie ad “invasione aliena” sono riuscito a sfogarmi e spero che faccia riflettere più persone possibile in maniera positiva. A livello strumentale, invece, non credo sia quella che mi rappresenti meglio, ho sempre suonato un po’ più stile funk e mi sono sempre dedicato molto al lato musicale. Come avevo già anticipato prima, in questo album, per la prima volta, mi sono divertito a sperimentare con strumenti elettronici.

 

 T.: Come e dove è stato concepito questo album?

Tain: Tutto a casa mia, in ritagli di tempo notturni, ho composto e suonato tutto io nel segreto di casa. Dopo aver finito sono andato dal mio amico AKI (Antonio Chindamo, in Auditoria Records, dove nel 2009 avevo già prodotto un disco con mio frate e “Gli alphan prodige. Master System”) per poter fare un mix e un mastering come si deve.

 

T.: Ora che ci hai parlato del disco, parlaci un po’ di te… Perché scrivi canzoni?

Tain

Tain: La domanda forse dovrebbe essere… perché le canzoni scelgono di farsi scrivere da te? In realtà non ho la più pallida idea del perché lo faccio, non so nemmeno come si scrive una canzone, se così fosse ne scriverei una al giorno. Penso che ci sia una forza soprannaturale che apre una sorta di ponte interspaziotemporale… questa energia viaggia nel cosmo in cerca di un tramite per essere canalizzata in qualcosa, quadri, opere, poesie, vestiti o canzoni… Quindi la domanda è: “l’energia cosmica sceglierà ancora te per essere convertita in qualcosa?” Beh io lo spero tanto, senza mi sento perso…

 

T.: Per quando è prevista l’uscita?

Tain: Il primo videoclip/ singolo “Invasione aliena”, è uscito in anteprima su Mescalina.it, il 18 settembre. L’album per intero credo uscirà per gennaio 2018, ma prima ci sarà un altro videoclip del secondo singolo. Per non perdervi nulla andate pure sulla mia pagina Facebook così da potermi seguire.

[…] Comunque ognuno dovrà fare i conti con Gaia madre terra/ È già iniziata da tempo la fine, forse dalla/ prima guerra mondiale sarà il cataclisma che a tutto porrà fine/ Infilatevele nel culo ora la vostra plastica e lattine./ Alla base di questo ragionamento posso tranquillamente affermare/ che l’ Apocalisse sta per arrivare.” – “Invasione aliena

 

Written by Tain

 

 

Info

Facebook Tain

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: