Cinema e sport: la classifica dei 10 film ispirati a storie vere

Cinema e sport: la classifica dei 10 film ispirati a storie vere

Ago 16, 2017

Fin dai suoi albori, la settima arte ha riservato un posto speciale per lo sport non solo con le fiction ma ispirandosi ad eventi e fatti realmente accaduti.

 

10 film storie vere

Non aspettiamoci che ogni scena dei film sia il racconto preciso della realtà, perché nel cinema si ha la tendenza ad apportare qualche cambiamento in nome di una narrazione che possa risultare più appetibile per il grande pubblico.

Ovviamente spesso sono i risultati a fare la differenza, ma è anche vero che un outsider ci regala maggiori emozioni.

Come quando in un concorso cinematografico il vincitore risulta essere quello meno considerato dai migliori bookmakers, dando la possibilità che si realizzi il sogno di chi era considerato meno all’altezza del successo.

In questa mini classifica dei 10 film tratti da storie vere abbiamo preso in considerazione le pellicole che vanno dal 2000 ad oggi.

1. “Pawn Sacrifice” diretto da Edward Zwick

Pawn Sacrifice

Il film è del 2014 ed il titolo è stato tradotto in Italia con “La grande partita”. Protagonista gli scacchi ed i due campioni Bobby Fischer e Boris Spassky, una sfida considerata come l’incontro del secolo tenutosi in Islanda nel 1972 durante la Guerra Fredda. Il detentore del titolo è il russo Boris Spassky mentre lo sfidante è l’americano Bobby Fischer. Due menti geniali che si sfideranno per un titolo importante visto e considerato il drammatico momento storico delle due nazioni. Fischer è presentato nella sua follia come paranoide a cui viene dato il compito di sconfiggere la grande Russia, ma il regista mostra una stella morente e la sua vera vita pregna di vuoto. Fischer fu il primo a sconfiggere in una partita a scacchi un russo, per questo divenne un’icona americana. Fischer è stato interpretato da Tobey Maguire, mentre Spassky da Liev Schreiber. Il film non ha avuto riconoscimenti ed incassi importanti, forse perché gli scacchi interessano una piccola nicchia di utenza anche se il film segna ed è degno di nota.

2. “Invictus – L’invincibile” diretto da Clint Eastwood

Il film è del 2009 e si basa sul libro di John Carlin “Ama il tuo nemico”. I fatti raccontati sono ambientati in Sudafrica durante la Coppa del Mondo di rugby del 1995. I protagonisti del film sono dei nomi noti del cinema: Morgan Freeman nei panni del presidente della Nazione, Nelson Mandela, e Matt Damon, il capitano della nazionale di rugby. In un paese nel quale ancora era vivo un odio tra bianchi e neri, Mandela ha l’obiettivo di instaurare un regime di pace anche con lo sport, e per questo motivo costruisce un buon dialogo con il capitano della squadra. La vittoria nella Coppa del Mondo contro la squadra All Blacks porta infatti l’inizio di un processo di integrazione che rafforza l’orgoglio nazionale. Il film ha ricevuto due nomination ai Premi Oscar del 2010 con Miglior attore protagonista per Morgan Freeman e Miglior attore non protagonista con Matt Damon.

3. “Alì” diretto da Michael Mann

Alì – film

Il film è del 2001 e racconta i dieci anni della vita dell’ex campione del mondo dei pesi massimi Muhammad Alì (Louisville 17 gennaio 1942 – Scottsdale 3 giugno 2016). Un decennio intrigante che vede il campione conquistare inaspettatamente il titolo contro il favorito Sonny Liston grazie al suo notevole gioco di gambe. Si narra anche del famoso incontro The Rimble in the Jungle contro George Foreman, disputato in Zaire. La pellicola tratta anche dell’amicizia di Alì con Malcolm X. Un decennio chiuso con l’adesione all’Islam e al rifiuto di arruolarsi nell’esercito USA. Muhammad Alì è stato interpretato da Will Smith. Candidato ai Premi Oscar nel 2002 per Miglior Attore protagonista a Will Smith e Miglior Attore non protagonista a Jon Voight.

4. “Cinderella Man – Una ragione per lottare” di Ron Howard

Il film è del 2005 ed è ispirato alla vita dell’irlandese James J. Braddock, l’ex campione dei pesi massimi sopranominato Cinderella Man. Il protagonista, cresciuto nelle strade, si rivela sin da giovane una grande promessa della boxe per la categoria dei massimi leggeri ma ben presto dovette smettere con la pratica per la frattura della mano destra. Cinderella così lavora per anni come portuale sognando un’altra occasione nella boxe, occasione che non tarda ad arrivare e che lo porterà ad una scia vincente di vittorie. Una storia di declino e di rinascita di un uomo e considerando l’epoca in cui si son svolti i fatti, quella della Grande depressione in America, è diventato molto famoso tra gli americani perché sentivano la stessa speranza di rivincita: anche per questo è stato sopranominato “il cenerentolo”. La sua più grande vittoria fu quella di diventare campione mondiale dei pesi massimi riuscendo a sconfiggere Max Baer. Jim Braddock è stato interpretato da Russell Crowe. Il film ha ricevuto riconoscimenti e premi dai maggiori festival del cinema, ricordiamo le Nomination al Premio Oscar 2006 per Miglior attore non protagonista a Paul Giamatti, Miglior montaggio a Daniel P. Hanley e Mike Hill, e Miglior trucco a David LeRoy Anderson e Lance Anderson.

5. “Imbattibile” diretto da Ericson Core

Imbattibile – film

Il film è del 2006 ed è ambientato a Philadelphia nel 1976. Protagonista è Vince Papale, un trentenne che lavora come supplente e che ha la passione per il football ed in special modo per la squadra Philadelphia Eagles. Quando Vince viene licenziato da lavoro, si ritrova anche ad esser lasciato dalla moglie delusa per la precarietà del marito. Inizia così per Vince un periodo buio che lo porta a recuperare vecchie amicizie dell’infanzia ed al ricordo di quando giocava a football in campetti improvvisati. Proprio in questo periodo anche la Philadeplphia Eagles non se la passa benissimo, infatti ha ottenuto scarsi risultati nella stagione precedente e decide di organizzare un trail per scoprire nuovi talenti. Vince, supportato dagli amici si presenta alle selezioni e viene subito notato. L’amore per lo sport gli fa superare le iniziali controversie da parte dei giocatori professionisti che vedevano in Vince un perdente, così da arrivare ad ottenere un contratto professionistico nella squadra che sin da giovane ha ammirato e seguito. Vince Papale è stato interpretato da Mark Wahlberg. Il film non ha ottenuto nomination ai Premi Oscar.

6. “Rush” diretto da Ron Howard

Il film è del 2013 e racconta la rivalità tra due piloti di Formula 1 che al giorno d’oggi farebbe la gioia dei migliori bookmakers sportivi: il britannico James Hunt e l’austriaco Niki Lauda. “Rush” è ambientato negli anni settanta, anni in cui i due piloti lasciano la Formula 3 per passare alla Formula 1, due personaggi completamente diversi che si contengono la vittoria. Niki Lauda diventa così campione mondiale nel 1975 con la Ferrari e continua una scia vincente anche nel 1976 mentre James Hunt è in forte difficoltà per assenza di sponsor. Durante il Gran Premio di Germania però a causa di un clima poco favorevole la Ferrari di Lauda cede ed urta contro le barriere in uno scontro molto violento. I soccorsi non arrivano subito e diverse auto lo colpiscono. L’austriaco è ancora nell’auto e quando viene soccorso è ormai troppo tardi per poter continuare la gara. In ospedale Lauda osserva il rivale che nelle successive settimane recupera punti per il campionato. Lauda ritorna in pista per il Gran Premio d’Italia dopo 42 giorni di convalescenza, con tutti i pronostici dei migliori bookmakers contro. James Hunt è stato interpretato da Chris Hemsworth e Niki Lauda da Daniel Brühl. Nessuna nomination ai Premi Oscar.

7. “We are Marshall” diretto da MCG

We are Marshall

Il film è del 2006 ed è ambientato nel 1970. Si apre con una tragedia che mai è stata dimenticata: la caduta di un DC-9 della Southern Airways con a bordo gran parte di una squadra di football, ed esattamente la Marshall University. La squadra proveniva dalla cittadina di Huntington. Un disastro che investì i sopravvissuti e tutti i cittadini. Fu con l’arrivo del nuovo coach, Jack Lengyel, che la squadra poté riprendersi dall’incidente e riuscire a giocare nuovamente. Il coach è stato interpretato da Matthew McConaughey. Nessuna nomination ai Premi Oscar.

8. “Moneyball – L’arte di vincere” di Bennett Miller

Il film è del 2011 e si basa sul libro di Michael Lewis “Moneyball: The Art of Winning an Unfair Game”. Protagonista del film è il manager Billy Beane della squadra di baseball Oakland Athletics. La pellicola inizia con la clamorosa sconfitta della squadra nella stagione 2001 che porta alla negazione di aumento di budget dalla società. L’incontro tra Beane ed un giovane laureato in economia a Yale, Peter Brand, porta una rivalutazione radicale sui nuovi inserimenti nella squadra per la stagione successiva. Una decisione che porta malumori con l’allenatore Art Howe che per ripicca lascia in panchina i giocatori scelti da Beane e Brand. Dopo un incipit che non convince e qualche trattativa con l’allenatore, la squadra si riprende ed inizia a portare a casa qualche vittoria. Billy Beane è stato interpretato da Brad Pitt. Il film nel 2012 fu candidato a sei Premi Oscar tra cui Miglior Attore Protagonista e Miglior Film.

9. “The Fighter” diretto da David O. Russell

The fighter

Il film è del 2010 e racconta la vita del pugile di origine irlandese Micky Ward. Micky ha un fratellastro, Dicky, che anch’esso si dedica al pugilato ma che dovette lasciare per problemi di tossicodipendenza, diventa così l’allenatore di Micky mentre la madre gli fa da manager. Una carriera complessa con la famiglia che prende alcune scelte opinabili per lui che solo l’incontro con la barista Charlene riuscirà a portare luce sulla possibilità di autonomia di scelta da parte di Micky. Nel mentre la HBO da diciotto mesi si occupa di un documentario sulla vita di Dicky che purtroppo a causa del suo carattere turbolento finisce in carcere per truffa. Una pausa dalla famiglia che permette a Dicky di allenarsi in un altro team, anche se non vede buoni risultati. Dopo la prigione il fratellastro capisce che deve mettere da parte il suo protagonismo e gli viene concessa un’altra opportunità per allenare Dicky sino alla vittoria per il titolo WBU di pesi welter leggeri. Micky è stato interpretato da Mark Wahlberg e Micky da Christian Bale. Diverse nomination e due Premi Oscar come Miglior attore non protagonista per Christian Bale e Miglior attrice non protagonista per Melissa Leo.

10. “The Program” diretto da Stephen Frears

Il film è del 2015 e si basa sul libro biografico del giornalista David Walsh: “Seven Deadly Sins”. Gli eventi narrati trattano del ciclista Lance Armstrong, nato a Plano il 18 settembre 1971. Lance inizia la sua carriera come nuotatore e si è dedicato al ciclismo professionista dal 1992 al 2011 con una pausa dal 1996 al 1998 per un problema di cancro ai testicoli che riesce a superare. Famoso per aver vinto per sette volte di seguito il Tour de France dal 1999 al 2005. Una fama che nel 2012 è stata coperta dalla scoperta di usi di pratiche dopanti che hanno sotterrato la carriera del ciclista. Lance Armstrong è stato interpretato da ben Foster. Non sono presenti candidature ai Premi Oscar.

Stilata la nostra classifica siamo certi che qualcuno di voi lettori non sia in accordo con noi, dunque vi chiediamo di indicarci la vostra classifica personale sui film sullo sport che si basano su una storia vera.

 

 

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: