“L’estate, l’amore e la violenza”: il tour estivo dei Baustelle apre a maggio e toccherà tutta Italia

“L’estate, l’amore e la violenza”: il tour estivo dei Baustelle apre a maggio e toccherà tutta Italia

Mag 19, 2017

Giorni senza fine, croci lungomare/ Profughi siriani, costretti a vomitare/ Colpi di fucile, sudore di cantiere/ Nel cortile della scuola, tese ad asciugare/ canottiere rosse, rosse a sventolare/ Se mi dai la mano, ti porto a navigare/ E se mi accarezzi, e lo lasci fare/ C’è qualcosa nella fine dell’estate non so bene che cos’è/ E non riesco a respirare” – “Il Vangelo di GiovanniBaustelle

L’amore e la violenza – Baustelle

Il tour invernale della band Baustelle ha registrato uno straordinario successo, sono stati 19 teatri, 19 sold out ed un totale di 27mila spettatori. L’ultimo album “L’amore e la violenza ha registrato in tutta Italia un’accoglienza oltre le aspettative.

Un giro d’Italia concluso lo scorso 30 aprile all’Auditorium Parco della Musica di Roma e che riprenderà il 26 maggio 2017 al prestigioso Miami Festival presso il Magnolia a Segrate in provincia di Milano.

La band di Francesco Bianconi (voce, chitarre, tastiere), Claudio Brasini (chitarre) e Rachele Bastreghi (voce, tastiere, percussioni) sarà affiancata sul palco da Ettore Bianconi (elettronica e tastiere), Sebastiano De Gennaro (percussioni), Alessandro Maiorino (basso), Diego Palazzo (tastiere) ed Andrea Faccioli (chitarre).

Io non ho più voglia di ascoltare/ questa musica leggera/ Nello sparire, nel mistero del colore delle cose/ quando il sole se ne va/ Resta poco tempo per capire/ il significato dell’amore/ Idiozia di questi anni, il vangelo di Giovanni/ Il vangelo di Giovanni/ La mia vera identità” – “Il Vangelo di GiovanniBaustelle

Una notizia molto interessante è la presenza di Pietro Berselli nella data dell’8 luglio al Sherwood Festival di Padova scelto per aprire il concerto, un ritorno nello storico festival indipendente di Padova, dopo la prima esibizione a Sherwood nel 2015.

Pietro Berselli: “L’8 luglio tornerò a Sherwood Festival, che mi aveva accolto a braccia aperte qualche anno fa quando tutto questo era appena iniziato, e avrò l’onore di aprire sul mainstage il concerto dei Baustelle nel tour di quella bomba che è il loro ultimo disco! Insomma, la vedo come una grande responsabilità, ho già la tachicardia, vado a chiudermi in sala prove.

Circa due settimane fa è uscito il nuovo singolo “Il Vangelo di Giovanni”, accompagnato dal video di Tommaso Ottomano, prodotto da Basement e girato a Macao. L’attore protagonista Davide Banfi è seduto in una stanza circondato da altri personaggi (Yuriy Krupey, Romolo Guerrieri, Erica Vitulano, Silvana Del Grosso, Inga Babenko, Carlo Scardovelli, Thierno Diallo, Francesco Liberti, Maurizio Careggio).

Baustelle – ph Simone Cecchetti

Ogni figura rappresenta un’identità del protagonista che si dibatte in uno stato emotivo straziante per comprende chi sia realmente. Il video rappresenta perfettamente la situazione di molti “giovani” d’oggi che si trovano a combattere contro le imposizioni della società esterna che ha relegato l’Io alla sola Ragione (da intendere come “sistema di regole scelte da altri”) e della famiglia d’origine che ha posto i desideri repressi nei figli.

Così troviamo parti femminili e maschili che vogliono il loro spazio, che combattono tra di loro per usurpare l’Io. Il finale del video è spettacolare e vede la simbolica morte/unione/rinascita del protagonista che dopo l’abbraccio ed accoltellamento del suo “vero Io” scorto tra le manifestazioni, viene raccolto e cinto di una corona di spine.

L’abbiamo capito o no di che cosa trattano i Vangeli?

“[…] Egli era nel mondo,/ e il mondo fu fatto per mezzo di lui,/ eppure il mondo non lo riconobbe./ Venne fra la sua gente,/ ma i suoi non l’hanno accolto./ A quanti però l’hanno accolto,/ ha dato potere di diventare figli di Dio:/ a quelli che credono nel suo nome,/ i quali non da sangue,/ né da volere di carne,/ né da volere di uomo,/ ma da Dio sono stati generati./ E il Verbo si fece carne/ e venne ad abitare in mezzo a noi;/ e noi vedemmo la sua gloria,/ gloria come di unigenito dal Padre,/ pieno di grazia e di verità./ Giovanni gli rende testimonianza/ e grida: «Ecco l’uomo di cui io dissi:/ Colui che viene dopo di me/ mi è passato avanti,/ perché era prima di me»./ […]– Prologo – Vangelo di Giovanni

TOUR

26/05/2017 – SEGRATE (MI) – MAGNOLIA / MIAMI FESTIVAL

16/06/2017 – RUSSI (RA) – PALAZZO S. GIACOMO / RAVENNA FESTIVAL

02/07/2017 – GARDONE RIVIERA (BS) – ANFITEATRO DEL VITTORIALE /TENER-A-MENTE

Pietro Berselli

08/07/2017 – PADOVA – STADIO EUGANEO / SHERWOOD FESTIVAL

13/07/2017 – ROMA – VILLA ADA / ROMA INCONTRA IL MONDO

15/07/2017 – MONTEPRANDONE (AP) – COSE POP FESTIVAL

21/07/2017 – COLLEGNO (TO) – PARCO CERTOSA REALE / FLOWERS FESTIVAL

22/07/2017 – S. STEFANO MAGRA (SP) – AREA EX CERAMICA VACCARI

23/07/2017 – CORTONA (AR) – PIAZZA SIGNORELLI / CORTONA MIX FESTIVAL

27-30/07/2017 – VASTO (CH) – SIREN FESTIVAL

10/08/2017 – PALERMO – TEATRO DI VERDURA

11/08/2017 – ZAFFERANA ETNEA (CT) – ANFITEATRO FALCONE E BORSELLINO

13/08/2017 – MELPIGNANO (LE) – CONVENTO DEGLI AGOSTINIANI / SO WHAT FESTIVAL

25/08/2017 – ASOLO (TV) – ASOLO CITY PARK / AMA MUSIC FESTIVAL

26/08/2017 – MANTOVA – PIAZZA CASTELLO / Mantova Arte & Musica

03/09/2017 – PRATO – PIAZZA DUOMO / Settembre Prato è Spettacolo

08/09/2017 – BRA (CN) – ATTRAVERSO FESTIVAL/Parco della Zizzola

16/09/2017 – MODENA – FESTA UNITA’

 

Orde di stranieri, dentro le fontane/ Guanti di bambini, code all’altalene/ Lettere del papa sulla fedeltà del cane/ Io non ti conosco, ma ti voglio bene/ Certe volte l’esistenza si rivela con violenza intorno a me/ E non riesco a sopportare” – “Il Vangelo di Giovanni” – Baustelle 

 

 

Info

Facebook Baustelle

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: