“Io che amo solo me”, a cura di Ramona Parenzan e Marina Sorina: tante donne in viaggio verso se stesse

“Io che amo solo me”, a cura di Ramona Parenzan e Marina Sorina: tante donne in viaggio verso se stesse

Apr 7, 2017

La strada per Babilonia è una nuova realtà editoriale, nata dall’esperienza di Milena Edizioni e dell’associazione culturale Destinazione libri. Ha una vocazione specifica per la narrativa contemporanea, rivolta sia agli adulti che ai ragazzi, con un occhio di riguardo per la pubblicazione di autori esordienti. Tra le sue recenti pubblicazioni ho letto, dalla collana Narrativa illustrata, Io che amo solo me. Racconti al femminile sull’uomo lota.

Io che amo solo me

Il testo, di 128 pagine, è stato curato dal Ramona Parenzan, di origini bergamasche e residente a Brescia, laureata in Filosofia, curatrice di testi sull’interculturalità e docente d’Italiano come seconda lingua, e da Marina Sorina, di origini ucraine ma ormai da tempo residente a Verona, dove ha conseguito il Dottorato in Lingue e letterature straniere.

Si tratta di un’opera collettiva, dodici racconti narrati da undici autrici, di origini differenti, ma unite dall’aver dato voce a storie vere che hanno come tema l’esperienza dell’incontro, spesso deleterio, con un tipo d’uomo, definito spregiativamente lota, non vero uomo dunque, ma essere spregevole e dannoso, da cui, per vari motivi, è difficile staccarsi, liberarsi.

I testi di Luiza Dinica Diculescu, Sandamali Davì, Ramona Parenzan, Ana Patricia Mc’ Kinney, Mighena Proi, Tatiana Mora, Priya Brignoli, Farwa Umma, Amazona Hajdaraj, Giulia Bacchi, Marina Sorina, sono accompagnati dalle belle e colorate illustrazioni, appositamente realizzate da Laura Zani, Fiammetta Segala, Giulia Bacchi, Valentina Brostean, Luisa Lombardi, Luisa Valenti.

È un incontro di voci, di esperienze, un utile confronto e un messaggio rivolto in primis alle donne, ma diretto anche agli uomini perché possano meglio capire l’universo femminile, le dinamiche dei rapporti di coppia e le deviazioni delle relazioni che spesso sono malate e ammorbano, rovinandola, la vita di molte donne.

Il testo è scritto per dire, ancora una volta, a tutte, che queste esperienze dolorose sono molto più frequenti di quanto si creda e che bisogna imparare a riconoscerle, a trovare le strade per uscirne e, soprattutto, per non incappare in altri uomini e rapporti così squilibrati e perversi.

Due universi si incontrano e si scontrano: da un lato quello femminile che, nelle sue diverse sfumature caratteriali e culturali, si trova pur sempre a essere vittima, ora del fascino ora della costrizione e forza bruta, culturale e/o fisica, che le obbliga dentro un rapporto fatto di aberrazioni. L’uomo lota (termine dispregiativo napoletano) è generalmente un narcisista, egoista, egocentrico. Spesso pure un opportunista e sfruttatore.

Ramona Parenzan – Marina Sorina

Comunque il rapporto, solo per brevi periodi, e non sempre, è soddisfacente per entrambi; alla base un sogno d’amore, un’illusione di corrispondenza, di appagamento. Poi la maschera cade e la lota si rivela per quello che realmente è, indifferente, anaffettivo, possessivo carnalmente, salvo gettare via la propria bambola quando se ne stanca o è d’intralcio, vanesio e cultore di sé, ma del tutto irrispettoso dell’altrui persona, nel corpo, nella mente, nelle aspirazioni, nell’impossibilità di un dialogo che diviene ben presto monologo.

Il noi lascia presto il posto a un ego malato e distruttivo che annienta nella donna la percezione del proprio valore e delle reali qualità e prospettive possedute.

Scrittrici e illustratrici si sono unite per raccontare alle altre donne che si può riuscire vincitrici da queste tristi storie, si può riprendere in mano la propria vita, e ognuna lo fa in modo differente, ma solo attraverso una riappropriazione di sé. Prima di ricominciare a amare altri uomini, ogni donna ha il diritto e il dovere di amare se stessa e questa è la strada che le nostre scrittrici vogliono suggerire, attraverso i loro racconti esemplari.

 

Written by Katia Debora Melis

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: