“My Muse”, a photography show by Mario Pischedda: until May 15, Pocko Gallery, London

“My Muse”, a photography show by Mario Pischedda: until May 15, Pocko Gallery, London

Apr 3, 2017

“The show of society, we are the show, the rest is boredom, showing ourselves, continuous showing off, pulped all, let’s show ourselves by the nudity of the self, let’s talk to the video, lets photograph each other, let’s show ourselves, show who we are, without shame, youporn, to see, to see everything, humanity shows up, that shows itself, let’s feed ourselves to others, a friend has now a black ball on its head, an extended stain, let’s shine in the streets, continuous display, the show must go on,  not stop, forward, always forward, show, forget and show, raise the bar, to dare, more, even more, dare, I told a friend of the lingerie who sketched a dark see-through corsage, what is life, where is the sense of what we do, what we say […] “-” Youporn “-” Café Bizarre

My Muse

From April 12 to May 15, 2017 at Pocko Gallery in London, you will be pleased to see an an exclusive preview by Sardinian artist Mario Pischedda, showing his series “My Muse“. 13 photographs capturing the musician and artist tout court,  Jesuinu Deiana.

My Muse is defined as a Folie à Deux (literally “madness shared by two”) in Art, in particular we can describe it as a sitcom simultaneous and delusional that has overwhelmed for years Mario Pischedda and “his Muse” Jesuinu Deiana.

Obsessions, artistic psychosis sloshing reality showing moments of the collective unconscious and, therefore, loss of consciousness that manifests with the photographic medium.

Knowing Mario Pischedda is precipitating in an expanding world on the investigation of the moment that flees irretrievably. Photography and writing have been in formation of Pischedda’s ideas in the sense of ” search of style in the fraction of an instant “.

Mario Pischedda talks about his work: “A sudden prelude, as usual, at last in the reign of the Queen with what? with my muse (³My Muse²) Jesuino dejana, not an ordinary person, a musician, a guitarist, a friend of mine and of Peter Gabriel, many seek  him only for this, now, after years of improvisations , only the first take, and always without notice, we have the opportunity to show something of  our shared madness (folie à deux), Pocko has chosen very little, but all things of substance, irony, poses, Olympic games, close-ups, sweat, holidays, everything in the instant, instant art, enjoy with us, enjoy, old shots, becoming vintage by being in the damp cellars of the hard disks that often crash, something that happens often at the author, but without crashes there is no art and even less joy and ars amandi, we like to share and smile, love us because we, despite everything, we love you and we continue undeterred in pursuing our small daily utopias made of barters, self-productions that we share with the public and trusted followers ”

Enrico Ghezzi writes to Mario Pischedda: “Hello Mario, listen, this time I had/ didn’t have from you too little time. There and here again illuminated by space shadows. How can I possibly access the void of what is not there: the time, a little more, a little less than a broken wheel after taking a blow falling from the hand of the child who is no longer in tune (oh: I dropped a patch and it broke) and p.s. if the rest is again and always literature, what will become of the distance which is in the writing?

 

Some questions to artist Mario Pischedda:

A.M .: Its the first time that “My Muse” is showed in public? Why start from London?

Mario Pischedda: I didn’t choose London, but London chose me. I couldn’t refuse.

 

A.M .: What and who represents the 13 photos on display?

Mario Pischedda: The photographs are photographic jam sessions and games and music with the great Sardinian artist Jesuinu Deiana, ours is a work that took years of experimentation, the photos are all on the first take, without notice and especially without pre-established script. The photo is repeatable by definition, but what happened is no longer repeatable. They are unique situations, I can define it  as pure Situationism.

 

A.M .: Will the exhibition of “My Muse” travel? Where?

Mario Pischedda: My Muse” will travel for sure, but I do not know how or when, where, for now let’s enjoy this important step.

 

Mario Pischedda – Desert Storm

Mariopischeddainmovement, amnesiac, unlikely author,  creator of short circuit of the word, overweight, in an advancing age,  he decided to join a world of dispossessed identity, untidy photographer,  he sings in solitude and cultivates without chemical additives, ‘art is instantaneous and in image, word, sound and video,  he pursues an entropic project, unsystematic and disorganized, chaotic and stoic, revolutionary and conservative, He has no archives and memories are gradually fading away, any time is the beginning of the perennial contradiction of ephemeral life of all of us and the constant and useless tautology of  art and this desperate and despairing anguish is what he tries to witness the rare occasions that are granted or that come his way … because everything is very inconsistent and ephemeral etc. etc. etc. etcì.

 

The event is scheduled for April 12, 2017 at Pocko Gallery in London, from 18:00 to 20:00.

“My Muse” sees the collaboration as a media partner of the cultural portal Oubliette Magazine.

 

Free entry

 

Pocko Gallery, London

51 king henrys walk

London

n1 4NH

 

Private view 6p.m. to 8p.m. on the 12nd April

Duration until 15th May

 

Written by Alessia Mocci

 

Info

Facebook event

Site Pocko Gallery

 

In traduzione italiana

“My Muse”, mostra f/oto/grafica di Mario Pischedda: sino al 15 maggio, Pocko Gallery, Londra

Lo spettacolo della società, siamo spettacolo, il resto è noia, esibirci, esibizione continua, al macero tutti, esibiamoci dai, la nudità di noi stessi, parliamo al video, fotografiamoci, facciamoci vedere, mostriamoci, senza pudore, youporn, vedere, vedere tutto, la umanità si fa vedere, che si mostra, diamoci in pasto, l’amico oggi aveva una palla nera sulla testa, una macchia estesa, sfavilliamo nelle strade, vetrina continua, lo spettacolo deve continuare, non fermarsi, avanti, sempre più avanti, mostrare, dimenticare e mostrare, alzare il tiro, osare, di più, ancora di più, osa, lo dicevo all’amica della lingerie che abbozzava un corpetto dark supertraforato, ma cosa è la vita, dove il senso di quello che facciamo, di quello che diciamo […]” – “Youporn” – “Cafè Bizarre”

Mario Pischedda – Gramola

Dal 12 aprile al 15 maggio 2017 presso la Pocko Gallery di Londra, si avrà il piacere di vedere un’esclusiva anteprima europea dell’artista sardo Mario PischeddaMy Muse, composta da 13 fotografie e raffigurante il musicista ed artista tout court Jesuinu Deiana.

My Muse” è definibile come una Folie à Deux (letteralmente “follia condivisa da due”) artistica, in particolare la potremo descrivere come una sitcom delirante simultanea che travolge da anni Mario Pischedda e la “sua Musa” Jesuinu Deiana.

Ossessioni, psicosi artistiche che rovesciano la realtà mostrando istanti di inconscio collettivo e, dunque, di perdita di coscienza che si manifesta con il mezzo fotografico.

Conoscere Mario Pischedda è precipitare in un mondo in espansione sull’investigazione sull’attimo che fugge irrimediabilmente. La fotografia e la scrittura sono state basilari nella conformazione delle idee pischeddiane nel senso di “ricerca di stile nella frazione dell’istante”.

Mario Pischedda racconta il suo lavoro: “preludio improvviso, as usual, finalmente nel regno della regina con che cosa? con la mia musa (³My Muse²) jesuinu dejana, non una persona qualunque, un musicista, un chitarrista, un amico e mio e di Peter Gabriel, molti lo cercano solo per questo, ora, dopo anni di improvvisazioni al primo ciak e sempre senza preavviso, abbiamo l¹occasione di mostrare qualcosa della follia a due (folie à deux), pocko ha scelto molto poco, ma tutte cose di SOStanza, ironie, pose, giochi olimpici, primi piani, sudore, vacanze, tutto all¹istante, istant art per l¹appunto, godete con noi, enjoy, scatti antichi, diventati vintage a furia di stare nelle cantine umide dei dischi fissi che spesso vanno in crash, cosa che succede spesso all¹autore delle f/oto/grafie, ma senza crash non c¹è arte e tantomeno gioia ed ars amandi, a noi piace condividere e sorridere, amateci perché noi, nonostante tutto, vi amiamo e continuiamo imperterriti a perseguire le nostre piccole utopie quotidiane fatte di baratti e di autoproduzioni che condividiamo con un pubblico ormai e per fortuna fidelizzato da decenni”

Enrico Ghezzi scrive a Mario Pischedda: “Ciao Mario, senti, stavolta ebbi/non ebbi da te troppo poco tempo. Ancora lì e qui illuminato dalle ombre dello spazio. Com’è possibile accedere al mancarmi di quel che non c’è: il tempo, poco più, poco meno di una manopola rotta dopo aver preso una botta cadendo dalla mano del bambino che non trova più sintonia (oh: mi è caduto un cerotto e si è rotto) e p.s. se il resto è ancora e sempre letteratura, cosa ne sarà della distanza che è la scrittura? e g h”

 

Qualche domanda all’artista Mario Pischedda:

A.M.: È la prima volta che “My Muse” viene trasmessa la pubblico? Perché iniziare da Londra?

Mario Pischedda: Non sono io che ho scelto Londra, ma è Londra che ha scelto me, non potevo non accettare.

 

A.M.: Cosa e chi rappresentano le 13 foto in mostra?

Mario Pischedda: Le fotografie mostrano le jam sessions fotografiche e ludiche e musicali con il grande artista sardo Jesuinu Deiana, il nostro è un lavoro che è durato anni di sperimentazione, le foto sono tutte a primo ciak, senza preavviso e soprattutto senza copione prestabilito. La foto è ripetibile per definizione, ma quello che è stato non è più ripetibile. Sono situazioni irripetibili, posso definirlo situazionismo allo stato puro.

 

A.M.: Ci sono altre date in programma della mostra di fotografia My Muse? Dove?

Mario Pischedda: “My Muse” viaggerà molto, ma non so come quando o dove, godiamoci per ora questo passaggio importante.

 

Mariopischeddainmovement, smemorato di Collegno, improbabile autore, cortocircuitista della parola, in sovrappeso, in una età che avanza, ha deciso di aderire a sé in un mondo di espropriati di identità, fotografa in disordine, canta in solitudine e coltiva senza additivi chimici, l’arte è di tipo istantaneo e nella immagine e nella parola e nel suono e nel video, persegue un progetto entropico, asistematico e disordinato, caotico e stoico, rivoluzionario e conservatore, non ha archivi né più ricordi che vanno man mano affievolendosi, ogni momento è l’inizio della perenne contraddizione del vivere effimero di ognuno e della tautologia costante e inutile dell’arte e questa angoscia disperata e disperante è quanto cerca di testimoniare nelle rare occasioni che gli vengono concesse o che gli si presentano… Perché tutto è molto inconsistente ed effimero etc. etc. etc. etcì.

L’appuntamento è per il 12 aprile 2017 presso Pocko Gallery a Londra, dalle 18:00 alle 21:00. “My Muse” vede la collaborazione come mediapartner del portale culturale Oubliette Magazine.

Ingresso gratuito

Pocko Gallery, London
51 a king henrys walk
London
n1 4nh
Private view 6p.m. to 9p.m. on the 12nd April
Duration until 15th May

 

Written by Alessia Mocci

 

Info
Facebook evento
Sito Pocko Gallery

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: