Roma, capitale della cultura e non solo: tecnologie innovative per didattica e istruzione

Roma, capitale della cultura e non solo: tecnologie innovative per didattica e istruzione

Feb 7, 2017

Non solo tradizioni, ma anche grande attenzione alle nuove tecnologie: parliamo ovviamente di Roma, epicentro artistico e storico dello Stivale noto in tutto il mondo per la bellezza e l’importanza del suo patrimonio culturale e architettonico senza paragoni.

Roma, capitale della cultura

Ebbene, la Capitale sta anche cercando di andare incontro al futuro, soprattutto nel campo dell’istruzione: e non è un caso che sia stata proprio Roma ad abbracciare, prima di altre, la grande novità tecnologica delle università telematiche. Ovvero gli enti privati che vengono oggi considerati come i fautori della didattica del futuro. Fra cultura e tecnologia, dunque, non ci resta che scoprire insieme le due facce della Capitale di oggi.

Roma capitale della cultura: lo dice il MiBACT.

Stando ai dati raccolti nel 2016 dal MiBACT (Ministero dei Beni Culturali e delle Attività del Turismo), il capitale architettonico e culturale più apprezzato dagli italiani è stato proprio quello appartenente a Roma.

Secondo i dati, infatti, in Italia nessun monumento è riuscito a fare meglio del Pantheon (oltre 7 milioni di visitatori) e del trittico Colosseo-Palatino-Foro Romano (circa 6,4 milioni di visitatori).

Ma questa non è l’unica notizia importante: fra le tante attrazioni d’Italia, quelle romane sono state le uniche a registrare un reale aumento di visite rispetto al 2015: addirittura mezzo milione in più, per quanto concerne il Pantheon.

Roma e didattica del futuro: le università online

Come accennato poco sopra, Roma non si limita ad essere la capitale della cultura, e dunque ad ospitare i retaggi del passato più amati dagli italiani e dai turisti stranieri, ma sta anche conquistando molto terreno nel campo delle nuove tecnologie applicate all’istruzione: parliamo degli atenei telematici come Unicusano, un’università a Roma che consente agli studenti di frequentare le lezioni in modo tradizionale, oppure di seguirle in video-conferenza attraverso il web, grazie alla presenza di una piattaforma informatica di e-learning.

Roma, capitale della cultura

Ma come funziona quella che viene da molti definita come la didattica del futuro?

Le piattaforme di e-learning sono vere e proprie aule digitali, che consentono agli studenti iscritti di prendere parte alle lezioni a distanza.

Ma i vantaggi dell’e-learning stanno proprio nel fatto che, trattandosi di video, vengono anche registrati e poi conservati all’interno della piattaforma, consentendo agli studenti di visionarli agli orari prediletti, dunque quando hanno il tempo per farlo.

Questo significa che ci troviamo di fronte ad una forma di didattica completamente personalizzabile, che consente anche ai lavoratori di conseguire una laurea regolarmente riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione, senza per questo dover sacrificare o l’uno o l’altro aspetto.

Inoltre, trattandosi di una piattaforma telematica, gli iscritti hanno anche la possibilità di specializzarsi negli strumenti informatici oggi più richiesti, e senza dover frequentare corsi ad hoc.

 

Info

Università UniCusano

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: