Interview of Alessandro Cortese to Rusudan Khizanishvili: To Trap Demons

Interview of Alessandro Cortese to Rusudan Khizanishvili: To Trap Demons

Feb 1, 2017

I approached the arts too late but, when I finally did, it was as if some paintings, and some artists, were able to remind me things that I had lost in my memory. The visions of their stories have moved me to places where I must have been in other lives and in other times.

Rusudan Khizanishvili

Some artists, and their works, have been able to show me worlds that I knew existed but I didn’t know where and, in front of their representations, I had feelings full of wonder and amazement, as it happens to those who return home after a long trip and find everything as it has been left.

I stopped thinking normally of paintings when I’ve seen many of the Hopper’s open windows, while I was wondering what the portrayed characters’ object of sight was, trying to imagine what scents were brought by the breeze that slid up to the viewer from the open window.

And then I went on asking myself what happened to my mind, in front of certain scenes.

To give myself the answers I have tried to follow the lines that depict the faces, the characters and the  landscapes, finding a sense only when those same lines cease to draw the image itself but, rather, remove the image from its concreteness and its reality, to find no more the portrait of a fruit, a table or a farmer, but the magia in which the image loses itself in order to exist still and forever, from then on, as something new: the space ceases to be the way we perceive it and, with the space, the time also stops.

The Time. As novelist, the Time is a subject that obsesses me. “Time is a flat circle,” Nietzsche wrote in Zarathustra, in which we are trapped in a savage fight that constantly puts us against Entropy. In this war, the Time is not our fellow but our enemy and only few people are able to work miracles, removing pieces of world from the ruthless progress of Time and, so, saving the stories contained in those parts of the world.

Only a few are granted the power to do wonders, to save certain objects or places or people removing them from the jaws of Entropy that everything chews and digests, pushing all in black holes that are opened anywhere in the Universe. They are the artists, those thieves of life, those wizards and witches born with the gift of sensitivity and vision, able to look behind the veil that covers all things and able to tear it, to capture the essence of the things themselves and, for the love of that things, to place them in written pages, in music or in a painting.

The artists with the ability to amaze are immediately recognized, when you are in front of their work, because the feeling that you have is a splendid restlessness. I felt this way, watching “The underground city” by Rusudan Khizanishvili: I felt the heaviness of the oil paint brush strokes, remaining caught in the viscosity of a charming image. And I finally felt at home. The restlessness of the paintings of this artist, who has become in a short time one of the most exposed painter in the world, are the evidence of a soul in turmoil. I felt the wonderful smell of a complex spirit and I wanted to contact her, a couple of years ago.

Rusudan Khizanishvili

We talked a lot, I and Rusa. We talked about God and Time, of what it’s hidden in the depths of the outer space that are prohibited to us, as well as the secrets of matter and of what matter hides, between one atom and another. We talked about the run of the White Rabbit in a hole opened on the secrets of Wonderland.

So, you can hear as we continue to talk. Listen to us while we turn the words into a weapon to trap demons, because words are chains to control those scratching beasts inside the artist. And the paintings, Rusa’s paintings, are the cages from which the wild animals can get out no more: they are trapped, now, and hanging these paintings on the wall is like hanging the head of incredible monsters as if they were trophies.

Yet, although they are nailed over a white wall, these trophies have not lost the strength that was proper to the monsters they were, before being captured by the artist.

Dear Rusa, finally, here we are. It was a long time I wanted to talk to you so that others could read, so let’s start!

 

A.C.: Who is Rusudan Khizanishvili? This is a canonic question, in an interview, but I want to begin far from the artist and I want the story behind you, the story of a woman, in Georgia, who used her gift to create incredible paintings sold all over the world. How did you do? Please… tell me about the success and then go back, at the beginning. Or, if you prefer, turn the question and you can start with the beginning because, in this chat, we don’t have time constraints… and hence we can do what we want.

Rusudan Khizanishvili: A greeting to you, Alessandro, and to all who are reading us and thank you for your words! My married name is Rusudan Khizanishvili, but I was born Gobejishvili. I was born in the Russian Soviet Federative Socialist Republic in 1979, but my family was Georgian and, in 1992, my mother tried everything to go back home, to Georgia; finally, we left our Russian country when I was nearly thirteen. I could not say how my birthplace still influences me, because I was too young in that time.  However, as years go by, I’m convinced that my childhood definitely played the main role in my creative work and, at the same time, I can say with confidence that Tbilisi, the capital of Georgia, in which I live since 1991, marks my art life: this unusual city is very beautiful, here the Eastern and the Western cultures are mixed and the architecture of the town always gives me a lot of energy and nourishes my imagination. I got married when I was a student and then I had two daughters. My husband is not an artist but he always supported me to grow in my art: he supported me when I finished the Art College and I decided to continue my study to the Tbilisi State Academy of Art and, as my mother and friends, he has given me lots of support ever since.

 

A.C.: There’s a sentence that, for me, has always been very important in my work as a novelist and I believe that it is a good sentence for every artist: “If you didn’t have a very shitty life, you also don’t have much to say”. I believe that the substance of an artist comes from other places, outside of the artist himself, but I also guess that every things that come from these places must be filtered by the personal experiences. The more the experiences the more the substance but, we know, nothing can stimulate the creative process like a bad thought. The perception that I had in front of your work was of a dense and complicated soul… I think so, it’s not my imagination. What do you think about this?

Rusudan Khizanishvili

Rusudan Khizanishvili: I didn’t have an easy childhood: my mother was a single parent of three kids because my father passed away when I was one year old and, in this difficult period of my life, I found in the reading a way to escape from the sadness. I’ve read many books and created my imaginary world, where I could be free from reality and I could live an happy life; in this world my art was born: staying there I found the force to grow like an artist. I think I’m a bit different from many other painters because I am telling my own life stories to the public and I think that all of us have a different story to tell: the art is so subjective, isn’t it?

 

A.C.: Dear Rusa, what can we find in the White Rabbit hole? This is what I thought, you know, when I’ve looked at some of your paintings. In the Wonderland of our souls there’s the past or the future, and how our past and our future can change the perception of the artist’s work? What’s the secret of the agitation that you capture in your paintings?

Rusudan Khizanishvili: My creative work is totally powered by subconsciousness and, sometimes, I can’t immediately grasp the connection between the characters that I’m representing. Except the main idea, crystal clear from the beginning, only after I completed my painting I suddenly see my parallel world and, just as Alice, at that moment I can open the door of Rabbit’s Hole. As an artist driven by a free state of mind, after I’ve finished I try to connect the two worlds together, the actual world and the world that I’ve, instead, created with my art. I believe, or I want to believe, in this as a child believes in Santa Claus. Listen to me, Alessandro, I want to tell you a memory: one of my favorite novel of my childhood was The Illustrated Man, by Ray Bradbury. The plot itself wasn’t important, for me, because what became really important was the fantastic idea of some pictures on a man’s body, tattoos that lived their lives in a completely unpredictable way: I express my feelings in my art in the same way and I give full freedom to my subconsciousness, so it guides me and the brush on the canvas and, then, my paintings will be free to do what they like, no longer needing me.

 

A.C.: The circle, the cube, the pyramid and the arrow… these are only few of the symbols that is possible to find in your paintings. Not the only ones, because there’s also the fly, the antigas mask, the table, the house and the whispers. The geometry of the forms and the alchemic interpretation of reality are mixed with your great sensibility and, in each of your paintings, the result is that the observer is stroked by many of the archetypes of the collective unconscious. What’s the hidden place inside of you in which the archetypes can embed their roots? And how do you manage to bring out all the symbols in you?

Rusudan Khizanishvili: As usual, in each period of my work, I use a certain set of symbols as well as paints, to which I attach a specific value, because I believe in the importance of the hidden symbolism in my art. In the last four years, my paint has changed and, also, have changed the symbols: in my process of creation, it’s like I open a magic door and I can see what there is on the other side, so I become the man in the middle, between that world and the public, and it’s my job to show human emotions. Symbols, in my paintings, represent the messages I try to convey to my audience: in the artistic creation process, the circle, the cube, the pyramid and all of the other symbols are the main language, the only form of communication between me and this beautiful, unimaginable and never-ending world of art. I try to show it to my audience and communicate with them like Tarots: everyone can see the cards in a different way, so everyone can read and feel my art in a personal way; my hope is always that, with my art, I can touch people deeply, my goal is to use art like a medicine and my paintings like the prescription for everything people might need to feel more inspired and able to listen to their own feelings.

 

A.C.: The beasts… all of the beasts in the heart, in the brain and in the guts… how can you trap them? Now we can talk about them, hence, tell me about the beasts. All of the beasts that rage in your soul and make your incredible gift possible.

Rusudan Khizanishvili

Rusudan Khizanishvili: The beasts! The beasts in my art are not only dark subjects, but they are also guardians: growing in a small country, where I lived many dark and difficult times, I always tried to survive through my paintings, as an artist; so, I think my beasts represent those dark times. But after a long night full of nightmares, my life continued and my beasts have become, now, the titanic guardians of that world where only I can go.

 

A.C.: So… the beasts are guardians, now, and were nightmares before. But where the monsters were born?

Rusudan Khizanishvili: When my brothers were 11 and 13 years old, and I was only one year old, my father was killed by a thief. My Grandmother, the mother of my father, blamed me for this tragic death. Every day she shouted at me, and she was saying that my birth was a bad sign. She was a poor woman, she could not understand that she was hurting me. She lost her only son and this was her biggest tragedy. At that time, my mother worked all day… and after school, I was back among the books of my home library, sitting there ‘til the evening. Running away from monsters. But that’s okay: there are so many real tragedies in the world and mine is not important. I am happy to have had it! I deeply believe that we must always continue to live our life and make our best to live it: then, when you look behind, the terrifying beasts are now the guardians that accompany us.

 

A.C.: Instead, it is very important what you said, Rusa… because it allows us to understand who you really are. The artist carries on his shoulders the weight of a sensitivity that is often too heavy. Every feeling expands, becomes total, involves completely, and it is not always possible to separate the real life from the creative process, that becomes part of life itself. Often the creative process becomes the whole life itself, as if you were painting continuously or continuously writing a story. It becomes difficult to get out. Have you ever succeeded? And if so, how? Tell me, and tell us, because it would be of great help, at least for me.

Rusudan Khizanishvili: As an artist and as a woman, but also as a human being, I’m very sensitive. So, yes, all of my feelings are expressed in my art. The more I create and the more the healing process takes place, hence the more creative I become. Art is my life and life is always an artwork, it’s the only way I can see my journey in my life of art. I’ve never created art to become successful, I always try to tell my story and I never really paid attention to my critics because all of us have a different vision, a different mind and different feelings. I’m telling my story. I am not trying to compete with anybody or to win a game, this is purely my imagination and the medicine for my soul.

 

A.C.: This is purely my imagination and medicine for my soul… I think you could not find more beautiful words to conclude our chat! I thank you infinitely for your time… your words are a great gift for me and for our readers.

Rusudan Khizanishvili: Thanks to you and to all of you!

 

In traduzione italiana

Intervista di Alessandro Cortese a Rusudan Khizanishvili: Intrappolare i demoni

Rusudan Khizanishvili

Mi sono avvicinato all’arte troppo tardi ma, quando finalmente l’ho fatto, è stato come se alcuni quadri, e alcuni artisti, siano riusciti a ricordarmi cose di cui avevo perso memoria, o a riportarmi in posti in cui devo essere stato in altre vite e in altri tempi. Alcuni artisti, e le loro opere, sono stati capaci di farmi vedere mondi che sapevo esistevano ma non sapevo dove, e la sensazione che ho avuto, dinanzi ai loro quadri, è stata di meraviglia e stupore, come accade a coloro che dopo un lungo viaggio ritornano a casa e vi ritrovano tutto come era stato lasciato, esattamente come rimasto nella propria mente.

Ho smesso di pensare normalmente a un quadro dinanzi alle finestre aperte di Hopper, chiedendomi quale fosse l’oggetto della vista dei personaggi ritratti, provando a immaginare quali profumi venivano riportati dalla brezza che scivolava da quella finestra aperta fino allo spettatore.

E poi ho continuato a chiedermi che cosa mi succedesse, davanti a certe scene.

Per darmi delle risposte ho provato a seguire le linee che raffigurano i volti, i personaggi e i paesaggi, trovando un senso solo quando quelle stesse linee smettono di tracciare l’immagine in sé ma, piuttosto, tolgono all’immagine la sua concretezza e tutto ciò che in quell’immagine può essere riconosciuto come reale, per trovare non più il ritratto di un frutto, di un tavolo o di un contadino, quanto invece la novità che meraviglia, la magia della ricreazione in cui l’immagine perde se stessa per esistere ancora e per sempre, da lì in avanti, come qualcosa di nuovo, in cui lo spazio smette di essere come da sempre lo percepiamo e, con lo spazio, smette di essere anche il tempo.

Il Tempo. Come narratore, il Tempo è un argomento che mi ossessiona.Il tempo è un cerchio piatto,” scrisse Nietzsche in Zarathustra, nel quale siamo intrappolati in una lotta feroce che, costantemente, ci pone contro l’Entropia. In questa guerra, il Tempo non è nostro alleato ma nostro nemico e solo ad alcuni è concesso di fare miracoli, togliere interi pezzi di mondo all’impietoso progredire del Tempo e così salvare le storie che in quei pezzi di mondo sono contenute.

Solo ad alcuni è concesso il potere di fare prodigi, di salvare certi oggetti o luoghi o persone e, trasformandoli, di toglierli dalle fauci dell’Entropia che ogni cosa mastica e digerisce, risucchiandola nei buchi neri che ovunque si aprono nell’Universo. Costoro sono gli artisti, quei ladri di vita, quei maghi e quelle streghe nati col dono della sensibilità e della vista, capaci di guardare dietro il velo che copre tutte le cose per strapparlo e catturare l’essenza delle cose stesse e, per amore delle cose stesse, trasferirla in pagine scritte, in musica o in un quadro.

Gli artisti dotati della capacità di meravigliare vengono riconosciuti immediatamente, quando ci si trova dinanzi ai loro quadri, perché la sensazione che se ne ha è di una splendida inquietudine.

Ho provato questo, guardando “La città sotterranea” di Rusudan Khizanishvili. Ho sentito la pesantezza delle pennellate di colore a olio, rimanendo catturato nella viscosità di un’immagine ammaliante. E ho sentito di essere finalmente a casa. L’inquietudine dei quadri di questa artista, divenuta in poco tempo una delle più esposte al mondo, sono la cronaca di un’anima in subbuglio e io, che sento lo splendido profumo di spiriti così complessi, non ho voluto trattenermi dal contattarla, un paio di anni fa.

Rusudan Khizanishvili

Abbiamo parlato tanto, io e Rusa. Abbiamo parlato di Dio e del Tempo, di ciò che si nasconde nelle profondità degli spazi siderali che ci sono vietati, come pure dei segreti della materia e di ciò che la materia nasconde, tra un atomo e un altro.

Allora spiateci, mentre continuiamo a parlare. Ascoltateci mentre facciamo delle parole uno strumento per intrappolare i demoni. Perché le parole sono catene per comandare a quelle bestie che grattano dentro l’artista. E i quadri, questi quadri, i quadri di Rusa, sono la gabbia dalla quale le bestie non possono ormai più uscire: le bestie sono in trappola, ora, e appendere questi quadri su un muro è come appendere la testa di mostri meravigliosi quasi fossero dei trofei.

Eppure, sebbene inchiodati sopra un muro bianco, questi trofei non hanno perso la forza che era propria dei mostri che erano, prima che l’artista li intrappolasse.

Cara Rusa, eccoci qua, finalmente. Era da molto tempo che desideravo poter parlare con te in modo che anche gli altri possano leggerci, quindi direi di cominciare.

 

A.C.: Chi è Rusudan Khizanishvili? Si tratta di una domanda classica, per un’intervista, ma mi piacerebbe iniziare lontano dall’artista e sentire la storia che porti con te: voglio la storia di una donna che, in Georgia, ha usato il proprio dono per creare quadri incredibili che sono poi stati venduti in tutto il mondo. Come hai fatto? Se vuoi… raccontami del successo e poi torna indietro, al punto di partenza. O, se preferisci, rigira la domanda e comincia dall’inizio perché, nella nostra chiacchierata, non abbiamo limiti di tempo… possiamo fare quello che vogliamo.

Rusudan Khizanishvili: Un saluto a te e a tutti quelli che ci leggono, Alessandro, e grazie per le tue parole! Il mio nome da sposata è Rusudan Khizanishvili, ma da nubile il mio cognome era Gobejishvili. Sono nata nella Repubblica della Federazione Russa, nel 1979, ma la mia famiglia è Georgiana e, nel 1992, mia madre le ha provate tutte per tornare a casa, in Georgia; finalmente, abbiamo lasciato il nostro paese in Russia quando avevo quasi tredici anni. Non saprei dire come il posto in cui sono nata ancora riesca a influenzarmi, ero troppo giovane quando me ne andai. Comunque, a tanti anni da allora, mi sono convinta che la mia infanzia abbia avuto la parte più importante nella creazione della mia pittura e, allo stesso tempo, un ruolo fondamentale l’ha occupato Tbilisi, la capitale della Georgia, in cui vivo dal 1991: questa città, così strana, è bellissima, perché qui si sono incontrate le culture d’Oriente e d’Occidente e l’architettura che ne è venuta riesce sempre a darmi parecchia energia, nutrendo la mia immaginazione. Mi sono sposata che ero ancora studentessa, poi ho avuto due figlie. Mio marito non è un artista ma mi ha sempre supportato, facendomi crescere nel mio lavoro. Mi ha appoggiato nella scelta, finito il liceo artistico, di proseguire gli studi all’Accademia di Tbilisi e, come mia madre e alcuni amici, mi ha dato molto sostegno.

 

A.C.: C’è una frase che, per me, è stata di grande aiuto nel mio lavoro di romanziere, ma credo pure che sia facile estenderne l’utilità a qualsiasi altra forma d’arte: “Se non hai avuto una vita di merda, allora non hai niente da raccontare”. Penso che la sostanza di un artista venga da altri posti, al di fuori dell’artista stesso, ma devo credere pure che ogni cosa che proviene da quei luoghi, e che l’artista riesce a cogliere, possa essere filtrata dall’esperienza personale di chi ha la sensibilità per farlo. Maggiori sono le esperienze e maggiore sarà la sostanza ma, lo sappiamo, nulla stimola il processo creativo come un cattivo pensiero. La percezione che ho avuto, davanti ai tuoi quadri, è stata di guardare un’anima densa e complicata… penso sia davvero così, che non si tratti della mia immaginazione. Cosa puoi dirmi a riguardo?

Rusudan Khizanishvili

Rusudan Khizanishvili: Non ho avuto un’infanzia semplice: mia madre era unico genitore di tre figli, mio padre è morto quando avevo solo un anno e, in questo difficile periodo della mia vita, ho trovato il modo di scappare dalla tristezza leggendo. Ho letto parecchio e creato un mondo immaginario, in cui potevo essere libera dalla realtà e vivere una vita felice. È in questo mondo che è nata la mia arte: vivendoci dentro, ho trovato la forza di crescere come artista. Credo di essere un po’ diversa rispetto a molti altri pittori, perché racconto le mie storie di vita al pubblico e credo che ciascuno abbia storie diverse da raccontare: del resto, l’arte è così soggettiva, non è vero?

 

A.C.: Cara Rusa, cosa c’è nella tana del Bianconiglio? Ho pensato a questo, guardando i tuoi lavori. Nel Paese delle Meraviglie delle nostre anime c’è il passato o il futuro, e come il nostro passato e il nostro futuro possono cambiare la percezione del lavoro di un artista? Qual è il segreto dell’inquietudine che catturi nei tuoi quadri?

Rusudan Khizanishvili: Il mio processo creativo è alimentato dal subconscio e, a volte, non riesco a comprendere subito le connessioni tra quello che sto dipingendo. A eccezione dell’idea principale, che all’inizio è sempre chiarissima, soltanto dopo aver finito il quadro riesco improvvisamente a vedere il mio mondo parallelo e, proprio come Alice, è quello il momento in cui posso aprire la porta della tana del Bianconiglio. Come artista guidata da una totale libertà mentale, dopo aver finito un quadro provo a rimettere insieme i miei due mondi, quello reale e quello che, invece, ho creato con la mia arte. Io credo, o voglio credere, che questo sia possibile, come un bimbo crederebbe a Babbo Natale. Ascoltami, Alessandro, voglio raccontarti un ricordo: uno dei miei racconti preferiti, quand’ero bambina, era L’uomo illustrato, di Ray Bradbury. Non era importante la storia in sé, quanto l’idea fantastica di quei tatuaggi, sul corpo di un uomo, che vivevano la propria vita in modi imprevedibili: esprimo i miei sentimenti con la mia arte allo stesso modo e do completa libertà al mio subconscio, così che mi guidi insieme al pennello sulla tela, poi i miei quadri saranno liberi di fare quello che preferiscono, senza più bisogno di me. 

 

A.C.: Il cerchio, il cubo, la piramide e la freccia… questi sono solo alcuni dei simboli che è possibile ritrovare nella tua pittura. Non i soli, perché ci sono anche la mosca, la maschera antigas, il tavolo, la casa e i sussurri. La geometria delle forme e l’interpretazione alchemica della realtà si mescolano con la tua grande sensibilità e, in ognuno dei tuoi quadri, l’osservatore viene investito da molti degli archetipi dell’inconscio collettivo. Qual è il posto segreto che tieni nascosto e in cui gli archetipi affondano le loro radici? E in che modo riesci a portar fuori i simboli che nascono dentro di te?

Rusudan Khizanishvili: Come di solito succede, in ogni periodo del mio lavoro artistico uso certi simboli e certi colori, a cui do una valenza ben precisa perché credo nell’importanza del simbolismo nascosto nella mia arte. Negli ultimi quattro anni, la mia pittura è cambiata e sono cambiati anche i simboli: nel mio processo creativo, è come se aprissi una porta sopra un mondo magico per vedere cosa c’è dall’altra parte, così divento l’uomo nel mezzo, tra quel mondo e il pubblico, ed è mio il compito di mostrare le emozioni umane. I simboli rappresentano il messaggio che provo a raccontare a chi mi segue: nel processo di creazione, il cerchio, il cubo, la piramide e tutti gli altri simboli sono il linguaggio principale, l’unica forma di comunicazione tra me e questo splendido, inimmaginabile mondo di arte senza fine. Provo a mostrarlo al mio pubblico, comunicando con loro come si farebbe tramite i Tarocchi: ognuno può vedere le carte in modo diverso, così ognuno può leggere e sentire la mia arte a modo proprio; la mia speranza è di riuscire sempre, attraverso il mio lavoro, a toccare le persone profondamente, il mio obiettivo è di usare l’arte come una medicina e i miei quadri come la prescrizione di tutto ciò di cui ognuno ha bisogno per sentirsi più inspirato e capace di ascoltare i propri sentimenti.

 

A.C.: Le bestie… tutte le bestie nel cuore, nel cervello e nelle viscere… come le hai intrappolate? Parliamo delle bestie, quindi, raccontami di loro, di tutte le bestie che urlano nella tua anima e rendono possibile il tuo incredibile dono.

Rusudan Khizanishvili

Rusudan Khizanishvili: Le bestie! Nella mia arte, le bestie non sono solo soggetti oscuri, sono pure dei guardiani: crescendo in un piccolo paese, dove ho vissuto lunghi periodi difficili, ho sempre pensato di poter vivere con i miei quadri, come un’artista; quindi credo che le mie bestie rappresentino sì quel mio periodo così buio ma, dopo una lunga notte piena di incubi, la mia vita è andata avanti e le bestie sono diventate, ora, titanici guardiani di quel mondo a cui a me soltanto è concesso di andare.

 

A.C.: Le bestie sono guardiani, adesso, ed erano incubi prima. Ma dove sono nati i tuoi mostri?

Rusudan Khizanishvili: Quando i miei fratelli avevano 11 e 13 anni, e io soltanto un anno, mio padre è stato assassinato da un rapinatore. Mia nonna paterna mi ha incolpato di questa tragica morte. Mi sgridava ogni giorno, dicendomi che la mia nascita era stata un brutto presagio. Era una povera donna, non capiva che mi stava ferendo: aveva perso il suo unico figlio e fu la sua più grande tragedia. A quel tempo, mia madre lavorava tutto il giorno… e dopo la scuola, io tornavo tra i libri, alla libreria di casa mia, sedendo lì fino a tarda sera. E scappavo dai mostri. Ma va bene: ci sono tante tragedie, nel mondo, la mia non è così importante. Sono felice che ci sia stata! Credo fermamente che dobbiamo sempre continuare a vivere la nostra vita facendo il meglio per viverla: dopo, quando ci si guarda alle spalle, le bestie terrificanti che ci inseguivano sono ora i guardiani che ci accompagnano.

 

A.C.: Quello che stai raccontando è molto importante invece, Rusa… perché ci permette di capire chi sei veramente. L’artista porta sulle proprie spalle il peso di una sensibilità spesso troppo pesante. Ogni sentimento si dilata, diventa totale, coinvolge completamente, e non sempre è possibile separare la vita reale dal processo creativo, che diventa parte della vita stessa. Spesso, il processo creativo può addirittura diventare vita vera e propria, come se tu dipingessi continuamente o continuamente stessi scrivendo una storia. E diventa difficile uscirne. A te è mai successo? E se sì, come? Dimmi, e dicci, perché sarebbe di grande aiuto sapere qual è la tua esperienza, almeno per me.

Rusudan Khizanishvili: Come artista e come donna, ma anche come essere umano, sono molto sensibile. Quindi, sì, ognuno dei miei sentimenti in qualche modo diventa parte del mio lavoro. Più io creo e più la mia guarigione va avanti e, al tempo stesso, più creativa divento. L’arte è la mia vita e sempre la vita è un’opera arte, questo è il solo modo in cui riesco a vedere il mio viaggio attraverso la vita di un artista. Non ho mai fatto un quadro perché diventasse di successo, ho sempre provato a raccontare la mia storia e non ho mai ascoltato davvero i miei critici, perché tutti noi abbiamo una visione diversa, pensieri diversi e sentimenti diversi. Io sto raccontando la mia storia. Senza competere con nessuno né per vincere una partita. Si tratta solo della mia immaginazione e della medicina per la mia anima.

 

A.C.: Si tratta solo della mia immaginazione e della medicina per la mia anima… credo tu non possa trovare frase più bella per concludere questa nostra chiacchierata. Io ti ringrazio infinitamente per la tua disponibilità… con le tue parole, hai fatto un grande dono a me e a chi ci legge.

Rusudan Khizanishvili: Grazie a te e a tutti voi!    

 

Written by Alessandro Cortese 

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Rusudan Khizanishvili | Oubliette Magazine - [...] http://oubliettemagazine.com/2017/02/01/interview-of-alessandro-cortese-to-rusudan-khizanishvili-to-... No Comments [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: