“Beyond Caravaggio”: il grande pittore e la sua influenza nell’arte al National Gallery, sino al 15 gennaio 2017, Londra

“Beyond Caravaggio”: il grande pittore e la sua influenza nell’arte al National Gallery, sino al 15 gennaio 2017, Londra

ott 23, 2016

The eshibition “Beyond Cravaggio” started on 12 October 2016 and from the outset has been a success of turnouts. Until 15 January 2017 will be possible to visit it at prestigious seat of National Gallery in London.

Beyond Caravaggio - National Gallery

Beyond Caravaggio” is the first major exhibition in the UK to explore the influence of Caravaggio on the art of his contemporaries and followers.

This exhibition is a collaboration between the National Gallery of London, the National Gallery of Ireland, and the National Galleries of Scotland, and offers a unique opportunity to discover a number of hidden art treasures from around the British Isles. The majority of the 49 paintings in the exhibition come from museums, stately homes, castles and private collections across Great Britain and Ireland. These paintings, many of which will be unfamiliar to visitors, will demonstrate how Caravaggio’s art came to inspire a whole generation of painters.

Michelangelo Merisi (Milan, 29 September 1571 – Porto Ercole, 18 July 1610), called Caravaggio, is one of the most influence Italian painter at all time in the world.

After the unveiling of Caravaggio’s first public commission in 1600, artists from across Europe flocked to Rome to see his work but his international renown came later only in XX century after a long period of neglect.

Indeed, by the mid-17th century, however, the Caravaggesque style had fallen out of favour and it would take almost three hundred years for Caravaggio’s reputation to be restored and for his artistic accomplishments to be fully recognized.

Many artists seduced by the pictorial and narrative power of his paintings, attempted to imitate his naturalism and dramatic lighting effects.

Beyond Caravaggio National Gallery - Foto Edward Lucie-Smith

Paintings by Caravaggio and his followers were highly sought after in the decades following his sudden death at the age of just 39.

In his paintings, an exquisite and appearances use of light is combined with analysis of the human state both bodily and emotional. Caravaggio’s practice of painting from life and his use of chiaroscuro (strongly contrasted lighting effects) were quickly emulated, but artists did not simply replicate his style; taking Caravaggio’s works as their starting point, they responded to different aspects of his art and developed their own individual approaches. Giovanni Baglione’s Ecstasy of Saint Francis (1601, The Art Institute of Chicago) is the first truly Caravaggesque painting by another artist; Orazio Gentileschi, who was a friend of Caravaggio’s, is represented by two very different works, whilst his immensely talented daughter, Artemisia, is present in the exhibition with Susannah and the Elders (1622, The Burghley House Collection). Christ displaying his Wounds (about 1625-35, Perth Museum and Art Gallery) by Giovanni Antonio Galli (called Lo Spadarino) is one of the most striking and memorable paintings in the show.

Caravaggio’s greatest legacy was the enduring power of his storytelling. He injected new life into biblical stories, often blurring the lines between sacred and profane subjects, such as in Saint John the Baptist in the Wilderness (1603-4, The Nelson-Atkins Museum of Art, Kansas City). This will be shown alongside masterpieces by his followers, such as Nicolas Régnier’s Saint Sebastian tended by the Holy Irene and her Servant (about 1626-30, Ferens Art Gallery, Hull – generously lent during Hull’s UK 2017 City of Culture celebrations) and Gerrit van Honthorst’s Christ before the High Priest (about 1617, The National Gallery, London).

Bringing together exceptional works by Caravaggio and the Italian, French, Flemish, Dutch, and Spanish artists he inspired, “Beyond Caravaggio” examines the international artistic phenomenon known as Caravaggism.

“Beyond Caravaggio” curator Letizia Treves saysThe National Gallery is fortunate enough to have three paintings by Caravaggio, each from a different phase of his career, but we are not normally able to show these works in context in our galleries. The inspiration for this exhibition came from wanting to display these paintings alongside others by Caravaggio’s followers, and to demonstrate the extraordinary breadth and range of his influence on a whole generation of painters.

Director of the National Gallery, Dr Gabriele Finaldi, saysFour centuries on, Caravaggio’s art still retains the power to inspire, awe and surprise. The exhibition shows how his revolutionary paintings, which were praised and damned in equal measure by his contemporaries, had a profound impact on dozens of artists from all over Europe, giving rise to a truly international phenomenon. Visitors will be able to see many works that will be new to them.

The most famous works are “Boy with a basket of fruit” (1593), “Cardsharps” (1594), “Bacchus” (1595), “Saint Francis of Assisi in Ecstasy” (1595), “Medusa” (1596), “Lute Player” (1596), “John the Baptist” (1598), “Judith Beheading Holofernes” (1599), “Narcissus” (1599), “Calling of Saint Matthew” (1600), “Martyrdom of Saint Matthew” (1600), “Conversion of Saint Paul” (1600), “Supper at Emmaus” (1601), “Taking of Christ” (1602), “Amor vincit omnia” (1602), “Sacrifice of Isaac” (1603), “Saint Jerome” (1606), “Death of the Virgin” (1606), “David with the Head of Goliath” (1607), “Seven Works of Mercy” (1607), “Salome with the Head of John the Baptist” (1607).

Caravaggio was led as being a troubled mind that characterized his short lives, infact, for many times he was exposed at complaints and arrested for extreme violent behavior against various people.

But his life changed when in 28 May 1606 he killed a man during a fight and from this date the painter was forced to escape because he was sentenced to death.

However, in the artist’s madness and violence were the whole point of his creation and pure avantguard and probably the clarity of his painting were a redemption of his soul, somehow.

Therefore, the appointment with this great Italian genius is every day from 10:00 until 18:00 and on Friday 10:00 until 21:00 at National Gallery in London.

Opening hours

Open to public: 12 October 2016 Daily 10am–6pm (last admission 5pm)

Fridays 10am–9pm (last admission 8.15pm)

Admission

Full price – £16

Senior/Concession/Disabled visitors (carers FREE) – £14

Job seeker/Student/Art Fund/12–18s – £7

Under 12s (ticket required) Free

Members go free

Tickets

For advance tickets to Beyond Caravaggio please visit or call 0800 912 6958 (booking fee). You can also book tickets by post and in person from the Gallery. Overseas customers can contact us by dialling +44 020 7126 5573.

 

- In traduzione in lingua italiana

Beyond Caravaggio - National Gallery _Foto EFE - Will Oliver

La mostra “Beyond Caravaggio” ha visto il suo inizio il 12 ottobre 2016 e sin da subito è stata accolta con grande successo dal pubblico. Sino al 15 gennaio 2017 sarà possibile visitarla presso la prestigiosa sede del National Gallery a Londra.

Beyond Caravaggio” è la prima grande mostra in UK che esplora l’influenza di Caravaggio nell’arte contemporanea e fra i suoi seguaci.

La mostra vede la collaborazione tra la National Gallery di Londra, la National Gallery di Irlanda e la National Gallery di Scozia, ed offre un’opportunità unica di scoprire vari tesori artistici nascosti delle isole britanniche. La maggior parte dei 49 dipinti in mostra proviene da musei, case signorili, castelli e collezioni private di Gran Bretagna e Irlanda. Questi dipinti, molti dei quali sono sconosciuti ai visitatori, dimostreranno come l’arte di Caravaggio ha ispirato un’intera generazione di pittori.

Michelangelo Merisi (Milano, 29 settempre 1571 – Porto Ercole, 18 luglio 1610), chiamato Caravaggio, è uno dei più influenti pittori italiani di tutti i tempi nel mondo.

Dopo l’inaugurazione della prima commissione pubblica di Caravaggio nel 1600, gli artisti da tutta Europa giunsero a Roma per visionare i suoi lavori ma la fama internazionale arrivò tardi, e solo nel XX secolo, dopo un lungo periodo di oblio.

Infatti, dal XVII secolo, lo stile caravaggesco cadde e si dovette aspettare trecento anni per restaurare la reputazione di Caravaggio e per il completo riconoscimento dei suoi risultati artistici.

Molti artisti sedotti dalla potenza dell’immagine e dalla narrazione dei suoi dipinti, tentarono di imitare il suo naturalismo e l’effetto drammatico della luce.

I dipinti di Caravaggio ed i suoi segaci sono stati altamente ricercati dopo i decenni seguenti la sua improvvisa morte alll’età di 39 anni.

Nei suoi dipinti, l’uso eccellente e scenografico della luce è combinato con l’analisi dello stato umano tra corpo ed emozione. La vivacità dello stile pittorico di Caravaggio e il suo uso del chiaroscuro (effetti luminosi altamente contrastanti) furono presto emulati, ma gli artisti non replicavano solamente il suo stile; presero le opere di Caravaggio come punto di partenza per poi rispondere a diversi aspetti della sua arte e sviluppare i propri approcci personali. L’Estasi di San Francesco (1601, The Art Institute of Chicago) di Giovanni Baglione è il primo vero dipinto caravaggesco di un altro artista; Orazio Gentileschi, amico di Caravaggio, è rappresentato con due opere molto diverse, mentre la sua talentuosissima figlia, Artemisia, è presente in mostra con Susanna e i vecchioni (1622, The Burghley House Collection). Cristo che mostra le sue ferite (1625-35 circa, Perth Museum and Art Gallery) di Giovanni Antonio Galli (detto Lo Spadarino) è uno dei più sorprendenti e memorabili dipinti in mostra.

Il lascito maggiore di Caravaggio è il potere duraturo della sua narrazione. Iniettò nuova linfa alle storie bibliche, spesso sfumando la distinzione tra soggetti sacri e profani, come in San Giovanni Battista nel deserto (1604-5, The Nelson-Atkins Museum of Art, Kansas City). Questo dipinto verrà esposto insieme a capolavori dei suoi seguaci, quali San Sebastiano curato da Sant’Irene (1626-30 circa, Ferens Art Gallery, Hull – gentile concessione durante i festeggiamenti di Hull – Città della Cultura 2017) di Nicolas Régnier e Cristo davanti ai preti di Gerrit van Honthorst (1617 circa, The National Gallery, Londra).

Cena in Emmaus - Caravaggio

Beyond Caravaggio” esamina il fenomeno artistico internazionale che conosciamo come Caravaggismo portando insieme gli eccezionali lavoro di Caravaggio e gli artisti italiani, francesi, fiamminghi, tedeschi e spagnoli che lui ispirò.

Letizia Treves, curatrice di “Beyond Caravaggio” commenta: “La National Gallery può ritenersi fortunata di possedere tre dipinti di Caravaggio, ognuno appartenente a una fase diversa della sua carriera, ma solitamente nelle nostre gallerie non siamo in grado di mostrare queste opere in contesto. L’ispirazione per questa mostra deriva dal voler esporre questi dipinti insieme ad altri dei seguaci di Caravaggio e di dimostrare la portata e la rilevanza della sua influenza su un’intera generazione di pittori.”

Il direttore della National Gallery, Dott. Gabriele Finaldi, afferma: “Quattro secoli dopo, l’arte di Caravaggio mantiene il potere di ispirare, stupire e sorprendere. L’esposizione mostra come i suoi dipinti rivoluzionari, lodati e criticati allo stesso tempo dai suoi contemporanei, ebbero un impatto profondo su dozzine di artisti da tutta Europa, dando luogo a un vero e proprio fenomeno internazionale. I visitatori potranno ammirare molte opere mai viste prima.”

Difficile fare una scelta fra tutte le opere del grande Caravaggio ma possiamo di sicuro elencare I maggiori: “Fanciullo con canestro di frutta” (1593), “I giocatori di carte” (1594), “Bacco” (1595), “San Francesco in estasi” (1595), “Medusa” (1596), “Suonatore di liuto” (1596), “San Giovanni Battista” (1598), “Giuditta e Oloferne” (1599), “Narciso” (1599), “Vocazione di San Matteo” (1600), “Martirio di San Matteo” (1600), “Conversione di San Paolo” (1600), “Cena in Emmaus” (1601), “Cattura di Cristo” (1602), “Amor vincit omnia” (1602), “Sacrificio di Isacco” (1603), “San Girolamo” (1606), “Morte della Vergine” (1606), “Davide con la testa di Golia” (1607), “Sette opera di Misericordia” (1607), “Salomè con la testa del Battista” (1607).

Caravaggio fu dominato da una mente selvaggia che caratterizzò la sua vita, infatti, per molte volte fu esposto a condanne ed arrestato per estrema violenza contro varie persone.

Ma la sua vita cambiò quando il 28 maggio 1606 uccise un uomo durante una rissa e da quella data il pittore fu costretto a scappare perché fu condannato a morte.

Tuttavia, la follia e la violenza nell’artista sono il punto focale della sua creazione e pura avanguardia e probabilmente la lucidità dei suoi dipinti sono la redenzione della sua anima, in qualche modo.

Pertanto, l’appuntamento con questo grande genio italiano è ogni giorno dalle 10:00 alle 18:00 e venerdì dalle 10:00 alle 21:00 presso il National Gallery a Londra.

Apertura al pubblico

12 ottobre 2016 Orario giornaliero 10–18 (ultimo ingresso ore 17)

Venerdì 10–18 (ultimo ingresso ore 20.15)

Ingresso

Intero – £16

Senior/Ridotto/Disabili (accompagnatori gratis) £14

Disoccupati/Studenti/Membri dell’Art Fund/Ragazzi 12–18 anni £7

Minori di 12 anni (richiesto biglietto) – gratis

I Soci entrano Gratis

Biglietti

Per prenotare i biglietti per “Beyond Caravaggio”, si prega di visitare il sito o di chiamare il numero 0800 912 6958 (costo di prenotazione applicato). È inoltre possibile prenotare i biglietti per posta o di persona presso la biglietteria del museo. Dall’estero si prega di contattare il numero +44 (0)20 7126 5573.

 

 

Info

Sito National Gallery

Facebook National Gallery

 

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>