“Il canto della Vergine”, poesia di Natale di Lope de Vega

“Il canto della Vergine”, poesia di Natale di Lope de Vega

Dic 13, 2015

“Il canto della Vergine” di Lope de Vega

 

 

Natale - Betlemme

Tra le palme volando,

angeli santi,

fermate i rami,

che il mio bimbo dorme.

Voi palme di Betlem,

che irosi muovono

i furiosi venti

risuonanti:

il frastuono sedate,

fate piano,

fermate i rami

ché il mio bimbo dorme.

Il pargolo divino

s’è sfinito

Buon Natale

a piangere chiedendo

in terra pace:

quietar vuole nel sonno

il lungo pianto.

Angeli santi

che volando andate,

fermate i rami

ché il mio bimbo dorme.”

 

Félix Lope de Vega y Carpio (Madrid, 25 novembre 1562 – Madrid, 27 agosto 1635) è stato uno scrittore, poeta e drammaturgospagnolo. Visse nel siglo de oro spagnolo. Fu incredibilmente prolifico ed è nel numero ristretto dei più famosi autori di teatro del mondo. Cervantes lo definì Monstruo de NaturalezaProdigio della natura, per la sua facilità nello scrivere. Lope de Vega coltivò ogni tipo di genere letterario, eccetto che il romanzo picaresco. La sua vita e la sua opera furono caratterizzate del resto sempre da estrema esuberanza. Fu amico di Quevedo e di José de Valdivielso, ma anche rivale di Alarcón e Cervantes.

 

Info

Clicca QUI per leggere poesie e racconti di Natale

 

One comment

  1. Poesia ancor oggi drammaticamente vera e sublime.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: