“L’unica soluzione possibile” di Nicola Rocca: lucida follia e violenza domestica nel nuovo racconto

“Il terzo messaggio è di Davide. L’ha inviato un quarto d’ora fa. Quando sento la sua voce strozzata dai singhiozzi, capisco subito che qualcosa non va. Ecco, ci siamo. Il mio amico ha combinato una cazzata. Una grossa cazzata. Ha fatto la sua scelta nel modo più tragico, difficile e spaventoso possibile.”

L'unica soluzione possibile

Un messaggio lasciato in segreteria da un caro amico può cambiare irrimediabilmente la nostra vita. Soprattutto se questa persona ha intenzione ormai da tempo di compiere un gesto folle e noi siamo consci di dovergli dare una mano, qualunque cosa accada.

Questo è l’inizio del nuovo racconto dello scrittore Nicola Rocca dal titolo “L’unica soluzione possibile (aprile 2015), autopubblicazione disponibile su Amazon.

Un uomo ormai stanco del trattamento riservatogli dall’amata moglie che lo tradisce di continuo, decide di porre fine a questa situazione che perdura da anni. Decide così di dare sfogo al suo folle piano mettendo al corrente il suo migliore amico, forse come ultimo tentativo di trovare sostegno da parte di chi gli è stato sempre accanto con sincerità.

L’amico accorre pur con la consapevolezza che potrebbe ritrovarsi coinvolto in qualcosa di sconvolgente.

Un racconto breve ricco però di suspense e dal finale a sorpresa, come a voler ricordare al lettore che nulla è mai come inizialmente si crede. Importante è inoltre la componente psicologica che ritroviamo soprattutto nel protagonista nel momento in cui immagina la vicenda pur non avendo avuto alcun riscontro al riguardo, facendo così leva sulle antiche e sempre valevoli angosce dell’uomo. Protagonista è poi certamente il tema della violenza sulle donne.

Ancora una volta Nicola Rocca, autore bergamasco residente a Carvico, a circa quindici chilometri dal capoluogo, classe 1982, mostra la sua bravura nel creare una storia con elementi rinvianti al genere giallo.

Nicola Rocca

Nonostante questi abbia cominciato a scrivere solamente da pochi anni ha già ricevuto importanti soddisfazioni risultando vincitore di vari concorsi letterari nazionali e ritrovandosi nell’ottobre 2014 tra i finalisti del “Premio Letteratura Italiana” con il racconto breve “Un rospo in gola”.

Con il suo primo romanzo, “Chi era mio padre?” ha scalato le classifiche di Amazon, rimanendo in vetta per più di tre settimane, e nel febbraio 2015 è risultato tra i vincitori del Premio letterario Giallo Club, ottenendo la pubblicazione del racconto breve “Voci”.

L’unica soluzione possibile” si presenta come una sorta di ringraziamento da parte dell’autore ai lettori che già lo conoscono in attesa dell’uscita, entro la fine del 2015, del nuovo romanzo. Non ci resta quindi che attendere il prossimo scritto di Nicola Rocca.

 

Written by Rebecca Mais

 

Un pensiero su ““L’unica soluzione possibile” di Nicola Rocca: lucida follia e violenza domestica nel nuovo racconto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: