“Bloody Daughter”, la pianista Martha Argerich raccontata dalla figlia Stéphanie

“Bloody Daughter”, la pianista Martha Argerich raccontata dalla figlia Stéphanie

Apr 2, 2015

Un documentario firmato da Stéphanie Argerich svela i retroscena intimi delle sue origini, a partire dai suoi genitori, i pianisti Martha Argerich e Stephen Kovacevich. La storia di una famiglia allargata, amori, rinunce e scoperte, delineano le vicende intime di una pianista che ha fatto della sua vita un’opera d’arte.

Martha Argerich - Stéphanie Argerich

A oltre un anno dall’uscita scopro Bloody Daughter, documentario autobiografico realizzato da Stéphanie Argerich, regista al suo primo lungometraggio, oltre che figlia d’arte di due nomi di spicco della musica classica internazionale, Martha Argerich e Stephen Kovacevich. Una ricostruzione di vicende familiari così esclusiva e profonda che nessuno poteva rendere meglio di una figlia.

La coppia Argerich-Kovacevich, così riservata e restia alle curiosità esterne, si apre ai quesiti della regista e alla presenza invasiva dell’occhio esterno in momenti di raccoglimento familiare.

Ma è in particolare sul mondo materno che ci si sofferma, su quella Martha-pianista impeccabile sul palcoscenico, prodigio argentino della musica classica con riconoscimenti in tutto il mondo, artista forte e sensibile, misteriosa e indefinibile, riferimento essenziale per il mantenimento di un equilibrio saldo tra le sue tre figlie.

Bloody Daughter

Nate da padri diversi, Stéphanie e le sue sorelle, Lyda Chen e Annie Dutoit – figlie dei direttori d’orchestra Robert Chen e Charles Dutoit – raccontano dell’educazione fuori dal normale di un’artista sempre in giro per i teatri di tutto il mondo.

Mai invadente o celebrativa, l’analisi esplora con estrema delicatezza il rapporto non ordinario tra madre e figlia, portando alla luce la figura di un’artista ammantata di mistero, poco incline a etichette e definizioni, seguita  in maniera informale nella vita di tutti i giorni, durante lo studio, le prove o nei concerti.

Con il supporto di video e ricordi della sua infanzia, oltre che delle testimonianze delle sorelle, la regista mette insieme tasselli della vita materna, a partire dai primi anni in Argentina, per arrivare agli studi tra Europa e Stati Uniti, alle tre figlie e al rapporto recuperato con la primogenita ormai adolescente.

Pur ammettendo lo shock di scoprire l’esistenza della più grande delle sorelle molto tardi, Stéphanie Argerich, unica tra le figlie della pianista ad avere il cognome della madre  e non ufficialmente riconosciuta dal padre fino alle riprese del documentario, si dimostra estremamente rispettosa delle personalità complicate di entrambi i genitori.

Bloody Daughter

Cosciente di un’educazione assolutamente fuori dal normale, in cui la più grande trasgressione delle figlie era mostrare i compiti alla madre, la presenza e il peso delle figure femminili è preponderante. Pur avendo un rapporto amichevole con il padre – i genitori di Stéphanie non hanno mai vissuto insieme – dalla madre non riceverà mai veramente risposte durante il film: non ci sono spiegazioni ai primi mesi in orfanotrofio della primogenita, né al rapporto con Kovacevich o alle precedenti unioni, uomini in definitiva completamente assenti dalla vita dell’artista.

L’unico vero, grande amore della Argerich, fedele al tempo e alla successione degli eventi di una vita, è il pianoforte. Dove non arrivano le parole arriva la sua musica, la sua predilezione per Chopin e Schumann, una sensibilità profonda di interprete che sostiene il peso della perenne fanciullezza di un talento schiacciante.

Consigliato agli appassionati di musica classica, ma anche a chi è attratto a esplorare i rapporti umani e le dinamiche familiari.

 

Written by Irma Silletti

 

 

2 comments

  1. Franca /

    Desidererrei sapere il nome del Direttore d’Orchestra che si intravede nel film mentre la Marta Argerich suona il pianoforte.
    Grazie!

  2. Irma Silletti /

    Si tratta di Jacek Kaspszyk. Il concerto ebbe luogo nel 2010 a Varsavia, nel paese natìo di Chopin.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Bloody Daughter”, la pianista Martha Argerich raccontata dalla figlia Stéphanie - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Un documentario firmato da Stéphanie Argerich svela i retroscena intimi delle sue origini, a partire dai suoi genitori, i…
  2. “Bloody Daughter”, la pianista Martha Argerich raccontata dalla figlia Stéphanie - [...] Posted by Oubliette MagazinecloseAuthor: Oubliette MagazineName: A.M. Email: oubliettemagazine@hotmail.it Site: http://oubliettemagazine.com/ About: See Authors Posts (4313) in CINEMA, Recensioni…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: