Vanessa Winship in mostra con gli scatti della memoria, sino al 15 febbraio 2015, Milano

Vanessa Winship in mostra con gli scatti della memoria, sino al 15 febbraio 2015, Milano

Gen 16, 2015

In esposizione presso la Fondazione Stelline di Milano fino al 15 febbraio più di 100 scatti in bianco e nero ripercorrono la carriera di Vanessa Winship. Prima donna a ricevere il prestigioso premio Henri Cartier-Bresson, la fotografa inglese si espone tra paesaggi, corpi e identità in grado di ripercorrere le memorie del passato e scorgere le incertezze del futuro.

Vanessa Winship

Una mostra fotografica che illustra in un centinaio di istantanee in bianco e nero la carriera di Vanessa Winship, fotografa nata nel Regno Unito nel 1960, raccontata dagli inizi della sua carriera nei Balcani, fino ai suoi ultimi lavori ad Almerìa, in Spagna.

Uno scenario di profondo impatto emotivo, in cui sono fortemente percepibili il contrasto tra passato e presente e le conseguenze delle vicende politiche e sociali sui corpi di differenti generazioni.

Avendo vissuto e lavorato per più di un decennio tra Balcani, Turchia e Caucaso, la Winship comincia ad esplorare la storia di ciascuno dei paesi in cui si trova e a delineare una linea comune tra le identità, i paesaggi, la storia politica e i conflitti che hanno segnato definitivamente l’evoluzione dei luoghi che ha scelto.

La fotografia è un processo di alfabetizzazione, un cammino di comprensione”, afferma la fotografa, che nel corso degli anni delinea il suo personale modo di affrontare luoghi che riflettono i volti e la personalità dei suoi abitanti.

Vanessa Winship Balkan-Photography

Costruisce i suoi lavori suddividendoli per aree, ciascuna delle quali viene ricordata con brevi cenni dell’artista: “Imagined States and Desires: A Balkan Journey”, “Black Sea: Between Chronicle and Fiction”, “Sweet Nothings: Schoolgirls of Eastern Anatolia” e “Georgia. SeedsCarried by the Wind”.

Dalla fine degli anni ’90 nei Balcani esplora attraverso l’asprezza del paesaggio l’essenza del popolo albanese, reduce da un passato pieno di insidie, in cui gli stenti non sembrano voler andar via facilmente. Dai primi anni del 2000 esplora la natura, contempla e ammira l’immensità del Mar Nero, luogo unificatore di paesi differenti davanti al quale, con rinnovate istantanee, ne esplora i segreti rispettandone tuttavia la forza maestosa e irraggiungibile e accettandone la superiorità.

Dalla fine degli anni 2000, tra Georgia e Turchia, raffigura in particolare corpi umani, quasi a voler scavare nelle caratteristiche fisiche per raffigurare attraverso i volti contemporanei la malinconia di un passato fatto di rituali ciclici.

Concentrandosi su particolari intimi e personali come lo sguardo, l’abbigliamento, il modo di posare davanti all’obiettivo, la Winship restituisce in questa fase un quadro estremamente sincero di quanto la circonda.

Vanessa Winship A-Balkan-journey

Gli ultimi lavori ripercorrono viaggi negli Stati Uniti e in Spagna. Con il progetto americano “She dances on Jackson. United States” si fa avanti il dubbio della fotografa nei confronti del decantato “sogno americano”, in una terra che la stessa Winship ammette di non sentire familiare e per cui nutre probabilmente meno fiducia.

In “Almeria. Where Gold was found”, infine, vengono eliminare le raffigurazioni dei corpi per far spazio all’immensità dei paesaggi, analizzati in quest’ultima fase professionale nel silenzio e nell’anonimato,  veri protagonisti dei giorni nostri.

 

Written by Irma Silletti

 

 

One comment

  1. Irma Silletti /

    Vista l’alta partecipazione di pubblico la personale di Vanessa Winship è stata prorogata fino al 22 marzo. More info @F_Stelline

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Vanessa Winship in mostra con gli scatti della memoria, sino al 15 febbraio 2015, Milano - oubliettemagazine - Webpedia - [...] In esposizione presso la Fondazione Stelline di Milano fino al 15 febbraio più di 100 scatti in bianco e…
  2. Vanessa Winship e gli scatti della memoria, in mostra fino al 15 febbraio 2015, Milano - [...] Posted by Oubliette Magazine in ARTE, EVENTI, Fotografia, Fotografia, Resoconti | 1 comment [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: