“Golden Globe 2015”: Boyhood e The Grand Budapest Hotel tra i migliori film, nessuna statuetta per True Detective

“Golden Globe 2015”: Boyhood e The Grand Budapest Hotel tra i migliori film, nessuna statuetta per True Detective

Gen 13, 2015

Nella notte del 12 gennaio 2015, ora italiana, si è svolta a Beverly Hills la consegna degli ambiti globi d’oro che annualmente rappresenta una sorta di anticipazione nei confronti degli Oscar che verranno assegnati il 22 febbraio.

Golden Globes 2015

Le candidature, annunciate l’11 dicembre 2014 da Kate Beckinsale, Peter Krause, Paula Patton, Jeremy Piven e Greer Grammer, hanno presentato numerose interessanti pellicole, così come per le serie televisive e i film animati.

Ad essere candidati come miglior film drammatici “Boyhood” di Richard Linklater, “Foxcatcher” di Bennett Miller, “The Imitation game” di Morten Tyldum “Selma” di Ava DuVernay e “The Theory of Everything” di James Marsh.

Ad ottenere il globo è stato “Boyhood”, pellicola che ha necessitato di ben 12 anni di lavorazione. 12 sono stati infatti gli anni adoperati per riprendere la vita e la crescita del protagonista, Mason, interpretato da Ellar Coltrane, e il suo rapporto con i genitori divorziati, interpretati da Ethan Hawke e Patricia Arquette. Quest’ultima ha ottenuto il globo come miglior attrice non protagonista. Golden Globe anche al regista Richard Linklater. Il film è uscito nelle sale italiane ad ottobre ma non ha goduto di particolare attenzione, nonostante l’assegnazione dell’orso d’argento per la miglior regia all’edizione 2014 del Festival di Berlino.

Golden Globes 2015

Per la categoria miglior commedia i candidati erano “Birdman” di Alejandro González Iñárritu, “The Grand Budapest Hotel” di Wes Anderson, “Into the Woods” di Rob Marshall, “Pride” di Matthew Warchus e “St. Vincent” di Theodore Melfi. Ad ottenere il globo d’oro “The Grand Budapest Hotel”, così come Wes Anderson per la migliore regia e a Ralph Fiennes come Miglior attore in un Musical o Comedy.

“The Grand Budapest Hotel” è una commedia brillante, con un giallo da risolvere al suo interno, che si ispira alle opere dello scrittore austriaco Stefan Zweig.

Il film è uscito nelle sale italiane nell’aprile 2014 e nel corso dell’anno ha ricevuto diversi riconoscimenti: il New York Film Critics Circle Award a Wes Anderson per la miglior sceneggiatura; sempre ad Anderson il Gran Premio della giuria del Festival Internazionale del cinema di Berlino; il David di Donatello come miglior film straniero; il Nastro d’Argento a Milena Canonero per i migliori costumi.

The Grand Budapest Hotel

Per quanto riguarda le serie televisive, come miglior serie drammatica ha ricevuto la statuetta “The affair, ancora inedita in Italia e vede tra gli attori principali Dominic West, Ruth Wilson, Maura Tierney e Joshua Jackson. Come miglior serie comedy o musical ha invece vinto “Transparent”, prodotta dagli Amazon Studios, creata e prodotta da Jill Soloway, che ha come protagonista un transgender. Tra gli interpreti principali Jeffrey Tambor, Amy Landecker, Gaby Hoffmann, Jay Duplass e Judith Light.

Tra le miniserie (o film tv) candidati ci si aspettava che la statuetta andasse a “True Detective” ma ad usurparlo è arrivato “Fargo”, altrettanto meritevole. Gli altri candidati erano “Olive Kitteridge”, “The Missing” e “The Normal Heart”.

La prima serie di “True Detective”, diretta da Cary Joji Fukunaga, è stata trasmessa negli Stati Uniti nel gennaio del 2014 ed in Italia nell’ottobre dello stesso anno dal canale Sky Atlantic. Protagonisti i due detective Rust Cohle (Matthew McConaughey) e Marty Hart (Woody Harrelson) alle prese con la caccia ad un serial killer, durata ben 17 anni, nello Stato della Luisiana. Le interpretazioni di entrambi gli attori è davvero mirabile ed è un peccato che non sia toccata loro neppure una statuetta.

Fargo

Certamente la concorrenza era spietata, “Fargo” colpisce tanto quanto “True Detective” e la scelta non deve essere stata per nulla semplice. Si tratta anche in questo caso di una serie antologica e prende ispirazione dall’omonimo film del 1996 dei fratelli Coen che sono anche tra i produttori esecutivi della serie.

La prima stagione è ambientata nel 2006, in due cittadine del Minnosota, in un inverno ricco di neve e gelo. A giungere qui è l’inquietante Lorne Malvo il quale porta avanti cruenti piani criminali e porta delle normali persone a commettere degli omicidi. A seguire le vicende è l’agente di polizia Molly Solverson. Tra gli attori troviamo Billy Bob Thornton, che si aggiudica il globo come miglior attore nella miniserie, Martin Freeman (il Bilbo Beggins de “Lo Hobbit” e Dottor Watson nella serie “Sherlock”), Allison Tolman e Colin Hank, figlio del grande Tom.

Come miglior film d’animazione ha invece trionfato “Dragon Trainer 2”: anche qui la scelta non è stata semplice dal momento che i concorrenti erano “Big Hero 6”, “Il libro della vita”, “Boxtrolls” e “The Lego Movie”.

Ora non ci resta che attendere poco più di un mese per conoscere gli assegnatari degli Oscar 2015, il premio cinematografico più importante in assoluto e scoprire le sorprese che ci verranno riservate.

GOLDEN GLOBES ASSEGNATI

MIGLIOR FILM DRAMMATICO

Boyhood

Foxcatcher

The Imitation Game

Selma

La teoria del tutto

MIGLIOR FILM COMMEDIA O MUSICALE

Birdman

The Grand Budapest Hotel

Into the Woods

Pride

St. Vincent

MIGLIOR REGISTA

Wes Anderson – The Grand Budapest Hotel

Ava DuVernay – Selma

David Fincher – L’amore bugiardo

Alejandro Gonzales Inarritu – Birdman

Richard Linklater – Boyhood

MIGLIOR ATTORE IN UN FILM DRAMMATICO

Steve Carrell – Foxcatcher

Benedict Cumberbatch – The Imitation Game

Jake Gyllenhaal – Lo sciacallo

David Oyelowo – Selma

Eddie Redmayne – La teoria del tutto

MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM DRAMMATICO

Jennifer Aniston – Cake

Felicity Jones – La teoria del tutto

Julianne Moore – Still Alice

Rosamund Pike – L’amore bugiardo

Reese Whitherspoon – Wild

MIGLIOR ATTRICE IN UN FILM COMMEDIA O MUSICALE

Amy Adams – Big Eyes

Emily Blunt – Into the Woods

Helen Mirren – Amore, cucina e curry

Julianne Moore – Maps to the Stars

Quvenzhané Wallis – Annie

MIGLIOR CANZONE ORIGINALE

“Big Eyes” – Big Eyes

“Glory” – Selma

“Mercy Is” – Noah

“Opportunity” – Annie

“Yellow Flicker Beat” – Hunger Games: Il canto della rivolta – Parte 1

MIGLIOR ATTORE IN UN FILM COMMEDIA O MUSICALE

Ralph Fiennes – The Grand Budapest Hotel

Michael Keaton – Birdman

Bill Murray – St. Vincent

Joaquin Phoenix – Vizio di forma

Christoph Waltz – Big Eye

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA

Patricia Arquette – Boyhood

Jessica Chastain  – A Most Violent Year

Keira Knightley – The Imitation Game

Emma Stone – Birdman

Meryl Streep – Into the Woods

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA

Robert Duvall – The Judge

Ethan Hawke – Boyhood

Edward Norton – Birdman

Mark Ruffalo – Foxcatcher

J.K. Simmons – Whiplash

MIGLIOR FILM IN LINGUA INGLESE

Force Majeure

Viviane

Ida

Leviathan

Tangerines / Mandariinid

MIGLIOR SCENEGGIATURA 

The Grand Budapest Hotel

Gone Girl

Birdman

Boyhood

The Imitation Game

MIGLIOR COLONNA SONORA ORIGINALE

Birdman

The Imitation Game

L’amore bugiardo

Interstellar

La teoria del tutto

MIGLIOR FILM D’AZIONE

Big Hero 6

Il libro della vita

Boxtrolls

Dragon Trainer 2

The Lego Movie

MIGLIOR SERIE – DRAMA

Downton Abbey

House of Cards

Il Trono di Spade

The Affair

The Good Wife

MIGLIOR SERIE – COMEDY O MUSICAL

Girls

Jane the Virgin

Orange Is the New Black

Silicon Valley

Transparent

MIGLIOR ATTORE IN UNA SERIE – DRAMA

Clive Owen, The Knick

Liev Schreiber, Ray Donovan

Kevin Spacey, House of Cards

James Spader, The Blacklist

Dominic West, The Affair

MIGLIOR ATTRICE IN UNA SERIE – DRAMA

Claire Danes, Homeland

Viola Davis, How to Get Away With Murder

Julianna Margulies, The Good Wife

Ruth Wilson, The Affair

Robin Wright, House of Cards

MIGLIOR ATTORE IN UNA SERIE – COMEDY O MUSICAL

Louis C.K., Louie

Don Cheadle, House of Lies

Ricky Gervais, Derek

William H. Macy, Shameless

Jeffrey Tambor, Transparent

MIGLIOR ATTRICE IN UNA SERIE – COMEDY O MUSICAL

Lena Dunham, Girls

Edie Falco, Nurse Jackie

Julia Louis-Dreyfus, Veep

Gina Rodriguez, Jane the Virgin

Taylor Schilling, Orange Is the New Black

MIGLIOR MINISERIE O FILM TV

Fargo

Olive Kitteridge

The Missing

The Normal Heart

True Detective

MIGLIOR ATTORE IN UNA MINISERIE O FILM TV

Martin Freeman, Fargo

Woody Harrelson, True Detective

Matthew McConaughey, True Detective

Mark Ruffalo, The Normal Heart

Billy Bob Thornton, Fargo

MIGLIOR ATTRICE IN UNA MINISERIE O FILM TV

Maggie Gyllenhaal, The Honorable Woman

Jessica Lange, American Horror Story: Freak Show

Frances McDormand, Olive Kitteridge

Frances O’Connor, The Missing

Allison Tolman, Fargo

MIGLIOR ATTORE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV

Matt Bomer, The Normal Heart

Alan Cumming, The Good Wife

Colin Hanks, Fargo

Bill Murray, Olive Kitteridge

Jon Voight, Ray Donovan

MIGLIOR ATTRICE NON PROTAGONISTA IN UNA SERIE, MINISERIE O FILM TV

Uzo Aduba, Orange Is the New Black

Kathy Bates, American Horror Story: Freak Show

Joanne Froggatt, Downton Abbey

Allison Janey, Mom

Michelle Monaghan, True Detective

 

Written by Rebecca Mais

 

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Golden Globe 2015″: Boyhood e The Grand Budapest Hotel tra i migliori film, nessuna statuetta per True Detective - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Nella notte del 12 gennaio 2015, ora italiana, si è svolta a Beverly Hills la consegna degli ambiti globi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: