“Il Destino” di Yusuf Shahin: la storia del grande filosofo e pensatore arabo Avveroè

“Il Destino” di Yusuf Shahin: la storia del grande filosofo e pensatore arabo Avveroè

Set 4, 2014

Per chi non lo sapesse il cinema egiziano è uno dei più vecchi al mondo. La prima proiezione cinematografica in assoluto fu presentata nel dicembre del 1895 a Parigi e solo un anno più tardi, il cinema sbarcava anche in Egitto, nel novembre del 1896.

Uno dei più importanti registi, che hanno contribuito alla fama del cinema egiziano, è stato senza ombra di dubbio Yusuf Shahin (conosciuto in occidente come Youssef Chahine), un regista di stampo diverso, che oltre ad essere conosciuto ed apprezzato nel suo paese ha avuto una fama  a livello internazionale non di poco conto. È un regista di capolavori intramontabili, particolari e pieni di significati.

Ho deciso di parlare del film “Il Destino” per due motivi. Il primo perché ritengo sia uno dei classici del cinema egiziano e in quanto tale merita veramente di essere visto ed  è uno dei pochi film egiziani che hanno il doppiaggio in italiano.

Di per sé è un film che racchiude  tanti significati  e soprattutto contenuti applicabili a tutta l’umanità. Il secondo motivo è perché  ritengo che il protagonista Avveroè, uno dei pensatori più moderati, razionali e interessanti del pensiero  arabo islamico, sia un personaggio di estrema attualità, uno dei grandi colossi della cultura arabo islamica e sopratutto perché rappresenta un grande ponte di conoscenza e di congiunzione tra i due mondi, il mondo occidentale e il mondo arabo-islamico.

Quest’opera cinematografica appunto parla di Ibn Ruchd, meglio noto in occidente col suo nome latinizzato di Avveroè.  Avveroè fu un filosofo, medico, matematico e giurista arabo dell’ Andalusia, che Visse  nel XII secolo .

Il film è ambientato a Cordova, nella Spagna araba del 1195, dove il califfo Al-Mansour cerca di mediare la furia degli integralisti che hanno tra i loro bersagli il filosofo e scienziato Avveroè. Avveroè è un uomo estremamente religioso e allo stesso tempo fedele ai principi di tolleranza dell’Islam.

È lui il perno del film, che attraverso vicende e personaggi di secoli fa, ci permette di comprendere il nesso tra i problemi ed i fanatismi di allora e i quelli soprattutto religiosi che ci troviamo a discutere e a vivere oggi.

I temi affrontati, come abbiamo già detto, sono  appunto di estrema attualità.  Attraverso la narrazione delle vicende di Avveroè, il regista vuole mettere in luce, quel paradosso tra progresso scientifico, saggezza e quindi tolleranza da una parte e il fanatismo fondamentalista religioso dall’altra, che, figlio della mera ignoranza, diventa funzionale ad un preciso scopo, quello del Potere politico fine a se stesso.

Ecco che troviamo persone  che servendosi della religione arrivano ad attivare meccanismi di pura ipocrisia solamente per interessi economici e  politici. Ci parla  dell’estremismo, di come chi promuove questo tipo di fanatismo ai limiti della violenza  riesca a “svuotare” e di conseguenza indottrinare, servendosi di  “guerrieri asserviti “, giovani di diversi ceti e con diversi vissuti alle spalle.

Il destino quindi è sì un opera in chiave storica ma estremamente attuale in quanto ci aiuta a comprendere che tutto ciò che affligge oggi la nostra società ha sempre avuto lo stesso meccanismo e le stesse radici anche in tempi lontani e  persino in una società  così tollerante come quella arabo-islamica dell’Andalusia.

Un altro tema importante che tratta Yusuf Shahin è quello del valore della conoscenza apprezzata e divulgata dall’Andalusia a qualsiasi altra parte del mondo a prescindere dal credo, dalla provenienza o dalla destinazione.

Sappiamo che il pensiero di Avveroè ha contribuito fortemente alla storia della filosofia, del sapere e della cultura sia araba che occidentale anche per le sue traduzioni e i suoi commenti su Aristotele. Senza le traduzioni di Avveroè, il grande filosofo greco sarebbe stato pressoché dimenticato. Inoltre il pensatore e filosofo arabo è ricordato anche per gli enormi contributi dati nel campo dell’astronomia, della medicina e della fisica.

Oggi come mai l’attualità di Avveroè si fa più viva e credo che debba essere profondamente rivista e riposizionata nell’ambito della cultura islamica vera e propria. E anche per questo merita di essere guardato per darci spunti sui quali riflettere.

 

Written by Amani Sadat

 

http://youtu.be/HrWutNFBSG4

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Il Destino” di Yusuf Shahin: la storia del grande filosofo e pensatore arabo Avveroè - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Per chi non lo sapesse il cinema egiziano è uno dei più vecchi al mondo . La prima proiezione…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: