“Stanotte il cielo ci appartiene” di Adriana Popescu: un’atmosfera carica di sogni e di speranze

“Stanotte il cielo ci appartiene” di Adriana Popescu: un’atmosfera carica di sogni e di speranze

Ago 11, 2014

Stanotte il cielo ci appartiene“. Un titolo romantico, un’atmosfera carica di sogni e di speranze. Questo il nuovo romanzo della giovane scrittrice tedesca Adriana Popescu. Nata a Monaco nel 1980, ha scritto sceneggiati televisivi e ha collaborato per diverse testate giornalistiche internazionali. La sua avventura, come scrittrice, è cominciata in rete a cui è seguito questo romanzo dal titolo che incuriosisce.

Il lettore, infatti, viene messo in  condizioni di chiedersi: cosa vuole significare l’autrice con l’appartenenza del cielo? Un volo romantico a due? Oppure la realizzazione dei sogni dei giovani protagonisti? La risposta si scopre leggendo questo romanzo tutto di un fiato, immaginandosi i luoghi, i personaggi, le scene. Come se si assistesse a un film (e chissà che non lo diventi davvero?).

Layla, la protagonista di questa storia, è una fotografa che all’inizio è succube di un fidanzato, Oliver, che è descritto come uno che pensa molto a sé, antipatico subito al lettore, perché ha imposto alla sua ragazza un modo di vita che non è il suo. Amiche, lavoro e vita quotidiana, facendole mettere da parte la sua vera passione: Il desiderio di fotografare  immagini uniche in giro per il mondo.

È il suo fidanzato a scoraggiare Layla da questo fervore: fare la fotografa, anzi “la paparazza”, come definisce quasi banalizzandolo Oliver il lavoro della fidanzata, non porta soldi. E per vivere bisogna fotografare non persone, non immagini che ci colpiscono il cuore, ma eventi che possano poi fruttare. Una Layla che si è adagiata nel suo ruolo di fidanzata modello. Tanto che non si accorge più nemmeno dei sentimenti che prova per il fidanzato, che spesso la lascia sola per lavoro.

Una sera però è chiamata a lavorare in una discoteca dove incontra un ragazzo, Tristan, che vede ballare in mezzo alla gente una danza tutta sua. Layla è ipnotizzata da questo ragazzo che sembra appartenere ad un mondo di persone vere, tanto che decide di scattargli una foto. Ma questo provocherà un piccolo incidente tra i due: una gomitata di Layla lo colpirà in viso.

I due si rivedono. Infatti Tristan è un ragazzo che si dà molto da fare per guadagnarsi la vita: fa il buttafuori, il cameriere, il pony express. Sembra essere l’esatto contrario di Oliver: un vero vulcano di vita. Ma sarà veramente così? O è solo apparenza? Fatto sta che tra i due nasce un sentimento che porterà Layla a riscoprire la sua vera passione per le immagini vere.

Si sentirà infatti incoraggiata dalla presenza di Tristan, come in passato dalle lodi della nonna. Una serata a guardare le stelle cadenti sul tetto del pulmino farà scoprire alla ragazza i suoi veri sentimenti per Tristan, tanto da farlo diventare la sua musa ispiratrice. Ma lei ha un fidanzato e così Tristan.  Helen: il nome di questa ragazza. O almeno così sembrano essere tutti e due impegnati. Soprattutto  l’amore di Tristan per Helen sembra immortale ma nasconde un segreto…

E poi la descrizione della città dove è ambientata la storia: Stoccarda. Che diventa protagonista con i personaggi reali.  Vengono descritti ristoranti, discoteche, viuzze, chioschi di hamburger, ristorantini italiani come Il Prima Fila, protagonista di molti avvenimenti romantici della storia. Locali dove si gusta il sushi come il primo locale di questo tipo I love sushi della città. O la parte più importante della città il Palast der Republik, i jazz club come il Kiste. O pub raffinati come il Fishlabor. Per finire con la spiaggia cittadina formata dal fiume Neckar.

E su tutto il cambiamento di Layla. Un romanzo rosa, apparentemente, in realtà di formazione. E nell’ultima pagina il messaggio della scrittrice, attraverso le riflessioni di Layla.

“Finalmente ho trovato il coraggio di fare una cosa che avevo sempre sognato di fare: girare il mondo… e là fuori, da qualche parte, c’è un momento preferito che aspetta solo di essere fotografato da me… Tira il freno a mano e salta giù, fallo per te, soltanto per te… In te c’è molto più di quanto credi, fa di ogni momento il tuo momento preferito.”

Da qui si capisce anche il commento che l’editore Giunti ha messo in copertina. Su di essa in primo piano c’è una ragazza mora con i capelli legati ad una treccia, che si intravede dalla berretta, vestita di verde che sembra osservare il cielo e riflettere sul messaggio che ha imparato dalla sua esperienza di vita. Rendi speciale ogni attimo della tua vita. E questo è ciò che ogni lettore deve realizzare.

 

Written by Maria Romagnoli Polidori

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. “Stanotte il cielo ci appartiene” di Adriana Popescu: un’atmosfera carica di sogni e di speranze - oubliettemagazine - Webpedia - [...] “ Stanotte il cielo ci appartiene “. Un titolo romantico, un’atmosfera carica di sogni e di speranze. Questo il nuovo…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: