La mostra fotografica “Ruth Orkin + Morris Engel” a Milano fino al 3 agosto

La mostra fotografica “Ruth Orkin + Morris Engel” a Milano fino al 3 agosto

Lug 17, 2014

Sarà possibile visitare la mostra dei due fotografi e registi americani fino al 3 agosto, presso la Fondazione Stelline a Milano.

L’interessante rassegna, curata da Enrica Viganò, analizza con l’esposizione di una sessantina di fotografie, in bianco e nero e a colori, il percorso professionale di Ruth Orkin e Morris Engel, in più occasioni uniti da collaborazioni professionali, oltre che compagni nella vita.

Il materiale in esposizione spazia da immagini quotidiane di una New York vissuta intensamente, a scatti che colgono espressioni di personalità di spicco, tra questi Alfred Hitchcock e Montgomery Clift impegnati sul set di “Io confesso”, Marlon Brando in “Giulio Cesare”, ma anche Woody Allen ed Albert Einstein.

In un arco di tempo compreso tra la fine degli anni ’30 e i primi anni ’80, è evidente, soprattutto negli scatti “reali” dei newyorkesi, quanto la Orkin ed Engel ricercassero, fotografando per strada, la realtà di momenti cittadini assolutamente genuini.

Da bambini che giocano per strada, a coppie in relax sulle spiagge di Coney Island, si immortalano, oltre che espressioni e corpi in movimento, anche squarci di città con negozi, vetrine, usanze e prodotti tipici degli anni di riferimento, rivissuti nel massimo della spontaneità. Che si tratti di gente comune o di grandi artisti, però, ciò che emerge è un universo espressivo-emozionale che ha sempre caratterizzato i lavori della coppia.

La collaborazione professionale tra Orkin ed Engel, però, raggiungerà il culmine artistico con la realizzazione del film Little Fugitive (diretto nel 1953 dal trio Orkin, Engel, Ashley), che si aggiudicherà il Leone d’Argento a Venezia e una candidatura all’Oscar. Il film, che racconta la storia familiare di un bambino a Coney Island anticipa, come ammetterà François Truffaut, la corrente francese della Nouvelle Vague, restando fedele allo stile fotografico di interpretare la realtà circostante, tipico dei due coniugi americani.

La rassegna comprende anche la proiezione di due documentari curati da Mary Engel, che omaggia i genitori con “Ruth Orkin: Frames of Life” (1995), premiato al Sundance Film Festival nel 1996, e “Morris Engel: The Independent” (2008), premiato al Turner Movie Classics nel 2009.

I due approfondimenti rappresentano un tributo grazie a interviste agli amici, ai colleghi registi e fotografi che nel corso degli anni hanno collaborato con loro e ad alcuni dei soggetti protagonisti dei loro lavori più celebri.

Tra questi figurano Richie Andrusco, il piccolo protagonista del film “Little Fugitive” e Ninalee Craig, la studentessa americana di storia dell’arte immortalata nel celebre scatto del 1951 a Firenze di Ruth Orkin, American Girl in Italy.

 

Written by Irma Silletti

 

 

Info

Sito Stelline

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. La mostra fotografica “Ruth Orkin + Morris Engel” a Milano fino al 3 agosto - [...] Posted by Oubliette Magazine in ARTE, EVENTI, Fotografia, Fotografia, Lombardia, REGIONI | 0 comments [...]
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: