Intervista di Bernadette Amante al cantante toscano Rave

Intervista di Bernadette Amante al cantante toscano Rave

Lug 13, 2014

Lorenzo Focardi, in arte “Rave, nasce il 12 Ottobre 1994 a Prato. Inizia ad appassionarsi al mondo musicale in giovane età, con generi che vanno dal rock all’eurodance, ma è a 13 anni che scopre il mondo Rap/HipHop, genere grazie al quale nel corso degli anni riuscirà a convertire la sua passione per la scrittura in musica.

Così, dopo aver terminato i primi testi, nel 2011 registra per la prima volta in studio, caricando poi su Internet il suo primo singolo “Senza Te”, che conta ad oggi oltre 120000 ascolti complessivi su YouTube.

In seguito, visto l’ottimo riscontro ottenuto, fa uscire altri pezzi, che raccoglie in un MixTape fatto uscire a Marzo 2012, dal titolo “Dopo la nostra fine”.

Seppur con irregolarità, negli anni che seguono continua a scrivere e registrare altri singoli, allontanandosi sempre di più dal Rap e orientandosi verso il genere Pop/R&B, continuando comunque a ricevere condivisioni e apprezzamenti sulla rete.

A Maggio 2014 esce il suo secondo MixTape “Frattura”, composto da 18 tracce.

Noi di Oubliette Magazine abbiamo voluto raccontare qualcosa in più di questo giovane artista, eccovi l’intervista a Rave. Buona lettura!
B.A.: Ciao, grazie per avermi concesso questa intervista, inizio chiedendoti, quando hai iniziato a interessarti alla musica?

Rave: Credo che l’interesse per la musica sia qualcosa di insito in tutte le persone; personalmente non ho mai conosciuto nessuno a cui non piaccia ascoltare musica quando ne ha il tempo… Io più che altro ho sempre amato scrivere, fin da quando ero piccolo è stata una delle mie passioni più grandi. Intorno ai 14 anni poi, iniziai a pensare su come potevo diffondere quello che scrivevo, e ho trovato nella musica il mezzo migliore. Da qui sono partito e sono arrivato ad adesso…

 

B.A: Quanto è importante il rapporto con internet per un’artista?

Rave: Credo che al giorno d’oggi la diffusione dei propri contenuti sul web sia fondamentale se si desidera avere un minimo di riscontro. Internet è il media migliore da questo punto di vista per tre motivi: è gratuito, rende virali i contenuti che lo meritano (a parte poche eccezioni) ed è alla portata di tutti. Non a caso, un sacco di artisti che oggi sono molto affermati hanno iniziato proprio su Social Network come MySpace e YouTube la loro carriera. Inoltre, internet consente ad ogni produttore di contenuti, musicali e non, di creare a lungo termine un pubblico molto più solido e valido rispetto a quello che è possibile ottenere in tempo minore tramite altri media, come la televisione.

 

B.A.: Quali artisti hanno influenzato maggiormente il tuo stile?

Rave: Cerco di ascoltare tutti i generi musicali senza limitarmi a uno in particolare in quanto sono convinto che ogni genere sappia regalare cose diverse in modo diverso. Comunque, oltre ai “soliti”, americani e non, che ascoltano tutti e che trovo superfluo elencare (Eminem e co. per intendersi), ascolto molto artisti come Timbaland, Jay Sean, Flo Rida e T. Mills, per poi andare su altri generi con gruppi come gli Abandon All Ships, Linkin Park, I see Stars… Ovviamente ascolto anche un sacco di musica italiana; ho detto solo i primi che mi sono venuti in mente, sono troppi quelli che seguo per elencarli tutti! Ahah

 

B.A: Cosa ne pensi dei Talent Show?

Rave: Non mi sono mai interessato a questo argomento; non ho nulla contro a chi vi partecipa, ma non credo nelle scorciatoie e ritengo che il successo e l’appoggio degli altri vadano conquistati con le proprie forze. Non ha caso, molto spesso, chi esce da questi programmi rimane “famoso” per un anno o due, e poi sparisce nel nulla.

 

B.A: Qual è il messaggio che vuoi trasmettere ai tuoi ascoltatori?

Rave: Non saprei proprio… Ogni testo ha il suo messaggio, ognuno sceglierà quello più adatto a se!

 

B.A.: Hai dei progetti per il futuro?

Rave: Se dico di no cado nel banale? Ahah Seriamente parlando, non ho molte idee in testa, spero solo di poter continuare a fare quello che mi piace anche senza avere nulla indietro.

 

B.A.: Per concludere, c’é qualcosa che vorresti dire ai tuoi fans?

Rave: Non mi piace la parola “fans”! Ahah Li considero più come tanti conoscenti sparsi per il mondo! E sinceramente, non saprei proprio cosa dirgli!

 

Written by Bernadette Amante

 

http://youtu.be/2vtWkmIb6Tc

 

Info

Facebook Rave

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: