La paleoarte del canadese Julius Csotonyi: la nuova vita dei dinosauri

La paleoarte del canadese Julius Csotonyi: la nuova vita dei dinosauri

Giu 21, 2014

Se gli animali preistorici hanno sempre esercitato su di voi un certo fascino e siete amanti della paleontologia, vi segnaliamo l’opera dell’artista canadese Julius Csotonyi. I suoi disegni vi accompagneranno indietro, come una sorta di “macchina del tempo”, e vi permetteranno di trovarvi faccia a faccia nientemeno che con i dinosauri.

Questo tipo di arte, detta Paleoarte, nasce da un attento studio di tutto ciò che la paleontologia conosce a proposito di questi animali. Ogni zanna, ogni zampa disegnata dall’artista, nasce in realtà da un attento e fedele studio delle fonti storiche. Nulla è lasciato al caso o all’invenzione. È un mondo che vive di contrasti, di colori brillanti e decisi, di denti acuminati che spuntano da bocche di creature solo in apparenza mitologiche.

Ho iniziato a disegnare dinosauri quando ero un bambino, come fanno in tanti – afferma l’artista – Crescendo, però, non ho mai abbandonato la mia fase ‘dinofila’. I dinosauri appartengono ad un mondo che ci è alieno. La mia curiosità per ciò che è inesplorato e sconosciuto mi ha portato sia a coltivare l’interesse per le illustrazioni di dinosauri, sia a delineare il mio percorso professionale nella scienza”.

Julius Csotonyi ha un sito internet dedicato ai suoi lavori, dove possiamo ammirare tutto quello di cui stiamo parlando. Inoltre, “The Paleoart of Julius Csotonyi” è diventato un libro, in vendita su Amazon. Quella che viene chiamata “Paleoarte è da sempre uno dei più importanti veicoli per la divulgazione delle scoperte paleontologiche.

Tale arte consente di “riportare in vita”, attraverso disegni o modellini, animali che non possiamo più ammirare dal vivo, perché estinti. I dipinti e le sculture dei paleoartisti, da anni affiancano i fossili presenti nei musei e le loro rappresentazioni grafiche risultano fondamentali nella pubblicazione scientifica di libri e riviste che trattano questo genere. Il grande pubblico necessita di conoscere l’aspetto e le abitudini degli animali oggi estinti.

Attraverso i reperti, è possibile ricostruire con precisione gli eventi che hanno caratterizzato la vita di alcuni esemplari. L’attenzione è rivolta soprattutto ai dinosauri, per il fascino misterioso che da sempre esercitano sull’essere umano. Animali tanto possenti e all’apparenza perfetti, che in breve tempo non hanno saputo conservare la propria specie, e hanno dovuto arrendersi all’estinzione. Spettacolari le immagini. In tutte si evince una lotta per la sopravvivenza, per il cibo.

Gli animali sono mossi da un istinto primordiale, la loro è pura fisicità. Come quella di un Megalodonte, antenato del nostro squalo bianco, che con le fauci spalancate insegue un Platibelodonte, progenitore dell’elefante. Scene cruente di una natura selvaggia e non ancora regolata dall’intervento dell’uomo.

Due Acheroraptor hanno la meglio su un T.Rex nell’accaparrarsi una carcassa, e i loro corpi sono dipinti con dovizia di particolari: le piume, il pelo, i colori forti. Sembra che la scena si materializzi davanti ai nostri occhi, sembra reale. Un Brachiosauro “saluta” il nuovo giorno, con tutte le sfumature che il suo corpo, dal collo lunghissimo, offre ai primi raggi del mattino.

Un Duodonte, un mostro marino dai denti spaventosi, sta nuotando in controluce, dando origine ad una serie di suggestivi riflessi e sfumature di blu. E poi tanti altri animali, dai colori vivaci, dai corpi incredibilmente reali. Ai nostalgici di Jurassic Park consigliamo queste opere. Nel ricostruire il nostro passato ce n’è davvero per tutti i gusti.

 

Written by Cristina Biolcati

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: