“Con le spalle al muro”, libro di Fiorella Carcereri: un dramma che si abbatte sulle spalle della Famiglia Ferrari

“Con le spalle al muro”, libro di Fiorella Carcereri: un dramma che si abbatte sulle spalle della Famiglia Ferrari

Apr 17, 2014

Pubblicato nel marzo 2014 (edizione SensoInverso), “Con le spalle al muro” è il secondo romanzo dell’autrice Fiorella Carcereri. Abituato ai suoi precedenti lavori, il lettore resterà di certo stupefatto dal radicale distacco di questo breve romanzo dai precedenti scritti dell’autrice.

Non più l’amore come nucleo centrale, come nelle sue raccolte poetiche, non più la storia di crescita di una donna, come in Amore Latitante. Troviamo in questa nuova opera la descrizione di un dramma totale che si abbatte sulle spalle della famiglia Ferrari.

Un dramma ambientato nel 2012, in piena crisi economica, che vede lo sfacelo dell’azienda di famiglia, un traguardo conquistato da marito e moglie con anni di duro sacrificio e che sarà soltanto la punta dell’iceberg di una serie di tragedie familiari che andranno a colpire i protagonisti: Marcella ed i figli Luca e Giulia.

Ancora una volta, come nel precedente romanzo, troviamo la storia di una donna, ma si tratterà questa volta di vederla fronteggiarsi con una situazione radicalmente inversa rispetto alla precedente, in cui dovrà accettare e tentare di spiegare quei momenti di mutazioni stravolgenti in cui le sole proprie capacità di ciascuno di noi non sono più sufficienti per reggere da soli sulle spalle tutto il peso del proprio mondo. La storia è grigia come il cielo della provincia in cui è ambientata, scandita asetticamente dal rintocco mensile che divide i suoi capitoli. Si apre in una ferrea e rugginosa giornata di periferia, illuminata soltanto dalla luce sgangherata del neon dell’azienda fatiscente, che resterà ad illuminare ad intermittenza come un incubo gran parte della vicenda.

FIORELLA CARCERERI

Le sensazioni avvincenti che avvolgono per le prime cinquanta pagine si trasformano di colpo in un senso di surreale angoscia, si rischia di rimanere come soffocati, senza ossigeno, come se stessimo annegando anche noi come la protagonista. Quando però sembra tutto perduto, ecco il raggio di sole.

Un raggio di sole, che tornerà decisivo anche a fine romanzo, abbraccia i due figli di Marcella. Loro, che mostrano come venga avvertita una crisi, la loro crisi, anche da parte di chi si è cercato di proteggere fino alla fine, si rivelano cuore e braccia di quel che resterà della famiglia Ferrari.

Loro saranno pronti fin da subito a stringersi forte agli affetti, saranno pronti a rinunciare e a sorreggere una madre duramente provata.

Loro saranno la prova schiacciante che anche quando la crisi è più nera, anche quando non ci sono più scrupoli, i sentimenti più veri sono la più grande salvezza.

 

Written by Francesca Lettieri

 

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: