“77 fiabe buffe”, raccolta di 25 autori curata da Diego Luci: la rielaborazione umoristica delle fiabe più conosciute

“77 fiabe buffe”, raccolta di 25 autori curata da Diego Luci: la rielaborazione umoristica delle fiabe più conosciute

Apr 17, 2014

Sono tornati gli autori del Gruppo Facebook “Libri Stellari” con le “77 Fiabe Buffe”, un libro a cura di Diego Luci, pubblicato da Youcaprint.

Dopo “Le donne e il mare” e “Gatto mon amour”, questa volta si sono cimentati in un genere letterario solo all’apparenza facile:la fiaba. Comedi consueto, ai componimenti degli autori sono state applicate delle condizioni.

Le storie dovevano essere umoristiche e il personaggio principale, oppure il titolo, doveva appartenere a una fiaba del repertorio classico, mentre la lunghezza del testo poteva essere a piacere”, ha affermato Luci, amministratore e cofondatore del gruppo. Diego Luci è uno scrittore, grafico e fotografo che risiede a Piombino, in provincia di Livorno.

Sua è stata l’idea di creare questa raccolta di fiabe in versione umoristica; un volume adatto a grandi e bambini. Egli ha selezionato le illustrazioni che compongono i testi, alcune delle quali sono state disegnate personalmente. Il libro contiene 42 illustrazioni, di cui10 acolori.

C’era una volta un libro di fiabe…” è la didascalia che apre la raccolta, il cui scopo è quello di divertire, dobbiamo aggiungere. Le trame subiscono delle rielaborazioni personali, dal risvolto paradossale e spesso buffo, seguendo il filo della fantasia di ogni singolo autore. I componimenti sono 77, più o meno brevi, e ciascuno di essi rielabora in maniera comica fiabe classiche.

Un esempio può essere “Il mio regno per una zucca” di Anna Rita Foschini, che rifacendosi alla fiaba di Cenerentola scrive: “Il ballo si rivelò di una noia mortale, e il principe…per carità, quel ragazzotto foruncoloso! Cenerentola guardò la sua enorme zucca: «Beh, meglio tornare a casa subito» disse la ragazza tra sé, «sono ancora in tempo per tagliarla e friggerla, ho una fame che non ci vedo…Al diavolo il regno e il matrimonio!»”.

Le fiabe ci sono davvero tutte. Per citarne alcune, troverete Cenerentola, Cappuccetto Rosso, il Gatto con gli Stivali, i Tre Porcellini, Peter Pan, il Brutto Anatroccolo, Pollicino, Alice nel paese delle meraviglie, Hansel e Gretel e tante altre. Sono presenti le favole classiche, opera dei fratelli Grimm, di Perrault, di Andersen; così come fiabe meno note. Mignolina ela Gatta Biancane sono un esempio. Trame rigorosamente stravolte e rielaborate in chiave umoristica.

Gli scrittori che hanno preso parte all’iniziativa sono: Marco Barbaro, Raffaella Barbon, Alfredo Betocchi, Cristina Biolcati, Giuseppe Ciucci, Cristina Paola Colesanti, Alex Coman, Grazia Dalberto, Stella Demaris, Ritanne du Lac, Rosanna Fontana, Anna Rita Foschini, Rossana Foschini, Jole Gallo, Alice Ki, Vincenza Lancione, Maria La Placa, Vincenza La Placa, Diego Luci, Jessica Maccario, Barbara Magherini, Fabio Nocentini, Marina Paolucci, Antonio Pittau e Sonia Sonya.

Un libro per trascorrere qualche ora spensierata, leggendo storie che hanno accompagnato la nostra infanzia e adesso quella dei nostri figli e nipoti. Fiabe con sottintesi intenti formativi o di crescita morale, che qui trovano un riscontro umoristico e si trasformano in occasione per farsi qualche sana risata. Testimonianza di dove possa arrivare la fantasia, quando ci si mette d’impegno.

Nonostante sia opinione comune che le fiabe siano pensate per intrattenere i bambini, in realtà esse sono un piacevole passatempo per chiunque. E quando poi sono completamente “stravolte” come quelle del gruppo di “Libri Stellari”, non conoscono età.

 

Written by Cristina Biolcati

 

4 comments

  1. Nella nuova versione di “77 Fiabe Buffe”, rilasciata nell’aprile 2015, sono state eliminate le tre fiabe di Grazia Dalberto e sostituite con le seguenti:

    – La Vecchina dell’Aceto, “Divina Sentenza”;

    – Amica Aliena, “Lo specchio della vendetta”;

    – Giuseppe Ciucci, “Il principe sulla patata”.

    Buona lettura! ;-)

  2. Grazie Etoile.
    Infatti avevamo recensito il libro poco dopo la sua uscita, quindi nella sua prima versione. Anche le nuove fiabe, comunque, sembrano buffe :D
    Un saluto.

  3. Grazie a Oubliette Magazine e a Cristina Biolcati ;-)

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: