Catania: una passeggiata tra le luci e le ombre di una città eterna

Catania: una passeggiata tra le luci e le ombre di una città eterna

Mar 12, 2014

Cari lettori oggi vorrei parlarvi della bellissima Catania, la città eterna che ha dato i natali a grandi personaggi come il musicista Vincenzo Bellini e tanti altri artisti.

In modo particolare vi vorrei parlare di alcuni aspetti che colpiscono immediatamente il visitatore che ha deciso di fare una bella passeggiata per le principali vie di Catania, in particolar modo per Via Etnea che dal Duomo giunge al Tondo Gioiemi. È preferibile iniziare la visita in senso inverso e spiegheremmo il perché.

Passeggiando per questa lunga via (circa 3 km) si può apprezzare le affacciate dei palazzi e ville aristocratici, tutte decorate per lo più in pietra e  subito accanto al portone dell’ingresso un cartellino che riporta il nome della famiglia, il secolo a cui risale e l’architetto che ha curato la realizzazione dell’edificio.

Continuando la nostra passeggiata per Via Etnea, la nostra curiosità artistica e culturale delle bellissime sculture, ad esempio il monumento a Vincenzo Bellini o la Villa Bellini, principale spazio verde di Catania. Di notevole pregio artistico e storico si presentano all’occhio del visitatore i resti dell’antico anfiteatro e della Basilica Collegiata distrutta dal terremoto del 1693 e ricostruita nel XVIII secolo.

Partendo dal Tondo Gioiemi e scendendo verso il centro e continuando per la Via Etnea, il visitatore può essere distratto dalle bellezze artistiche dai negozi e attività gastronomiche che fanno da cornice a un giusto rapporto tra antico e moderno.

E qui purtroppo si incontra il primo neo della Via e dell’itera città, ovvero il numero sempre maggiore di attività commerciali che stendono ad andare avanti o sono costretti a chiudere. Tuttavia nell’ultimo periodo si è registrato fortunatamente, qualche apertura di nuovi negozi.

Giunti alla fine di Via Etnea, se ricordati abbiamo iniziato la nostra passeggiata in senso inverso, io personalmente preferisco così, per apprezzare al meglio le bellezze che si incontrano e per facilitare la camminata, nel caso contrario si arriverebbe in cima alla via con il fiatone.

Si può ammirare il palazzo dell’Università e Palazzo San Giuliano costruiti entrambi in stile barocco. Il punto principale della via e di tutta la città è senza alcun dubbio Piazza del Duomo, dove sorge la bellissima Cattedrale Sant’Agata, dove sono conservate le reliquie della Santa catanese.

Elemento principe della piazza è senza dubbio la Fontana dell’elefante, l’elefante è l’immagine simbolo di Catania. La Fontana dell’elefante è l’opera monumentale realizzata tra il 1735 e il 1737 da Giovanni Battista Vaccarini.

Questo è solo un piccolo assaggio delle bellezze che il visitatore più apprezzare. Purtroppo con l’amarezza nel cuore devo descrivere la presenza di senza tetto, mendicanti, gente proveniente da ogni luogo, sofferenti costretti a chiedere l’elemosina. Disperazione che si assomma alla povertà, nonostante le strutture laiche e religiose che cercano di dare conforto, aiuto a questa povera gente.

Le città come Catania sono bellissime da un punto di vista artistico – culturale, se da un lato siamo illuminati da tali meraviglie non possiamo chiudere gli occhi e la coscienza quando incontriamo il bisognoso.

 

Written by Rosario Tomarchio 

 

 

Nessun commento

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Trackbacks/Pingbacks

  1. Catania: una passeggiata tra le luci e le ombre di una città eterna - oubliettemagazine - Webpedia - [...] Cari lettori oggi vorrei parlarvi della bellissima Catania , la città eterna che ha dato i natali a grandi…
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: